PallaVoto: Lube voto 50! Hernandez: spompo. Ngapeth: Il risveglio della forza

1424

copertina pallaVOTO_14_03_2017

LUBE CIVITANOVA voto 50: Ovvero il differenziale tra sé e Vibo in termini di punti. Sei set nei quali una volta Vibo è arrivata a 20 per il rotto della cuffia, nelle altre cinque occasioni non ha mai superato i 18. La media dice che i marchigiani hanno vinto ogni set 25 a 16,6. Insomma, una roba mostruosa, non so se i numeri rendono.

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA voto 6: Il campionato è da oscar, la battaglia con Ravenna all’ultima di regular season pure, il play off un po’ troppo pavido. La squadra di Kantor ci ha provato in gara -2, forzando (male) il servizio. Ed è vero che la Civitanova di oggidì è imprendibile. Però qualcosina in più di 16 punti di media a set forse si poteva fare.

Stokr contro Monza - foto © Tarantini
Stokr contro Monza – foto © Tarantini

JAN STOKR voto COMEBACK: Anche Monza, come Vibo, si è presentata troppo molle e con la pancia piena ai play off. Ma il randellatore ceco ha attaccato sopra il 60% in entrambe le partite. Se fossimo Perugia, un occhio alla zona uno-due trentina ce lo butteremmo.

PIPPONE LANZA voto MEGLIO: Meglio di Stokr? Sì, perché 55% in attacco alla prima e 76% alla seconda fa meglio. Atanasijevic e De Cecco saranno la sua personale macchina della verità.

THOMAS BERETTA voto 4: Come i punti messi a segno in sei set dei play off, 3 su 9 in attacco e un muro. Sono lontani i fasti del match casalingo con Sora, e pare che i re del ‘gothic metal’ Evanescence gli abbiano già offerto uno posto nella band. Thom, si fa per ridere eh!

HERNANDEZ RAMOS voto SPOMPO: Un altro che si è sciolto come neve al sole nel momento caldo e in modo particolare nella gara casalinga dei quarti. Ha spinto tutto l’anno, ha probabilmente esagerato nel voler rimanere in campo a Modena (in un match che non contava nulla per la Lpr) allo scopo di battere Sabbi nella classifica dei bomber di SuperLega, ne ha pagato pesantemente lo scotto. Nessuno si aspettava che Piacenza passasse il turno, che però desse qualche grattacapo in più alla Sir sì.

papi_zlatanov_fantavolley
Papi e Zlatanov: Grazie

ZLATANOV E PAPI voto GRAZIE: Cari i miei ragazzini, ci mancherete. Eccome, se ci mancherete.

PODRUSSATANAYTSEV voto 9: Il mostro a quattro teste della Sir Safety Perugia è spaventoso. In gara -1 Russell e Zaytsev attaccano sopra al 60%, Atanasijevic al 59%, Podrascanin guarda. In gara -2 Potke carica i compagni con un portentoso 8 su 10 in attacco, 2 muri e 2 ace a condire, Russell continua a bastonare al 64%, lo Zar e Atanasijevic si riposano. Io se posso evitarli oggi li evito, anche in un contest a chi beve più birra.

I PRIMI TRE QUARTI voto 2: Salita di livello eh la SuperLega, per l’amor di dio, chi lo contesta. Chi lo contesta? Beh noi no, la matematica sì. Diciamo che 18-0 in termini di set fra le tre favorite e le tre sfavorite non depone proprio a favore della tesi della crescita.

CALZEDONIA VERONA voto 5: La reazione dell’Azimut soprattutto in gara -2 è stata veemente e giocarsi quasi tutto lo spareggio senza Djuric è stato un handicap fatale. Ma Verona paga (ancora) a caro prezzo le proprie amnesie psicologiche quando deve gestire la pressione. Nel match in casa era favorita, e di fatto non ha visto palla, tornando a giocare più sciolta (e meglio) proprio quando Djuric è uscito e non c’era più nulla da perdere.

Kovacevic vs muro Modena - foto © tarantini
Kovacevic vs muro Modena – foto © tarantini

UROS KOVACEVIC voto 10: Termina qui la stagione dell’eburneo mancino, che credo sia il giocatore con la media più alta qui in PallaVoto. Scostante e mai decisivo nella serie contro Modena, nemmeno nel match vinto, un suo attacco in controtempo contro muro a tre durante la bella vale da solo tutti gli abbonamenti staccati dall’Azimut. Mi mancherai nei prossimi due mesi, Uros del mio cuore.

LA STAFFETTA ORDUNA-TRAVICA voto 8: Prima cosa da sottolineare: la professionalità di Orduna. Seconda cosa da sottolineare: il coraggio di Tubertini nell’alternare i due. Terza cosa da sottolineare: l’efficacia non tanto del palleggio quanto della distribuzione di Travica, che nessuno si aspettava a questi livelli dopo due anni tra Turchia e Iran e due mesi di stop totale. Rivera e Mazzola si sono fermati a un passo dal traguardo. Loro due?

EARVIN NGAPETH voto THE FORCE AWAKENS: Il risveglio della forza inizia in gara -1, quando il francese se non altro mette i piedi giù dal letto, si manifesta prorompente in gara -2 e nei primi due parziali di gara -3. Il fiato non è ancora quello dei tempi migliori, la spietatezza in campo sembra invece essere tornata quella della primavera 2016. Fossimo nella Lube staremmo sereni ma non troppo.