L’Al Rayyan festeggia il successo al fotofinish – foto Qatar_Olympic
Coppa del Principe: Finale (12 aprile)
Al Arabi -Al Rayyan 2-3
(26-24, 21-25, 25-22, 21-25, 18-20)
Al Arabi: Al-Hitmi Saeed (P) 1, Mohamed Jumah (O) 12; Leonardo Leyva Martinez (S) 37, Raphael Thiago De Oliveira (S) 6; Thiago De Guimaraes (C) 8, Mohamed Ibrahim (C) 17; Renan Ribeiro (L). Amir 0. All: Moawia Al Ajnaf.
Al Rayyan: Mario Mocic (P) 7, Michael Sanchez Bozhulev (O) 35; Tine Urnaut (S) 23, Mohamed Al-Oui (S) 4; Osamn Hassn Ajab (C) 3, Mubarak Dahi Waleed (C) 0; Suliman Saeed Saad (L); Ventislav Ragin (C) 5, Ali Ishaq Sherwel (S) 7, Ali Hassan Asadi (P) 0. All: Ljubomir Travica.

DOHA – Va all’Al Rayyan di coach Ljubo Travica, dell’opposto cubano Michael Sanchez Bozhulev e dello schiacciatore Tine Urnaut la Coppa del Principe. L’Al Arabi di Leonardo Leyva Martinez e Raphael Thiago De Oliveira si arrende 18-20 al tie-break dopo aver fallito 3 match-point.
L’Al Rayyan, in cui brilla anche il giovane palleggiatore croato Mario Mocic, centra così il 2° trofeo stagionale dopo la vittoria in campionato mentre la stagione si chiuderà con la Emir Cup in cui ulteriori stranieri di rango potrebbero andare a rafforzare i vari team.

La cronaca
1° set:
Avvio favorevole all’Al Arabi che con 2 ace di Rapha arriva al 10-5. La ricezione dell’Al Rayyan soffre in tutti i suoi uomini e con l’ace di Leyva si arriva al 2° time-out tecnico: 16-8. Travica inserisce Ragin ed Ishaq al posto di Waleed e Al-Oui e l’ingresso dello schiacciatore dona molto più equilibrio in seconda linea. Urnaut inizia a carburare dopo un avvio stentato e l’Al Rayyan ritrova la parità a quota 18 dopo un break di 5-0 chiuso dal muro di Sanchez su Leyva. L’ace di Urnaut dà il 1° vantaggio all’Al Rayyan (19-20), ma il finale è dell’Al Arabi che passa dal 23-24 al 26-24 con 2 punti di Leyva ed il muro di Thiago su Urnaut.

2° set:
La partita è ora equilibrata e nessuna delle 2 squadre prende più di 2 punti di vantaggio. Punteggio in bilico fino al 21-21 poi 3 punti consecutivi di Sanchez ed un ace di Urnaut valgono il 21-25.

3° set: Tre break-point di Leyva ed il muro di Jumah su Sanchez valgono l’11-6. L’Al Rayyan scivola anche al -7 (20-13) poi si riprende, ma un contrattacco out di Urnaut chiude il set: 25-22.

4° set: L’Al Rayyan prende un doppio break con un muro di Ragin ed un contrattacco di Sanchez (9-12), ma la parità torna a quota 18 con Leyva che però poi attacca out il 18-20. L’ennesimo tocco di seconda di Mocic vale il 21-23 poi Urnaut e l’ace di Ishaq su un deludente Ribeiro valgono il tie-break: 21-25.

5° set: Punteggio in bilico fino al 6-6 poi 2 punti di Sanchez, un muro di Ragin su Leyva e l’ace di Ishaq (6-10) sembrano fare il gap decisivo invece Rapha firma il -2 (8-10) e sull’errore di Urnaut si torna in parità: 10-10. Jumah mura Urnaut ed è 12-11, ma lo sloveno si rifà con l’ace del 13-14. Al Arabi di nuovo in vantaggio sull’errore di Sanchez (16-15), ma 2 servizi errati ed Urnaut annullano i match-point: 18-18. Decidono un muro a 3 su Leyva ed una palla out del cubano: 18-20.