Coppe - 12 aprile 2023, 02:35

Champions League e Cev Cup: Novara per le Finals, Scandicci per la Coppa

Champions League e Cev Cup: Novara per le Finals, Scandicci per la Coppa

CHAMPIONS LEAGUE - SEMIFINALI - RITORNO
Eczacibasi Istanbul - Igor Gorgonzola Novara 12/04 - ore 18.00 (Andata 3-2 per Novara)
Fenerbahçe Istanbul - VakifBank Istanbul 13/04 - ore 18.00 (Andata 3-0 per il Fenerbahçe)

CEV CUP - FINALE - RITORNO
Savino Del Bene Scandicci - CS Voley Alba Blaj 12/04 - ore 20.30 (Andata 3-1 per Scandicci)

MODENA - Oggi è uno di quei giorni che può scrivere la storia di una stagione. A Istanbul, Novara, l'ultima italiana in gioco in Champions League, affronterà alle 18 italiane le padrone di casa dell'Eczacibasi dopo il 3-2 del PalaIgor, per conquistare l'accesso alle Super Finals di Torino. Dopo il trionfo di Chieri in Challenge Cup, un'altra italiana sarà invece pronta a giocarsi il tutto per tutto per alzare al cielo una coppa europea: alle 20.30, nella cornice di Palazzo Wanny, Scandicci affronta l'Alba Blaj nella finale di ritorno di Cev Cup dopo l'1-3 dell'andata

CHAMPIONS LEAGUE - Ad una settimana dall'impresa del PalaIgor, l'Igor Gorgonzola Novara vola in Turchia per la semifinale di ritorno di Champions League contro l'Eczacibasi Istanbul. Una sfida iniziata nel migliore dei modi in Piemonte, con le ragazze di coach Lavarini capaci di imporsi al tie-break sull'ostica formazione guidata da Ferhat Akbas e capitanata dall'MVP degli ultimi mondiali Tijana Boskovic. Dopo il 2-0 iniziale e la rimonta turca, culminata con un vantaggio di 2-6 al quinto set, le zanzare sono state capaci di mantenere i nervi saldi e, guidate da Ebrar Karakurt e Caterina Bosetti, hanno ribaltato la situazione ottenendo un successo fondamentale in vista della gara di ritorno odierno alle 18 italiane (diretta Eurosport2) al Burhan Felek Voleybol Salonu di Istanbul. Per passare il turno e accedere alle Super Finals di Torino, Novara dovrà vincere almeno due set: poi, in caso di successo da tre o due punti potrà festeggiare, mentre in caso di sconfitta al tie-break dovrà invece disputare e conquistare il Golden Set. Capitan Chirichella carica le compagne: "Quella di Istanbul è una delle partite che noi atlete sogniamo di giocare, perché ci giochiamo l'accesso a una finale di Champions League e possiamo sfidare una formazione fortissima piena di campionesse. Il risultato della partita di andata è tale da far sì che di fatto si riparta 0-0 e dovremo vivere ogni scambio con la consapevolezza che possa essere quello decisivo per fare la differenza. Loro sono fortissime ma anche noi abbiamo dimostrato di esserci meritate il percorso fatto e ora faremo di tutto per allungare questo percorso ancora un po'".

CEV CUP - Undici sfide europee e dieci vittorie. Questo il percorso europeo della Savino Del Bene Scandicci che questa sera alle ore 20.30 (diretta su Rai Sport, Eurosport2), scenderà in campo a Palazzo Wanny per l'ultimo appuntamento della Cev Cup: la finale di ritorno contro il CSM Voley Alba Blaj. Una settimana fa, davanti ai duemila spettatori della Sala Sporturilor di Târgu Mureș, le toscane si sono imposte 1-3 contro le rumene, ottenendo un importante vantaggio per la sfida finale: basterà infatti conquistare due set per alzare al cielo la coppa e coronare il bis europeo dopo il successo dello scorso anno in Challenge Cup. Un cammino iniziato con il Galatasaray, e proseguito con  Mladost Zagreb, Palmberg Schwein, SC Potsdam e THY İstanbul, in un percorso fatto di 32 set vinti e 978 punti segnati. Nel mezzo, anche il secondo posto raggiunto in campionato, per una stagione che potrebbe rivelarsi storica per la squadra guidata da coach Barbolini. Che però ci tiene a mantenere i piedi per terra, cercando di affrontare la partita contro le ragazze di coach Ljubičić con lo stesso spirito visto nella gara d'andata: “Siamo alla fine del cammino, un cammino lungo iniziato quattro mesi fa e che ora ci porta all'ultimo step da fare, sicuramente il più difficile. Abbiamo fatto un buon lavoro in Romania e partiamo quindi con un buon vantaggio, che però non ci deve far pensare di aver concluso. Con questa formula l'ultima partita è sempre quella decisiva ed ogni situazione può essere ribaltata. Dobbiamo essere bravi a migliorare in quelle cose che possiamo fare meglio, anche perchè la seconda partita ti permette di avere una migliore preparazione. Mi aspetto un partita ancora più bella e combattuta rispetto a quella dell'andata".
 

Redazione Volleyball.it

SU