A1 F.: Casalmaggiore vince a Roma 3-1. Stop per Rahimova, Malual MVP

504
Casalmaggiore vince a Roma

3. GIORNATA DI ANDATA
ACQUA & SAPONE ROMA – VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE 1-3 (24-26 18-25 25-23 21-25)
ACQUA & SAPONE ROMA: Pamio 10, Cecconello 6, Klimets 23, Stigrot 12, Trnkova 8, Bugg 2, Venturi (L), Decortes 2, Rebora 1, Arciprete 1, Papa. Non entrate: Bucci (L), Avenia. All. Saja.
VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE: Shcherban 18, Guidi 3, Malual 21, Braga 20, Zambelli 7, Bechis 3, Carocci (L), White 1, Mangani, Ferrara (L), Szucs. Non entrate: Rahimova, Di Maulo, Zhidkova. All. Volpini.
ARBITRI: Luciani, Talento.
NOTE – Spettatori: 700, Durata set: 31′, 24′, 31′, 30′; Tot: 116′.

ROMA – È stata una partita non facile per l’Acqua & Sapone quella che ha visto dopo quattro set al cardiopalma uscire vincitrice la VBC Trasporti Pesanti Casalmaggiore 1-3. La formazione guidata da Volpini ha dato qualcosa in più nei momenti più salienti del match allestendo un’ottima prestazione difensiva e nella fase di contrattacco con Adhouljok MVP del match (21 punti). Roma, nonostante Stigrot e Klimets mettano 35 punti a referto e Pamio giochi un’ottima gara, non riesce ad entrare mai pienamente in partita e si lascia scappare un’occasione importante in vista dell’obiettivo salvezza.
Ferma precauzionalmente Rahimova per un fastidio muscolare, ci pensa una Malual da 21 punti a non far rimpiangere l’Azera oltre ad una super prestazione anche di Braga (20) e Shcherban (18).

SESTETTI – Coach Stefano Saja schiera Bugg e Klimets nella diagonale principale, al centro Trnkova’ e Ceconello, le schiacciatrici Stigrot e Pamio, Venturi è libero. Casalmaggiore scende in campo con Adhouljok opposta a Bechis, Guidi e Zambelli centrali, Shcherban e Braga schiacciatrici e Carocci libero.

LA PARTITA – Nel primo set parte subito bene Roma portandosi sul +3 (7-5) grazie a un’ottima correlazione muro-difesa che contiene l’avanzata di Bechis e compagne. Fa resistenza, a sua volta, Casalmaggiore con Shcherban e Braga, ma sul tentativo di riportarsi in gara è la capitana Stigrot a sbarrare la strada alle avversarie (10-7). Un’azione al cardiopalma vinta da Casalmaggiore mette sull’attenti Roma, innescando una reazione che con Pamio trova due break importanti (16-12). In difesa Casalmaggiore trova tutto: le lombarde si portano sotto fino a riuscire l’aggancio e poi il sorpasso (21-22). Le contendenti procedono punto a punto fino ai vantaggi quando dai nove metri le lombarde trovano il 24-26 e il primo set.

L’avvio della seconda frazione lo trova Casalmaggiore che prima penetra nella ricezione romana con Guidi al servizio (0-2) e poi sfrutta alcuni errori delle romane. Saja ferma tutto sul 1-5: Roma rientra in campo e prova a cambiare atteggiamento contro un’avversaria che non concede nulla con Shcherban e Adhouljok che trovano traiettorie ficcanti (9-11). Questa volta è Casalmaggiore a prendersi la testa dell’incontro: le Wolves alzano il livello della difesa, ma pagano caro qualche passaggio a vuoto (12-17). Il coach Saja le richiama a sé: ottiene la reazione desiderata, non sufficiente però a contenere una prestazione ottima del libero Carocci e compagne che dal 16-21 non incontrano ostacoli fino a chiudere il set sul 18-25 con Zambelli in fast.

Il terzo set rivede Roma partire col piede giusto con Klimets da fondo campo e Pamio che svetta sulle mani avversarie trovando il +4 (8-4). Le ospiti non si lasciano spaventare dal vantaggio e con Adhouljok e Carocci in difesa rosicchiano punti importanti (12-9). Roma corre e coach Volpini tenta di bloccarla col primo time out del set. La scelta si rivela azzeccata con il sestetto di Casalmaggiore che trova la parità sul 20-20. Da qui si procede punto a punto fino a Klimets che trova a tutto braccio il punto che riapre la disputa (25-23).

Nel quarto set, la parità iniziale dura troppo poco con Casalmaggiore che gioca sulla scia del set precedente: Brega dai nove metri trova subito un distacco importante (3-7). Roma fa quel che può con Klimets e Cecconello, ma la risposta di Casalmaggiore è perentoria da parte di tutte le interpreti in campo (11-15). La capitana Stigrot tira fuori carattere e trascina a sé la squadra che in difesa tiene con Venturi, ma l’attacco di Malual e l’ace di Manguani segnano l’11-17. Mentre Casalmaggiore scappa, entra Decortes su Klimets e ne fa due di fila regalando alle sue un po’ di respiro prima di tentare la rincorsa (14-21). Punto su punto Stigrot e compagne ci credono, ma è Braga che permette dai nove metri l’allungo finale (21-25) e la vittoria del match per 3-0.

HANNO DETTO
Alice Pamio
, schiacciatrice dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club: “Perdere tre punti preziosi in casa alla terza di campionato ci fa arrabbiare. Tante le cose su cui dobbiamo lavorare e che stasera sono mancate come ad esempio sacrificio in difesa e comunque la voglia di crederci anche quando siamo nei momenti di difficoltà e di lottare insieme. Questa deve essere una caratteristica che deve diventare il punto forte della squadra. Domani lo prendiamo per liberare un po’ la testa e poi ricominceremo a lavorare duro un po’ sulle cose che sono mancate oggi.”
Martino Volpini, coach della VBC Trasporti Pesanti Casalmaggiore: “Tre partite e sei punti era un obiettivo ambizioso che riusciti a portare a casa, quindi, è da fare tutti i complimenti alle ragazze alle staff e alla società perché vincere contro Scandicci e poi con Roma non era impresa facile e ce l’abbiamo fatta. Ora testa ai prossimi incontri”.

Sostieni Volleyball.it