REALE MUTUA FENERA CHIERI – BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA 3-1 (25-23 25-19 22-25 25-15) – il tabellino


TORINO –
Buona la prima. Al PalaRuffini di Torino la Reale Mutua Fenera Chieri ’76 inizia la sua seconda stagione in A1 sconfiggendo 3-1 la neopromossa Bartoccini Fortinfissi Perugia in un’ora e 43′ di gioco.

Con una prova intelligente, lucida e coraggiosa la squadra di Bregoli, priva di Poulter ed Enright ancora impegnate nel Norceca, conduce in porto primo, secondo e quarto set con parziali 25-23, 25-19 e 25-15, mentre ha la peggio 22-25 nel terzo. Pur con molti errori al servizio (alla fine ben 19, di cui 13 nei primi due set) le chieresi si mostrano complessivamente superiori e più costanti in tutti i fondamentali, riuscendo anche a reagire alle difficoltà incontrate nel match. Troppo discontinua invece la squadra di Bovari che soltanto in alcune fasi sa esprimere il suo gioco.

Miglior realizzatrice è di gran lunga Grobelna che realizza 26 punti col 56% di positività e viene premiata MVP, aggiudicandosi la targa intitolata a Guglielmo “Elmo” Antonioli. Altre tre le chieresi in doppia cifra: Mazzaro (13), Rolfzen (12) e Perinelli (10). In casa Perugia, 16 punti a testa di Bidias Regiane e Montibeller.

LA GARA –  Un muro di Guerra su Montibeller dà il primo punto della stagione a Chieri. Le biancoblù salgono a 4-0 grazie a un’invasione, un ace di Mazzaro e un attacco di Grobelna. Coach Bovari chiama time-out, al rientro in campo un muro di Montibeller vale il 4-1. Perugia recupera a 6-5 (muro di Demichelis su Perinelli), da lì in avanti con un andamento molto regolare il distacco resta nell’ordine di un paio di punti fino al 17-16. Un attacco di Grobelna, un ace di Mazzaro e un muro di Rolfzen danno alle chieresi un break a 21-17. Subito però le umbre si riavvicinano e dopo il time-out di Bregoli sul 22-20 (Bidias Regiane) è lo stesso opposto a mettere a terra il 23-23. Secondo time-out di Bregoli e alla ripresa del gioco Casillo serve lungo. Nell’azione successiva l’attacco di Perugia non passa, mentre Perinelli con un mani-out sfrutta al meglio l’occasione: è 25-23. Top scorer Grobelna con 6 punti.

La Reale Mutua Fenera Chieri ’76 riparte bene toccando il +3 sul 5-2 (pallonetto in pipe di Guerra) e il +4 sull’8-4 (Mazzaro). Sul 9-5 Montibeller sale sugli scudi realizzando prima 3 punti consecutivi che riportano la sua squadra sul 9-8, poi ancora il 10-9. Nell’azione successiva Guerra attacca fuori ed è 10-10. Il punteggio resta in bilico fino al 13-13. Sul 14-13 il servizio in rete di Angeloni dà il la al break biancoblù a 17-13, di lì in avanti le ragazze di Bregoli non si fanno più avvicinare e chiudono 25-19 alla seconda palla set con Mazzaro. Proprio la centrale varesina con 5 punti è insieme a Grobelna la migliore realizzatrice del set.

Perugia riparte in palleggio con Raskie (subentrata a Demichelis nel finale del set precedente), e Struniak al centro al posto di Mio Bertolo. Sul 2-2 le ospiti salgono a 2-4 (Angeloni) e 3-6 (muro di Casillo su Guerra), Chieri si riavvicina (6-7, ace di Grobelna), le umbre di nuovo allungano (7-10, errore al servizio di Guerra), e ancora le biancoblu tornano a contatto (10-11). Sul 14-15 la fast in rete di Struniak dà a Chieri la prima parità del set. Il momento chiave è sul 15-16 un attacco di Meijers (da poco subentrata a Guerra) che in un primo momento vale il 16-16, poi però il videocheck chiamato da Perugia non riscontra il tocco a muro e il punteggio passa a 15-17. Due successivi errori della squadra di Bregoli facilitano il compito a Perugia che allunga a 15-19. Sul 17-21 i colpi di Grobelna riportano Chieri a contatto (22-23), ma Angeloni interrompe la serie chierese. Sul 22-24 Montibeller mura Guerra e sigla il 22-25. Nelle statistiche di fine set svetta Grobelna con 9 punti, mentre fra le umbre spiccano i 6 punti di Bidias Regiane e Montibeller.

Sull’1-1 Chieri strappa a 6-1 grazie a due errori ospiti e due attacchi vincenti di Rolzen. Il vantaggio delle padrone di casa tocca il +6 sul 9-3 quando una difesa d’istinto di Rolfzen cade a terra nell’altra metà del campo. Di lì in poi il distacco resta pressoché immutato crescendo ulteriormente nel finale, fin quando alla prima palla match l’attacco in rete di Angeloni conclude sul 25-15 set e partita.

HANNO DETTO

Giulio Cesare Bregoli (Chieri): “Abbiamo avuto un momento di appannamento nel terzo e quarto set sbagliando un po’ troppo. La squadra ha mostrato una buona sicurezza e continuità nei momenti difficili, ha reagito bene, ci può stare qualche calo di rendimento: ci lavoreremo, sappiamo di dover crescere. Le vittorie aiutano a prendere fiducia, questi 3 punti sono sicuramente un input importante. Siamo una squadra con grandi margine di miglioramento: non abbiamo tanti centimetri ma possiamo crescere tantissimo”.

Veronica Angeloni (Perugia): “Ci serve la continuità, dobbiamo ancora lavorare molto ma siamo una squadra molto nuova, lavoriamo molto in palestra ma dobbiamo continuare a farlo, fino a quando non troveremo il nostro equilibrio di gioco, dobbiamo fare quel gradino in più domenica dopo domenica a prescindere da chi avremo davanti“.

Fabio Bovari (Perugia): “Bisogna continuare a lavorare per fare meglio nelle prossime partite, abbiamo peccato di qualcosa rispetto a quello che avevamo preparato in palestra durante la settimana, sicuramente la fase break non ha funzionato a dovere, in questa settimana ci lavoreremo su”.