A1 F.: Conegliano ferma Scandicci e allunga in vetta. La giornata

L'Imoco stende la Savino Del Bene e prenota la Regular Season. Colpo Saugella a Cremona, la Bosca S.Bernardo rafforza la candidatura Play Off. La Reale Mutua non molla. Martedì posticipo Bisonte-Club Italia

MODENA – L’Imoco Volley Conegliano supera per 3-0 la Savino Del Bene Scandicci e consolida il primato di Serie A1 Femminile. Le pantere conquistano tre punti importanti, che allargano sensibilmente il divario con le inseguitrici a quattro giornate dal termine della Regular Season: l’Igor Gorgonzola Novara, che osservava il turno di riposo, è a -6, mentre le toscane sconfitte oggi a -8. Al quarto posto si insedia la Saugella Team Monza, che piazza il colpaccio al PalaRadi di Cremona operando il sorpasso sulla èpiù Pomì Casalmaggiore.

Rafforza la propria candidatura per un posto nei Play Off la Bosca S.Bernardo Cuneo, che approfitta dei risultati negativi delle concorrenti all’ottavo posto battendo per 3-0 la Lardini Filottrano. Alza la testa la Reale Mutua Fenera Chieri, che viola il campo della Zanetti Bergamo e mantiene ancora vive le speranze di salvezza. 

Il programma del turno si chiuderà poi martedì 5 marzo alle 20.30 con la sfida tra Il Bisonte Firenze e Club Italia Crai, posticipata a causa dell’indisponibilità del Mandela Forum.

LA GIORNATA

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 3-0 (25-20 25-16 25-19)
Tutto esaurito al Palaverde per la sfida al vertice tra le campionesse d’Italia dell’Imoco Volley, prime in campionato, e la Savino del Bene Scandicci, terza in classifica. Nel quinto confronto stagionale tra le due formazioni coach Santarelli dopo una settimana con la squadra martoriata da attacchi influenzali schiera dall’inizio Wolosz-Lowe, De Kruijf-Folie, Hill-Sylla, libero De Gennaro, risponde coach Parisi con Malinov-Haak, Stevanovic-Adenizia, Bosetti-Vasileva, libero Merlo. 

LA PARTITA – Primo set con una bella partenza delle Pantere che spinte da un pubblico caldissimo accelerano dall’inizio con capitan Wolosz che mette in ritmo tutte le sue attaccanti, in particolar modo sfruttando le “pipe” con Sylla e Hill implacabili dalla seconda linea. Al 7-3 c’è time out per la squadra toscana, che al rientro però subisce ancora: attacco preciso di Karsta Lowe, muro di Sylla e Conegliano allunga 9-4. Ora tocca alle centrali, a segno Folie e De Kruijf, mentre Scandicci cerca di mettere ordine dopo la sfuriata iniziale delle Pantere e trova un’astuta Bosetti che piazza il -2 (12-10). Miriam Sylla prende ancora l’ascensore e mura da altezza siderali, ma ora le toscane difendono tutto e fanno sudare ogni punto all’Imoco. Ci pensa De Kruijf con un ace a tenere Conegliano a +3 (16-13), poi Folie mura Haak e sul 18-14 coach Parisi chiede un altro t.o. Le due squadre difendono molto bene allungando gli scambi, Haak tiene viva Scandicci (19-16), poi entrano Tirozzi e Fersino a puntellare la seconda linea. Wolosz dà spettacolo ispirando De Kruijf, poi Folie si esalta a muro e l’Imoco ha la strada spianata per il primo set: 25-20 con il colpo finale di Vale Tirozzi.

Anche nel secondo set le Pantere partono fortissimo, il muro di De Kruijf prima e di Folie poi rompe gli equilibri a favore di un’Imoco che tiene il ritmo altissimo (7-3). Un paio di errori e Scandicci torna a contatto, 7-6 con Adenizia e Haak che provano a risalire dopo un primo parziale deficitario in attacco (27% di squadra). I tuffi spettacolari di De Gennaro offrono occasioni importanti al contrattacco di casa, poi ancora una Folie scatenata a muro tiene Conegliano avanti (11-8). La Savino del Bene prova a tornare sotto con Bosetti, ma le due americane dell’Imoco rispondono alla grande, prima Lowe poi una super Kim Hill (6 punti nel set, 66% in attacco e 2 aces) allungano ancora (16-12). Ci mette del suo anche Miriam Sylla (5 punti nel set), prima di astuzia, poi di potenza e le Pantere volano via (19-12). Entrano Zago, Papa e Bisconti per Scandicci, ma la squadra di casa ha un approccio molto più aggressivo e con due battute vincenti di Hill il set è praticamente chiuso: 21-12. Il punto del 25-16 è firmato da Sylla e Conegliano scappa 2-0.  

Nel terzo set Scandicci (con Mazzaro al posto di Adenizia) cerca di sorprendere l’Imoco con un balzo da 0-5, ma un ace di Lowe e un muro di De Kruijf indicano la squadra, poi Sylla e De Gennaro difendono tutto e l’immediato controbreak che mette Conegliano sul 5-5 è una mazzata psicologica per la Savino del Bene. Ancora Sylla è spettacolare in difesa e il pubblico del Palaverde si esalta fino al 7-5 (parziale gialloblù di 7-0). L’Imoco dopo aver lasciato sfogare all’inizio le toscane riprende a marciare con una Sylla “a tutto campo”, capace di difendere, murare e attaccare con efficacia, caricando il pubblico. L’azzurra sigla il 13-10, poi Bosetti ricuce lo strappo. Sul 16-15 entra il doppio-cambio con Bechis e Fabris, mentre in casa Savino c’è l’americana Mitchem e rientra Zago per una spenta Haak. Le Pantere provano a scappare: funziona la combinazione Bechis-Folie, poi De Kruijf piazza un altro ace e le campionesse d’Italia sono in fuga (20-16). Sylla e Hill (MVP del match) continuano a dare spettacolo, De Gennaro inventa difese-monstre e le Pantere possono chiudere dopo una grande prestazione con il 3-0 che fa spellare le mani al pienone del Palaverde e tiene l’Imoco saldamente in vetta alla classifica con quattro giornate da giocare.

LE ALTRE GARE

E’PIU’ POMI’ CASALMAGGIORE – SAUGELLA TEAM MONZA 1-3 (21-25 25-20 17-25 20-25)
Cade tra le mura amiche del PalaRadi di Cremona, davanti a 2.475 spettatori, la Vbc Èpiù Pomì Casalmaggiore, ancora orfana di Marcon, contro la Saugella Team Monza che si impone per 3-1 interrompendo così la striscia positiva delle rosa nella nona di ritorno della Serie A1 Femminile. Nella prossima giornata la Vbc osserverà il turno di riposo.

“E’ un successo importantissimo – afferma Francesca Devetag, centrale della Saugella – in uno scontro diretto per la classifica, contro una squadra che sta recuperando il proprio gioco. Sono felicissima per le mie compagne, per il gruppo, per questo obiettivo raggiunto. Ci abbiamo messo davvero tanta attenzione, difendendo molto bene. Possiamo essere soddisfatte per questa prova. Ci vuole pazienza, bisogna giocare un pallone alla volta. Stasera si è visto: non abbiamo pensato all’errore, focalizzandoci subito sul giocare la palla successiva. Abbiamo giocato di squadra, con grande determinazione”.

ZANETTI BERGAMO – REALE MUTUA FENERA CHIERI 2-3 (25-23 20-25 22-25 25-9 9-15)
Finisce con una vittoria della Reale Mutua Fenera Chieri al tie break il match che riportava a Bergamo la Zanetti. Squillo delle piemontesi, che mantengono vive le speranze di salvezza; si complica invece il cammino delle rossoblù verso i Play Off Scudetto.

Bergamo con Carlotta Cambi in regia ad orchestrare l’opposto Smarzek, le centrali Tapp e Olivotto e le schiacciatrici Mingardi e Acosta. Con loro, il libero Sirressi. Chieri con la palleggiatrice statunitense  Poulter, le schiacciatrici Perinelli, Silva, Angelina, le centrali Middelborn e Akrari e il libero Bresciani.

Carlotta Cambi, palleggiatrice Zanetti: “Penso che oggi si sia vista una gara altalenante e un quarto set in cui abbiamo fatto molto molto bene, ma dobbiamo trovare un equilibrio che ci mantenga così per tutta la partita. Questa è la cosa che ci ha contraddistinto per tutto il campionato. Tutte le partite che arrivano sono ora importanti per fare un passo verso i play off. E’ un obiettivo che vogliamo davvero tanto”.

BOSCA SAN BERNARDO CUNEO – LARDINI FILOTTRANO 3-0 (25-18 25-15 25-23)
L’imbattibilità casalinga della Bosca S.Bernardo Cuneo continua: dopo Firenze, Scandicci, Novara, Chieri, Casalmaggiore, Brescia e Bergamo, anche la Lardini Filottrano è costretta a subire la legge del Pala UBI Banca, dove da fine novembre le piemontesi hanno raccolto solo vittorie nelle gare di campionato. I tre punti conquistati con le marchigiane e la contemporanea sconfitta della Zanetti Bergamo, portano a 5 le lunghezze di margine sulle dirette rivali: l’ottavo posto è sempre più consolidato. La tribuna stampa del Pala UBI Banca incorona MVP dell’incontro Francesca Bosio

La Bosca S.Bernardo Cuneo di coach Pistola scende in campo con il sestetto più collaudato: Bosio in palleggio e Van Hecke a completare la diagonale, Menghi e Zambelli al centro della rete, Cruz e Salas schiacciatrici, Ruzzini a difendere la seconda linea. Coach Schiavo risponde con Tominaga in regia, schierata in diagonale con Whitney, Garzaro e Cogliandro centrali, in banda le mani pesanti di Partenio e Vasilantonaki, seconda linea Cardullo.

“Abbiamo vinto una gara complicata – dichiara Andrea Pistola, coach della Bosca S.Bernardo Cuneo -, perdere oggi voleva dire complicarsi la vita per i playoff. Le ragazze lo sapevano ed un po’ di pressione c’era, ma abbiamo preparato bene la gara in settimana ed abbiamo fatto davvero bene. Ottima la fase muro-difesa, bene al servizio: abbiamo vinto di squadra, il palleggio ha fatto buone scelte, gli attaccanti hanno messo a terra punti pesanti. Tutto ha funzionato bene contro una squadra che ha vinto con Bergamo e portato ai vantaggi Conegliano. Ora abbiamo tre gare difficili dove prendere qualche ‘punticino’, in caso contrario ci giocheremo il tutto per tutto all’ultima gara con Club Italia. Vincere oggi era determinante e noi l’abbiamo fatto”.

Sostieni Volleyball.it