A1 F.: Finale Gara2. Novara – Conegliano 1-3. Scudetto a Egonu e compagne

2293

FINALE SCUDETTO – GARA2
IGOR GORGONZOLA NOVARA – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 1-3 (29-31 26-24 18-25 22-25)
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Chirichella 8, Smarzek 11, Daalderop 12, Washington 2, Hancock 5, Bosetti 12, Sansonna (L), Bonifacio 7, Herbots 5, Zanette 1, Taje’, Populini, Battistoni. Non entrate: Napodano (L). All. Lavarini.
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Sylla, Fahr 2, Egonu 35, Hill 12, De Kruijf 6, Wolosz 2, De Gennaro (L), Adams 15, Folie 10, Gennari, Caravello (L), Eckl. Non entrate: Omoruyi, Gicquel. All. Santarelli.
ARBITRI: Santi, Vagni.
NOTE – Durata set: 38′, 31′, 27′, 27′; Tot: 123′.

NOVARAImoco Conegliano campione d’Italia per la quarta volta nella sua storia. Dopo 7 set giocati praticamente alla pari dalle due finaliste (tra gara1 e gara2), nel terzo set della seconda sfida la finale scudetto ha vestito i panni che tutti si aspettavano, il quasi monologo delle “Pantere” che dopo un iniziale 1-1 hanno allungato con Novara che ha iniziato ad abbassare l’attenzione. E’ stata una finale appassionante, con Imoco capace di essere cinica in gara 1 nei momenti decisivi, brava a non mollare mai quando un 3-0 per l’Igor non sarebbe stato un furto. Brava poi Novara a non rendere  una passeggiata la serie anche in una gara 2 combattuta. Ancora un volta, almeno nei primi due set.  E’ lo scudetto dell’Imoco tutta e di Egonu, questa sera 35 punti per lei. Novara esce tra gli applausi, ha giocato da grande contro una grande rendendo la finale un appuntamento vero. Cosa che i Italia non si vedeva da tempo.

Egonu MVP

SESTETTI –  Novara con Hancock in regia, Smarzek opposta, Bosetti e Daalderop schiacciatrici, Chirichella e Washington al centro, Sansonna libero. Conegliano con Wolosz – Egonu, Sylla – Hill in posto 4, Fahr – De Krujf al centro, De Gennaro libero.

CURIOSITA’ – Stando ad un controllo degli scout di Conegliano sul video di gara 1 un muro attributo a Egonu non sarebbe stato del tutto suo, ma in coabitazione con tocco finale di una compagna di squadra. Formalmente il record di 47 punti in una singola gara attribuito alla campionessa di Conegliano sarebbe quindi da rivedere. Ma alla fine il record resta, valgono comunque le statistiche rilevazioni di Lega.

LA PARTITA – 1° set – Parte bene Novara con Bosetti ben ispirata: 8-5. Sfida aperta tra Bosetti e Egonu: 4 punti a testa sul 10-10. E’ punto a punto con il muro di Chirichella su Egonu del 16-15 che fa registrare un sussulto. Bene in difesa Novara su Sylla (entra Adams) e Fahr: 20-16. Spazio a Bonifacio per Washington. Smarzek trova il suo primo punto: 22-19, Egonu replica 22-20, 7° punto 71% sin qui. Egonu calda anche al servizio, fatica un po’ Sansonna: 22-22. Novara non chiude, Egonu contrattacco in pipe senza muro in ritardo: 23-24. Bosetti annulla il primo set ball, poi l’opposto dell’Imoco spara un pallone molto fuori: il set ball torna alle padrone di casa (25-24). De Gennaro fatica in ricezione ma Chirichella non chiude una palla alzata non al meglio, salva Egonu: Adams 25-25.  Ancora Chirichella, ancora Egonu: 26-26, secondo set ball annullato. Muro su Adams (28-27), Egonu annulla ancora: 28-28. Il set si chiude con il muro di Egonu e una palla che nel cadere dalla parte dell’out nel campo dell’Imoco sembra sfiorare il tallone di Hill, palla però invisibile con video check.

2° set – Due cambi sin dall’avvio di secondo set con Bonifacio per Washington per l’Igor, Adams per Sylla nell’Imoco. L’Igor come in gara 1 non cede di un millimetro nonostante un servizio meno ficcante. Nell’Imoco se i posti 4 faticano Wolosz ha una certezza: Paola Egonu. E’ lei il faro delle Pantere, l’azione del 12-14 è da super volley, attacchi e difese in ripetizione con Paola che chiude scardinando il muro di Chirichella con le due azzurre che si ritrovano a fine scambio a terra, sedute a rifiatare. Spazio per Folie al posto di Fahr dopo un allungo di Novara favorito da muro di Chirichella su turno di battuta di Smarzek, due errori di una affaticata Egonu: 18-15. Smarzek opaca, doppio cambio Igor con Zanette in due. Si torna in parità (Hill, sulla ‘slash’ favorita da ricezione di Sansonna imprecisa): 18-18. Ace di Hancock vale il +2 21-19. Vantaggio effimero: Egonu da seconda linea, muro di Wolosz su Bonifacio: 21-21. Parità, ancora una volta: 23-23. Daalderop annulla il 1° set point Imoco: 24-24. Smarzek ace con il nastro che smorza la palla: 25-24. Novara sembra non riuscire a sfruttare un attacco di Egonu in pallonetto e difeso, poi arriva il muro di Daalderop proprio sull’opposto.

3° set – Folie resta titolare nell’Imoco, Bonifacio in campo per Novara. Proprio Folie in una sfida uno contro uno con Bonifacio mette il muro del +3 Imoco: 6-9. E’ sin qui il massimo vantaggio delle venete in tutto il match. Lavarini chiede time out su un +4 Imoco favorito da Egonu che spinge al servizio. Al ritorno in campo Egonu firma un ace su Bosetti: 9-14: +5. Bosetti in difesa accusa una botta alla spalla destra. E’ il set della serie di finale più difficile per l’Igor. L’Imoco con Gennari al servizio arriva 12-19. Bosetti incerta (attacco out), entra Herbots. Due muri Novara (17-21) ma il set scivola via nella cassaforte Imoco, ad un parziale dal 4° scudetto. Folie difende e Egonu chiude il 17-24. Hill chiude 18-25 in contrattacco.

4° set – Pronti via, 1-4 con ace di Folie per il +3. Conegliano preme sull’accelleratore, Novara fatica ad esprimersi sul livello dei primi due set. Non difende l’Igor su palletta di Adams. Herbots per Daalderop: 3-6. Cenno di ripresa Igor, ma quando serve una difesa in più questa arriva invece da De Gennaro che tiene su Smarzek. Egonu piglia la palla sopra al muro di Bosetti e Bonifacio: 6-9. Egonu vince il confronto con Smarzek: 9-15, 29° punto dell’opposto dell’Imoco. Zanette sostituisce la polacca. Egonu firma il 30° per il 10-16. Bosetti ed Herbots ci mettono l’orgoglio e Novara torna a -2 (17-19) con Hancock al servizio. Due battute sbagliate di Novara: Hancock e Bosetti: 18-21. Egonu uno-due da seconda linea: 20-23. Egonu ancora: 21-24. Sbaglia De Krujf al servizio, poi Folie nell’azione successiva chiude in veloce: 22-25.

Sostieni Volleyball.it