A1 F.: I temi della 4ª giornata. Conegliano sola in vetta, cade Busto, primi punti di Bergamo

323

MODENA – I temi della 4ª giornata di Serie A1 Femminile, La Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano torna solitaria in vetta alla classifica con 12 punti, grazie al 3-0 in casa della VBC Trasporti Pesanti Casalmaggiore e complice anche lo stop esterno dell’Unet e-work Busto Arsizio fermato 3-0 al PalaFenera di Chieri dalla Reale Mutua Fenera Chieri che muove ulteriormente la propria classifica. Al secondo posto sale la Savino del Bene Scandicci che batte 3-0 la Delta Despar Trentino e a 9 punti raggiunge UYBA ed Il Bisonte Firenze. In coda primi tre punti della stagione per il Volley Bergamo 1991, 3-1 alla Megabox Ondulati del Savio Vallefoglia. Finisce con il successo al quinto set dell’Igor Gorgonzola Novara il big match della serata all’Arena di Monza contro il Vero Volley.

A CREMONA – Al PalaRadi di Cremona fa festa la Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano, da questa sera sola al comando per effetto del successo per 3-0 sulla VBC Trasporti Pesanti Casalmaggiore. Le rosa di Volpini sfoderano in ogni caso una prova gagliarda soprattutto mettendo in evidenza Braga e Shcherban. Nel Conegliano, coach Santarelli sfrutta la potenza di Omoruyi (14) e la tecnica di Courtney (11) a supporto di Egonu (11). Ne esce una partita combattuta, soprattutto nel secondo e nel terzo set, avvincente e con spunti balistici che divertono i presenti sugli spalti. L’Imoco Volley domina a muro (11 a 5), mentre gira meglio la ricezione delle venete con il 58% di efficienza e le prestazioni delle singole: Omoruyi (80%) e Caravello (64%). Braga nella VBC fa numeri anche in seconda linea con il 66% di ricezione efficiente.

COLPACCIO CHIERI – Al PalaFenera di Chieri, la Reale Mutua Fenera Chieri sfodera una prova maiuscola e ferma l’Unet e-work Busto Arsizio sempre vittoriosa nelle prime tre uscite stagionali. Frantti (16 punti), Groblena (13) e Villani (13) sono devastanti nella fase offensiva e messe nella migliore condizione possibile dalla distribuzione attenta di Bosio. Villani bene anche in ricezione (62% efficienza). Tre set sempre con Chieri a gestire la manovra e Busto costretta a rincorrere, nonostante nel terzo set l’inserimento di Battista nelle lombarde aveva spinto la frazione ai vantaggi. Nell’Unet e-work convincenti le prove di Gray (14) e Mingardi (16), mentre Olivotto ha attaccato con il 60% efficienza. Il libero Zannoni ha invece girato con il 78% di efficienza in ricezione. Chieri con questa vittoria sale a quota 6 punti in classifica.

SALE SCANDICCI – Balza al secondo posto la Savino del Bene Scandicci che supera 3-0 la Delta Despar Trentino con una prestazione d’autore. Lippmann (11) e Pietrini (10) danno un bel contributo allo sviluppo del gioco fiorentino ben orchestrato dal gioco di Malinov. In crescita anche Silva Correa (8) in sintonia con il resto della squadra e soprattutto Alberti, certezza per coach Barbolini. Nella formazione trentina nessuna giocatrice va in doppia cifra, nonostante le prove incoraggianti di Rivero, Mason e Piva.

BERGAMO C’E’ – Muove la classifica e guadagna i primi tre punti della stagione il Volley Bergamo 1991 che davanti al pubblico amico supera 3-1 una coriacea Megabox Ondulati del Savio Vallefoglia. Partita decisa dalle singole e dalla maggiore lucidità sottorete nei momenti cruciali della partita. Il gioco imposto dalle ragazze di Giangrossi è frizzante e ne giova nel complesso tutta la fase della ricostruzione. Enright (19), Loda (16) e soprattutto Lanier (22) si rivelano ciniche quando la partita si decide sui punteggi alti. Primo e secondo set vinti dalle orobiche con maggiore determinazione in attacco, mentre Megabox Ondulati del Savio Vallefoglia non brilla come in altre occasioni. Kosheleva (22) e Jack-Kisal (14) sono in buona condizione, mentre Newcombe (13) mette pressione al servizio. Vallefoglia riapre la sfida nella terza frazione, poi Bergamo chiude le ostilità con il 25-16 che regala il primo sorriso alle ragazze di Giangrossi. Da applausi la sfida tra i liberi. Nelle bergamasche in crescita e sempre più padrona della seconda linea il libero Faraone (46% ricezione efficiente) autrice di alcuni interventi di pregevole fattura, nelle adriatiche brilla Cecchetto (62%).

Nel posticipo di serata l’Igor Gorgonzola Novara la spunta al tie break sul Vero Volley Monza dopo due ore e quarantatré minuti di gioco e spettacolo all’Arena di Monza. – leggi la cronaca

Sostieni Volleyball.it