A1 F.: Novara trova energie inattese. Vince 3-2. Firenze non sfrutta un match ball

L'Igor accusa la fatica del momento. Da 2-0 a 2-2. Tie break da brividi: 8-11, 14-13, 14-15 poi 17-15. Il Bisonte accarezza il sogno con un match ball

Novara passa in semifinale
Novara passa in semifinale

IGOR GORGONZOLA NOVARA – IL BISONTE FIRENZE 3-2 (25-22 25-22 21-25 12-25 17-15)
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Bartsch 10, Veljkovic 12, Egonu 33, Plak 4, Chirichella 5, Carlini 4, Sansonna (L), Piccinini 4, Bici 1, Zannoni (L), Zannoni, Nizetich, Camera, Stufi. All. Barbolini.
IL BISONTE FIRENZE: Alberti 10, Dijkema, Sorokaite 16, Popovic 12, Lippmann 15, Daalderop 23, Parrocchiale (L), Bonciani 1, Malesevic, Candi, Degradi. Non entrate: Santana, Venturi. All. Caprara.
ARBITRI: Florian, Brancati.
NOTE – Spettatori: 3200, Durata set: 31′, 29′, 27′, 23′, 22′; Tot: 132′.

NOVARA – Vittoria al cardiopalma per la Igor Volley di Massimo Barbolini, che supera per 3-2 Firenze ai vantaggi del quinto set e si garantisce l’accesso alla semifinale Scudetto contro Scandicci. Azzurre avanti 2-0 e poi rimontate dalle toscane, protagoniste di un’altra prova di grandissima personalità, e capaci di rimontare uno svantaggio importante nel tie-break, annullando anche un match ball alle ospiti.

SESTETTI

Novara in campo con Egonu opposta a Carlini, Veljkovic e Chirichella centrali, Bartsch-Hackley e Plak schiacciatrici e Sansonna libero; Firenze con Lippmann in diagonale alla regista Dijkema, Alberti e Popovic al centro, Daalderop e Sorokaite in banda e Parrocchiale libero.

LA PARTITA

Si parte testa a testa, con Lippmann (3-4, maniout) ed Egonu (6-4, due ace) che duellano ma il primo break vero per le ospiti lo fa Sorokaite a muro sul 9-11 con Barbolini che ferma il gioco. Due punti di Veljkovic e Novara rientra (12-12), Plak prima (14-13) ed Egonu poi (16-15, ace) mettono la testa avanti prima che la neoentrata Bonciani trovi l’ace del nuovo pareggio a quota 18. Egonu chiude in parallela uno scambio infinito (21-19), Sorokaite sbaglia (22-19) mentre Veljkovic è una sentenza e conquista il set ball in primo tempo (24-21) con Piccinini che chiude in diagonale 25-22.

Plak riparte concretizzando una gran difesa di Egonu (5-3), Sorokaite risponde (5-5) ma il muro di Veljkovic rilancia le azzurre sull’8-5 con Egonu che trova il massimo vantaggio sul 10-6. Daalderop trascina le sue (11-10), Alberti sorpassa a muro (11-12) e un attacco sull’astina dell’opposto azzurro vale il 15-17 con Egonu che si riprende subito a muro (17-17) e Carlini che propizia in battuta il 19-17. Novara mantiene il break di vantaggio, Egonu allunga (23-20) e Chirichella in primo tempo conquista il set ball (24-20): Alberti annulla a muro (24-22), poi ancora Chirichella chiude 25-22.

L’INFORTUNIO DI SANSONNA

Novara riparte forte con Piccinini in sestetto ma sul 6-4 le azzurre perdono Sansonna per infortunio (al suo posto Zannoni), Sorokaite ricompatta lo score in battuta (7-7) ma sul turno al servizio di Egonu Novara torna avanti fino al 13-10. Le ospiti rientrano in gara sul 17-17 con Daalderop per poi sorpassare con tre punti in successione dell’ex Alberti (17-20); Egonu non si arrende (20-22, ace) ma Sorokaite chiude i conti in parallela e riapre il match (21-25).

Popovic alza il ritmo a muro (3-6), Barbolini rivoluziona il sestetto partendo dalla regia ma Alberti allunga 6-14 mentre Veljkovic prova a tenere in gioco le sue con il maniout del 10-16. Nizetich pasticcia (11-19), Daalderop allunga ancora (11-22) sfruttando il servizio di Sorokaite e poi chiude di slancio con un muro su Bici (12-25).

Il tie-break è un vortice di emozioni: Novara, con Plak in sestetto, fa il primo break a muro (6-3) con Veljkovic, poi le azzurre pasticciano sul turno in battuta di Alberti e Firenze sorpassa 6-8 al cambio campo, mentre Barbolini manda in campo Piccinini. La solita Sorokaite propizia l’8-11 (ace), due punti di Egonu e un attacco out di Lippmann valgono il pareggio (11-11) con Egonu che trova addirittura il sorpasso sul 13-12 (ace) e poi il match ball (pipe, 14-13) prontamente annullato da Daalderop (14-14). Bartsch-Hackley sbaglia (14-15), Egonu annulla il match ball ospite (15-15) e dopo una magia di Carlini (16-15) è ancora l’opposto azzurro a chiudere in maniout per il 17-15.

HANNO DETTO

Francesca Piccinini (capitano Igor Gorgonzola Novara): “Complimenti a Firenze per la partita che ha fatto, vincere una partita così è stato importante per noi e dimostra ancora una volta che anche nei momenti difficili abbiamo la forza e la capacità di rimanere attaccati alla partita. Ora pensiamo alla semifinale, è importante per noi e per la società esserci arrivati e proseguire il nostro cammino”.

Sara Alberti (Il Bisonte Firenze): “Noi ci credevamo, soprattutto dopo la prima partita, avrei voluto vincere e credo che ce lo saremmo meritato, ma di là abbiamo trovato una squadra fortissima: è un peccato, ma così è lo sport. Abbiamo preparato bene la partita, in ricezione abbiamo fatto un po’ fatica perché la battuta di Novara è molto complessa, ma personalmente sono contenta di aver contribuito con i muri e faccio un grande complimento a tutte le mie compagne: sono orgoglioso di far parte di questa squadra”.

Sostieni Volleyball.it