5. GIORNATA
BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 1-3 (18-25 17-25 25-18 13-25)
BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA: Bidias 11, Casillo 6, Montibeller 13, Angeloni 3, Menghi 2, Demichelis 1, Cecchetto (L), Lazic 4, Raskie 3, Mio Bertolo 3, Strunjak 1. Non entrate: Pascucci, Taborelli, Bruno. All. Bovari.
UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Washington 10, Orro 6, Herbots 12, Bonifacio 15, Lowe 20, Gennari 5, Simin (L), Bici 1, Cumino, Villani. Non entrate: Leonardi, Berti, Negretti. All. Lavarini.
ARBITRI: Turtu’, Feriozzi.
NOTE – Spettatori: 600, Durata set: 21′, 32′, 23′, 22′; Tot: 98′.

PERUGIA – La Bartoccini Fortinfissi Perugia cede lottando contro Busto Arsizio in quattro. Ancora una volta vittoria rimandata per le magliette nere di Fabio Bovari, merito anche di una Busto trascinata dai colpi di Lowe.

La Unet e-work Busto Arsizio si porta così al quinto posto in classifica, a ridosso dunque delle primissime della classe, tutte peraltro con una gara in più rispetto alle farfalle.  Gennari e compagne, sconfitto a domicilio la Bartoccini Fortinfissi Perugia, hanno rotto il tabù trasferta che aveva portato nel paniere biancorosso un solo punto tra Firenze e Novara.

Il match del Pala Barton è stato ben condotto dalla UYBA: nonostante un black out nel terzo set, le biancorosse hanno meritato la vittoria, largheggiando nel primo e quarto parziale e recuperando lo svantaggio nel secondo game grazie ad Herbots e ai servizi di Orro, decisiva dai 9 metri anche in avvio di quarto. Ottimo anche il muro bustocco con 13 muri (7 di una super Bonifacio) e la seconda linea di Wang, sempre più sicura nel ruolo di libero.

SESTETTI

Lavarini parte con Orro – Lowe, Bonifacio – Washington, Herbots – Gennari, Wang libero, Bovari risponde con Demichelis – Montibeller, Casillo – Menghi, Angeloni – Bidias, Cecchetto libero.

LA GARA 

Nel primo set parte bene Busto Arsizio che prende subito le distanze dalle padrone di casa, approfittando di qualche errore in attacco da parte di Casillo e compagne (4-9). Dopo il time out di Bovari il copione non cambia e Busto allunga fino al 16-25 finale.
 
Il secondo set inizia con una Perugia più convinta e determinata, con Raskie al servizio mette in difficoltà le bustocche portando per la prima volta Perugia in vantaggio (9-7). Dopo il time out di coach Lavarini però Busto cambia l’inerzia del set: impeccabili soprattutto al servizio Orro e compagne ribaltano il risultato (13-20). Il set si conclude con l’invasione in attacco delle ragazze di Bovari che sancisce la fine del secondo parziale per 17-25.

Inizio sprint per le “Black Angels” nel terzo set (10-4), il muro della Bartoccini continua a respingere gli attacchi delle ospiti e il divario aumenta (18-9). Al secondo set-point le ragazze di Bovari colgono l’occasione portando a casa il set: 25-18 e riaprendo il match.

Il Quarto parziale racconta tutta un’altra storia all’avvio la Bartoccini Fortinfissi Perugia subisce sin da subito la reazione di Busto (1-8). Gli attacchi e i muri vincenti di Orro e compagne aumentano il gap tra le due formazioni (7-17). La partita prosegue con la Unet in controllo sul finale la freddezza delle ragazze di Lavarini viene fuori, concludendo con Gennari il set sul 25-13 ed 1-3 il finale.

HANNO DETTO

Luisa Casillo (Perugia): “Sapevamo che sarebbe stata una partita dura, Busto gioca un buon livello di pallavolo, abbiamo provato a giocare sfruttando il fattore campo perché vogliamo che le squadre che vengono a giocare qui siano messe in difficoltà. Peccato, dopo il terzo set che avevamo vinto ci stavamo credendo ancora di più perché eravamo riusciti a prendere le misure”.

Sara Bonifacio (Busto Arsizio): “Ci tenevo particolarmente a fare una buona gara, l’intesa con Alessia Orro sta aumentando e sono riuscita a dare il mio contributo anche a muro, ci siamo trovate bene ed usciamo dal campo con il risultato che volevamo, in un set abbiamo fatto tanti errori ma poi ci siamo riprese. Come squadra è una delle nostre caratteristiche, essere unite per venire fuori da questi momenti, puntiamo in alto e vogliamo fare il meglio possibile”