TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA – CMC RAVENNA 2-3 (29-27, 21-25, 15-25, 25-17, 13-15)
 
VIBO VALENTIA – Al Pala Valentia la spunta la CMC Ravenna dopo una battaglia lunga più di due ore. Battuta la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia al tie-break. Prima vittoria nel girone di ritorno per i romagnoli, mentre rimangono a secco i giallorossi. Blengini conferma la formazione vista con Piacenza con Randazzo titolare e Cisolla, acciaccato, in panchina. Bonitta lancia titolare l’esperto Patriarca in posto 4 al posto di Cebulj, non al meglio. Calabresi avanti nel primo set ai vantaggi (29-27) con il punto risolutivo di Ogurcak dopo una difesa di piede pazzesca di Randazzo. Ravenna più incisiva e combattiva nel secondo set con Bonitta che inserisce a parziale in corso il palleggiatore americano Kauliakamoa al posto di capitan Toniutti. I romagnoli chiudono con il 54% in attacco guidati da un super Mengozzi. Tonno Callipo sulle gambe nel quarto dove Ravenna domina dal riposto tecnico in poi. Gli uomini di Bonitta conquistano il parziale 15-25 con il mani e fuori dell’ex Klapwijk. Nel quarto set i calabresi sono guidati dal pubblico e imprimono un buon ritmo conducendo le operazioni. E’ la correlazione muro-difesa a fare la differenza e a permettere ai giallorossi di conquistare il tie-break (25-17). Tie break al cardiopalma. Ravenna parte forte, ma la Tonno Callipo recupera. Si gioca punto a punto fino al 13-13. Tillie e l’ace finale di Cester consegnano la vittoria alla CMC Ravenna. MVP Mengozzi
 
CALZEDONIA VERONA – ALTOTEVERE CITTÀ DI CASTELLO 1-3 (23-25, 23-25, 25-20, 16-25) 
 
VERONA – Nella 3a giornata di ritorno la Calzedonia cede all’Altotevere Città di Castello per 1-3. La Calzedonia, priva dello schiacciatore Thijs Ter Horst, non riesce a concretizzare a suo favore i primi due parziali, nonostante mantenga il vantaggio fino alle battute finali.
Giani HA schierato in campo Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, Gonzalez-White schiacciatori, Zingel-Anzani al centro, Pesaresi libero. Spazio anche a Bellei, Blasi e Coali. Radici ha optato per il sestetto titolare con Corvetta palleggiatore, Van Walle opposto, Fromm-Massari schiacciatori, Rossi-Piano centrali, Tosi libero. Spazio anche a Dolfo.
Gasparini top scorer del match con 32 punti, di cui 3 ace; lo schiacciatore Fromm eletto ad MVP della partita (24 punti, 59% di positività in attacco).
Il primo set è scandito dal punto a punto, con gli scaligeri che conducono il duello. Città di Castello recupera, White sbaglia al servizio e regala il primo set ball agli avversari (22-24). Anzani mura la palla out (23-25). Nel parziale successivo gli scaligeri riescono a scavare un solco di vantaggio sempre più profondo, ma sulle battute decisive l’avversario rimonta colmando quattro lunghezze. Le imprecisioni miste a un po’ di sfortuna penalizzano Verona, il set termina 23-25. La Calzedonia Verona scende in campo con la stessa grinta anche nel terzo parziale (16-11), Boninfante firma il terzo ace personale in gara e Gasparini chiude 25-20. Situazione rovesciata a favore degli ospiti nel quarto set, Città di Castello mantiene la distanza di sicurezza (12-19). La gara finisce sul 16-25.

EXPRIVIA MOLFETTA – DIATEC TRENTINO 0-3 (19-25, 17-25, 23-25)
 
MOLFETTA – Fari nuovamente accesi al PalaPoli di Molfetta. Per la terza giornata del girone di ritorno i biancorossi allenati da Cichello ospitano i Campioni d’Italia della Diatec Trentino, arrivati sull’Adriatico con l’intento di continuare la striscia positiva di vittorie con le quali hanno iniziato il girone di ritorno. L’Exprivia, forte del pubblico a favore, ha dimenticato la prova di Città di Castello, scendendo in campo con l’obiettivo di rendere la vita meno facile possibile ai suoi avversari così come successo in tutti i match casalinghi. Buono approccio dei padroni di casa alla partita, che fanno la partita con Sabbi inizialmente poi subiscono i muri dei trentini con Birarelli Solé e Ferreira. E’ proprio il capitano dei Campioni d’Italia a portare i suoi al timeout tecnico sul punteggio di 12-10. Nel prosieguo del set mura ancora Birarelli 12-15 e Trento mette da parte un ottimo break. Il pallonetto di Sabbi vale 18-22, prosegue Ferreira 18-23. Buono il cambio palla effettuato da Casoli che vale il 19-24, Suxho mette a terra il punto del 19-25 che vale uno a zero nel conteggio dei set. Sette i punti di Sabbi nel primo set, cinque quelli del capitano di Trento, Birarelli, tre dei quali arrivati a muro. Nel secondo set, Cichello inserisce Fornés al posto di Piscopo, non fa cambi Serniotti. Il set prosegue quasi sempre con i Campioni d’Italia in vantaggio, vedi il 7-10 messo a terra da Solé su palla veloce. Lanza trova spazio nel muro a tre dell’Exprivia e mette a segno il punto del timeout tecnico del secondo set col punteggio di 10-12. Battuta punto di Solé, confermata dal video check, 10-13. Cichello manda in campo Del Vecchio per Zanuto sul punteggio di 10-15. Fa male Sokolov con la battuta corta che vale l’11-17, ancora timeout chiamato da Cichello. Parallela di Sabbi 12-17, ace di Casoli su errore di Lanza in ricezione 13-17. Tiene il vantaggio la Diatec con Birarelli 13-19. Finale di set con Sabbi che manda out 15-22 ma è il suo primo errore in attacco. Dentro nuovamente Zanuto per Del Vecchio, vuole concretezza in attacco Cichello. L’italo-brasiliano va subito a segno per il 16-23, i Campioni d’Italia arrivano al primo degli otto set point: errore per Ferreira in battuta, nell’azione successiva Solé chiude tutti gli spazi e mette giù il 17-25. Nel terzo set reazione d’orgoglio dell’Exprivia, 6-4 per l’Exprivia su palla accompagnata vista da Genna, è Serniotti questa volta a chiamare i suoi. Videocheck chiesto da Trento su schiacciata di Sokolov, out e punteggio di 7-4. Soffre la Diatec Trentino con Sokolov che batte out 8-5. Muro di Molfetta ad opera di Fornés, e punteggio di 11-9. Ancora la banda italo-brasiliana che mette a terra il 12-10. Riagguanta la parità, ancora a muro, la Diatec Trentino 12-12, Cichello manda Del Vecchio questa volta al posto di Casoli. Finale di set con Trento sul 19-17 Serniotti che chiama i suoi per trenta secondi. Protesta la Diatec su alcune palle dubbie, il match va avanti sul punteggio di 21 pari. Cichello, nel frattempo, sul 21-22 chiama i suoi trenta secondi. Solé trova l’ace aiutato dal nastro 21-23, Zanuto trova come può il 22-23 e tiene a galla i suoi. Primo tempo di Birarelli 22-24, Zanuto 23-24, Lanza chiude il match 23-25. MVP Suxho.