A.M. CLUB ITALIA CRAI ROMA-SIECO SERVICE ORTONA 1-3 (20-25, 25-19, 20-25, 19-25)
Club Italia: Mosca 8, Salsi 5, Recine 9, Maletto 2, Stefani 16, Motzo 14, libero: Benedicenti, Zonta 2, Magalini 1 Gamba 2. Ne: Di Marco, Dal Corso, Biasotto, Federici. All. Cresta.
Ortona: Ogurcak 7, Simoni 5, Marks 26, Fiscon 8, Menicali 6, Lanci, libero: Toscani, Pesare. Ne: de Waard, Berardi, Gaetano, Lanci S., Sorrenti. All. Lanci.
Durata: 22’, 23’, 25’, 25’
Arbitri: Fabio Toni, Giuseppe De Simeis
Club Italia: 6 a, 22 bs, 10 mv, 42 et
Ortona: 4 a, 16 bs, 3 mv, 25 et

ROMA – Nell’ultima gara della Regular Season, uno degli scontri ancora importanti ai fini della classifica era quello tra l’Aeronautica Militare Club Italia Crai Roma e la Sieco Service Ortona, vinto 1-3 (20-25, 25-19, 20-25, 19-25) dalla formazione ospite.

Tre punti che però non soddisfano nessuno. Gli uomini di Lanci, infatti, pur avendo conquistato la vittoria questo pomeriggio, non sono riusciti a rientrare nei Play-off Promozione, con l’avvincente corsa al quarto posto che si è conclusa in favore di Cantù dopo la netta vittoria per 3-0 della formazione lombarda sul campo di Prata di Pordenone.

Gli azzurrini di Monica Cresta escono dal campo con l’amaro in bocca per non essere riusciti a chiudere la stagione con una vittoria. Un campionato nel quale la formazione federale ha espresso probabilmente il miglior gioco degli ultimi anni, ottenendo vittorie importanti anche contro squadre più quotate e chiudendo a testa alta con 30 punti in classifica.

I SESTETTI –  Per quanto riguarda le formazioni inziali, con Federici ancora out per la micro-frattura al pollice destro e Cianciotta fuori per un piccolo problema fisico, Monica Cresta ha schiarato capitan Salsi in palleggio, Stefani opposto, Mosca e Maletto al centro, Recine e Motzo schiacciatori e Benedicenti libero.
Anche la formazione abruzzese si presentava alla sfida con alcune defezioni, tra queste il palleggiatore Sitti infortunatosi pochi giorni fa e coach Lanci ha risposto schierando Andrea Lanci in palleggio, Marks opposto, Menicali e Simoni al centro, Ogurcak e Fiscon schiacciatori e Toscani libero.

LA PARTITA – Primo set nel quale è la formazione ospite a spingere sull’acceleratore. Dopo un avvio incerto, infatti, gli uomini di Lanci hanno preso in mano il pallino del gioco, trovando un +3 sul (10-13) e allungando sul (17-22). Nel finale hanno gestito bene il vantaggio fino al (20-25) conclusivo.

Secondo set dall’andamento opposto. Qui, infatti, gli azzurrini hanno preso in mano le redini del gioco fin dall’inizio trovando un 4-0 prezioso in avvio. Nel proseguo del parziale, poi, hanno mantenuto alta la concentrazione, allungando sul (9-16) grazie ad un’ottima fase a muro e in servizio. Nel finale, poi, il risultato non è mai stato in discussione e il set si è chiuso in favore del Club Italia (25-19).

Nella terza frazione, dopo un avvio tutto per Ortona (1-4), gli azzurrini hanno provato a rimettersi in piedi (8-6). Nella seconda metà sono stati ancora gli uomini di Lanci a mettere la testa avanti, trovando un importante +3 (15-18), i un set equilibrato in tutti i fondamentali. Anche nel finale, la formazione ospite si è dimostrata più determinata, riportandosi in vantaggio (20-25).

Nel quarto parziale, l’andamento della partita ha rispecchiato quello del set precedente. Anche, qui, infatti, gli azzurrini hanno commesso qualche errore di troppo, che ha permesso agli uomini di Lanci di prendere il largo (18-12). Nel finale, non sono bastati i tentativi di Recine e compagni di rimettere in piedi la gara (22-18) e Ortona ha chiuso il set (19-25).

HANNO DETTO:  “Resta sicuramente un po’ di amaro in bocca – commenta il centrale del Club Italia Leandro Mosca –  perché speravamo di chiudere la stagione con una vittoria e così non è stato. Complessivamente credo che per il Club Italia sia stata una stagione molto positiva, anche perché non erano mai stati fatti così tanti punti e nella prima parte della stagione eravamo partititi davvero forte. Poi credo che in generale è stato un campionato nel quale siamo cresciuti molto sotto tanti aspetti, io in prima persona, quindi mi reputo abbstanza soddisfatto. Ora devo pensare solo a lavorare ancora perchè a breve inizieranno le attività delle nazionali e, con la speranza di qualificarci al Mondiale (U21), dovremo prepararci al meglio.”

Sicuramente un po’ di rammarico per non aver raggiunto il quarto posto c’è – spiega il coach di Ortona Nunzio Lanci – Noi abbiamo onorato il campionato fino all’ultima palla cercando a tutti i costi di rientrare tra le prime quattro, così non è stato e quindi bisogna farsene una ragione. Adesso dovremo essere bravi a rimanere concentrati per il play-off di Serie A2 che ci aspetta e per quello siamo soddisfatti di esserci arrivati con un buon posizionamento. Nella corsa al quarto posto, Cantù probabilmente ha avuto il merito di vincere qualche scontro diretto in più rispetto alle altre, noi invece nell’ultima parte della regular season siamo stati un po’ penalizzati dagli infortuni. Il Club Italia è una squadra di ragazzi con la quale è stato fatto un ottimo lavoro, nell’arco della stagione hanno saputo mettere in difficoltà molte formazioni e fatto crescere tanti ragazzi interessanti. Spero di rincontrarli su palcoscenici ancora più importanti”