A2 Femminile. Brescia vittoriosa nell’anticipo

55
La gioia della Millennium Brescia a fine match

Anticipo Terza Giornata di Andata Serie A2 Femminile
Assitec Volleyball Sant’ Elia – Banca Valsabbina Millenium Brescia 1-3 (25-21, 9-25, 21-25, 18-25)
Assitec Volleyball Sant’ Elia: Saccani 3, Costagli 4, Vanni 6, Tellaroli 6, Lotti 14, Montechiarini 8; Lorenzini (L). Nenni, Poli 3. N.E. Muzi. All. Giandomenico.
Banca Valsabbina Millenium Brescia: Ciarrocchi 13, Bianchini 17, Tanase 13, Fondriest 14, Morello 2, Cvetnic 17; Scognamillo (L) 1. Blasi, Sironi. N.E. Giroldi, Bartesaghi, Caneva. All. Beltrami.
Arbitri: Dell’ Orso, Proetti

Veroli – Sestetti iniziali che vedono le padrone di casa schierare Saccani-Tellaroli, Montechiarini-Vanni, Costagli-Lotti con Lorenzini libero. Coach Beltrami risponde con Morello-Bianchini, Ciarrocchi-Fondriest, Cvetnic-Tanase e Scognamillo libero.
Brescia parte sotto per 5-2 dopo l’errore di Tanase in battuta ma recuperano impattando a quota 8 con l’ace di Ciarrocchi. Veroli torna avanti costringendo Beltrami al time out, ma Lotti e compagne giocano meglio ed il 17-12 è ovvia conseguenza. Le ragazze di Giandomenico sono continue e Brescia non riesce a rientrare, Costagli ottiene il 25-21 che sancisce il primo set.
Lo spartito della partita cambia completamente nel secondo set. Brescia parte sparata (2-6) trascinata da Fondriest e Bianchini. Veroli in difficoltà, coach Giandomenico spende il suo secondo time-out sul 5-14 e prova a cambiare assetto. Ogni mossa è vana, il set è in cassaforte per Brescia (9-25).
Terzo set più equilibrato. L’Assitec torna agguerrita sul taraflex, facendo sudare gli scambi alla Millenium. Dopo il pari al 6, l’out di Bianchini regala il break alle padrone di casa, consigliando a Beltrami di chiedere il time out sull’8-6. Divario subito azzerato da Ciarrocchi con sorpasso (8-9), diventato poi break dopo la difesa monstre di Scognamillo sull’11-13. Si procede punto a punto, la partita ora è intensa. Capitan Lotti non demorde e si aggiudica il pari immediato al 15. La capitana opposta, Bianchini, non è da meno: 15-17 e time-out Sant’Elia. Qui si spacca il set, Brescia conquista il break decisivo (16-20) per poi chiudere il periodo con la fast di Fondriest (21-25).
Il quarto set inizia in equilibrio (5-5), ma da qui in poi è monologo bresciano. Un errore di Costaglia vale il 6-10, l’ace di Cvetnic mantiene il distacco (9-13), poi Tanase decide di mettere la quinta ed allunga: 10-16. Brescia non ha più cali, Ciarrocchi chiude per il 18-25 ed 1-3 finale.
Le parole di Alessandro Beltrami a fine match: “Sapevo che non sarebbe stato semplice – commenta il tecnico di Brescia – Nel primo set non abbiamo messo in campo l’attenzione necessaria, loro battono e difendono bene, esprimendo un gioco ordinato. Non era facile trovare da subito un ritmo alto come invece è stato a Busto, eravamo alla prima trasferta lunga e loro giocavano nel clima di festa dell’esordio casalingo in Serie A. Siamo riusciti a centrare l’obiettivo di imporre il nostro gioco e, naturalmente, di vincere. Perché per raggiungere ciò che ci siamo prefissati dobbiamo sempre portare a casa punti. Nel primo set abbiamo sbagliato troppo, però stiamo ancora trovando una misura. Tra gli aspetti positivi  – prosegue Beltrami – c’è sicuramente l’attacco, visto che tutte le nostre attaccanti hanno chiuso in doppia cifra. Ci sono tante cose che dobbiamo ancora migliorare ma stiamo vedendo i progressi”.
Serena Scognamillo, libero della Millennium, commenta così il primo punto in carriera: “E’ una bella emozione, per me qualcosa fuori dagli schemi ma divertente. Siamo felicissime di aver preso i tre punti che cercavamo, un po’ a rilento ma abbiamo trovato la vittoria. Il primo set è stato sottotono e non siamo riuscite a fare bene quello che volevamo, potevamo evitare tanti errori che le hanno aiutate a entrare in partita. Dal secondo abbiamo invertito rotta e la partita è cambiata completamente. La prossima settimana finalmente giochiamo in casa dopo due trasferte, anche contro Olbia daremo il meglio”

Sostieni Volleyball.it