A3 Credem Banca: Girone Bianco. Anticipo, Prata di Pordenone – Trento 0-3

A3 CREDEM BANCA – GIRONE BIANCO – 1. Giornata
Tinet Gori Wines Prata di Pordenone – UniTrento 0-3
(20-25, 24-26, 25-27)
Tinet Gori Wines Prata di Pordenone: Alberini 0, Link 9, Miscione 6, Baldazzi 8, Marinelli 14, Tassan 4, Vivan (L), Calderan 1, Lelli (L), Rau 1, Galabinov 3. N.E. Meneghel, Tolot, Deltchev. All. Cuttini.
UniTrento: Pizzini 2, Michieletto 15, Acuti 7, Poggio 11, Magalini 9, Simoni 7, Pol 2, Zanlucchi (L), Mussari 0, Coser 0, Lambrini (L), Bonatesta 0. N.E. Dietre. All. Conci.
ARBITRI: Laghi, Cecconato.
NOTE – durata set: 27′, 33′, 33′; tot: 93′.

PRATA DI PORDENONE – Trento vince l’anticipo della 1. giornata di A3 Credem Banca, girone Bianco.

Non poteva essere migliore l’avvio nel nuovo campionato proposto quest’anno dalla Lega Pallavolo Serie A; contro una squadra proveniente dalla Serie A2 e sicuramente più esperta, gli Under 21 gialloblù hanno compensato il gap, con l’organizzazione e il gioco e vanificato ogni tentativo dei friulani, sfoderando una grande prestazione difensiva corale, con Pizzini e compagni in grado di recuperare diversi palloni che parevano ormai persi e bravi salvare diverse situazioni potenzialmente complicate.

Se c’era ancora qualche dubbio dopo le uscite in pre-season con il contagocce, stasera queste sono state fugate e Trento può guardare con grande fiducia ai prossimi impegni. Sugli scudi Alessandro Michieletto, autore di 15 punti e top scorer della serata, ma va rimarcata anche la prestazione di Pol in seconda linea con l’80% in ricezione e il 50% di palle perfette.

SESTETTO  – Per la prima al PalaPrata sono quasi 500 gli spettatori che hanno provato a spingere la formazione friulana e coach Francesco Conci sceglie Pizzini in regia con Poggi opposto, Michieletto e Magalini in banda, Simoni e Acuti al centro con Zanlucchi libero.

LA GARA – Il set d’apertura si mantiene equilibrato fino al 7-8, poi Trento preme sull’acceleratore, (a fine set i ragazzi di Conci avranno il 50% in attacco) e l’ottimo lavoro difensivo rimedia ad un servizio molto aggressivo ma troppo impetuoso e mantiene un vantaggio sempre attorno ai cinque punti fino al 20-25 finale.

Con lo stesso sestetto anche il secondo parziale, che si mantiene equilibrato fino al 9-9. La prima fiammata è firmata dal Tinet Gori Wines per mano di Jacob Link, che dai nove metri porta avanti i suoi 12-9. Magalini e Michieletto non ci stanno e imbastiscono il contro break che pareggia il conto (12-12). Un ace di Pol e un attacco di Michieletto danno il primo vantaggio trentino (16-18), ma l’equilibrio regna sovrano fino al 23-23 con Pizzini che si procura il primo set point annullato dagli avversari (24-24). La determinazione dei friulani nel pareggiare il conto è feroce ma non più della difesa trentina, che salva due situazioni molto critiche sugli attacchi altrui e consente a Poggio e Michieletto di mettere a terra i due palloni che valgono il 2-0 esterno.

Si torna in campo nella terza frazione con l’UniTrento determinata a chiudere il conto e piazza subito il primo parziale portandosi sul 4-8 con tre punti di Poggio intervallati da uno di Michieletto. I padroni di casa reagiscono sul 9-13 e recuperano lo svantaggio (15-15). Per due volte provano ad andare via (20-18 e 22-20), ma la grande pressione trentina induce i friulani all’errore. Il finale è ancora una volta punto a punto; Trento si dimostra oltremodo matura nel mantenere la calma, i padroni di casa salvano due match point ma nulla possono nel finale quando i gialloblù prima approfittano di un errore altrui e poi chiudono il conto 25-27.

HANNO DETTO – Una sorpresa, una vittoria ancora più bella perché inaspettata – sono state le parole a fine partita di coach Francesco Conci. Sono contentissimo perché siamo entrati molto bene in campo, col piglio giusto. Ho fatto tantissimi cambi, mi pare che in totale alla fine fossero addirittura diciotto, ma anche chi è entrato ha dato un contributo fondamentale nel frangente di gara e anche questo è molto importante. Abbiamo iniziato forzando molto il servizio, sono arrivati diversi errori e la strategia aggressiva ha pagato; era importante imporre subito il nostro gioco e trovare il giusto ritmo. Siamo stati molto bravi in tutte le fasi punto a punto, non abbiamo mai fatto scappare gli avversari e li abbiamo sempre ripresi. Una buona fetta del nostro successo lo dobbiamo alla ricezione e difesa, grazie alle quali abbiamo spesso chiuso le azioni lunghe. Le sensazioni sono ottime e la vittoria fa piacere, dà morale e offre una grossa iniezione di fiducia. Sappiamo però che sabato ci aspetta un’altra partita, un’altra battaglia e già da lunedì cominceremo a studiare in nostri prossimi avversari”.

Il 26 ottobre (ore 20.30 a Sanbapolis) l’UniTrento Volley disputerà infatti la sua prima partita casalinga della stagione, ospitando Cuneo.