AIP: Il sovraccarico di attività e infortuni… Sondaggio tra 115 atleti/e di Superlega e A1 femminile

446

MODENA – L’Associazione Italiana Pallavolisti ha lavorato nel mese di dicembre ad una ricerca su un tema che è da anni al centro dell’attualità sportiva per i pallavolisti dei nostri campionati di vertice, il “Sovraccarico di attività ed infortuni”.
Una ricerca/sondaggio che – stando ai numeri forniti dall’AIP – ha però visto la partecipazione di soli 115 atleti di Superlega (58) e A1 Femminile (57),  meno di un terzo del totale (183 nelle 13 squadre di Superlega, 194 nelle 14 squadre di A1 femminile, per un totale di 376 giocatori/giocatrici tesserati). Di questi poco più di 50 ha partecipato alle attività della propria nazionale nell’estate 2021.

La a maggior parte degli atleti individua come principale responsabile della propria stanchezza/stress il calendario partite troppo fitto (46%). Il 14% lamenta l’assenza di una pausa estiva a causa del coinvolgimento in competizioni internazionali.
Altri atleti sono stressati dalla situazione Covid (14%) o da fattori esterni, quali la lontananza dalla famiglia, infortuni, l’adattamento ad una nuova categoria o ad un nuovo contesto.

Alcuni numeri
45,4%
Sono gli atleti che hanno partecipato alle attività della propria nazionale nell’estate 2021 e hanno riportato infortuni nella prima parte della stagione 2021/2022.
47,8% – Atleti che hanno espresso la  propria preoccupazione per l’attività internazionale della prossima estate.
60% – Sono gli atleti che hanno partecipato alle attività della propria nazionale nell’estate 2021 e si sentono più stanchi rispetto alla passata stagione. 

E’ stato chiesto agli atleti quanto potrebbe influire positivamente sul loro stato fisico/mentale una diversa distribuzione del calendario partite (prolungamento del campionato, meno partite infrasettimanali): 55,1% molto, 18,2% abbastanza, 26,7% poco.