Belgio: 16° scudetto per il Maaseik. Rimonta dal 2-0 in casa del Knack in gara 5

16° scudetto per il Maaseik

Gara 5 (11 maggio)
Knack Roeselare – Greenyard Maaseik 2-3 
(25-22, 25-23, 16-25, 19-25, 13-15) Serie: 2-3
Knack Roeselare: Walsh 1, Desmet 9, Coolman 8, Tuerlinckx 21, Verhanneman 17, Fasteland 5, Dejonckheere (L); S. Holt 1, Van De Velde 0. Non entrati: Robbe (L), Depovere, Van Hirtum, Kindt. All: Vanmedegael.
Greenyard Maaseik: Zimmermann 5, Jelte Maan 22, A. Grozdanov 13, Cox 22, Baetens 10, Tammemaa 9, Dronkers (L); Pupart 0. Non entrati: Aganits, Peeters, Van Heyste, R. Wojcik, Thys. All: Banks.

ROESELARE – La serie di finale scudetto più pazza di sempre si chiude con la quinta vittoria esterna ed il successo del Greenyard Maaseik che nella partita decisiva rimonta 2 set di svantaggio al Knack Roeselare e si laurea così campione del Belgio per la 16° volta nella sua storia.

La vigilia era stata agitata dall’annuncio del Knack Roeselare di voler schierare come “jolly medico” (per l’infortunato Van Hirtum) Tomas Rousseaux, ma alla fine il Knack (nonostante un pronunciamento favorevole della giustizia ordinaria) non se l’è sentita di sfidare la giustizia sportiva (il regolamento prevede che il jolly medico debba essere un giocatore straniero).

Il match ha visto il Maaseik sprecare un vantaggio di 11-15 nel 2° set, ma la formazione di Banks non si è arresa e trascinata dagli attacchi di Maan e Cox (partita in crescendo dopo 2 set negativi) e dai turni di battuta di Zimmermann e Tammemaa si è guadnata il quinto set.

Nel tie-break Baetens (3-5), un errore di Desmet (5-8) e 2 ace di Cox (5-10) hanno lanciato la fuga ospite, ma il Knack è rientrato con l’errore di Zimmermann (7-10), il muro e il contrattacco di Coolman (8-10 e 9-10) e l’errore di Maan (11-11). La P1 è stata però fatale alla formazione di casa che ha incassa il contrattacco di Maan (11-13) e stavolta Maaseik non si è fatta più riprendere: di Maan (12-14) e dell’ex-Verona Grozdanov (13-15) i punti decisivi.

Sostieni Volleyball.it