Bergamo: Andrea Veneziani guida una cordata di imprenditori per salvare l’ex Zanetti

BERGAMO – Su L’Eco di Bergamo di oggi si legge che Bergamo andrà avanti. L’appuntamento è fissato per oggi e a firmare saranno la famiglia Foppa Pedretti e Andrea Veneziani. Il mondo del volley bergamasco da ieri pomeriggio, quando si è giunti all’accordo, può finalmente sorridere: non si chiamerà più Foppapedretti, non si chiamerà più Zanetti, e sarà un’altra società, nuova di zecca guidata da un  gruppo di 18 imprenditori che rileverà il titolo sportivo dal Volley Bergamo, la gloriosa società della famiglia Foppa Pedretti che ha chiuso le attività il 31 maggio, dopo una storia di successi nazionali e internazionali che l’ha trasformata in una leggenda della pallavolo mondiale.

Nascerà una nuova società “Volley Bergamo 1991” o “Bergamo Volley 1991”. Il nome non è ancora definitivo, ma e già certo che i colori sociali resteranno i medesimi: il rosso e il blu che per tanti anni hanno accompagnato i trionfi della Foppa caratterizzeranno anche loghi e divise delia futura società e futura squadra.

La famiglia Foppa Pedretti ha mantenuto la promessa di fine inverno: “noi chiudiamo” ­ disse a marzo inoltrato il presidente Luciano Bonetti “e se c’è qualche realtà bergamasca che vuole andare avanti regaliamo volentieri il titolo sportivo”.

Andrea Veneziani, da sempre team manager del Volley Bergamo, l’imprenditore Paolo Bolis e l’avvocato Stefano Rovetta hanno avuto il merito di credere nella possibilità di creare una compagine che portasse avanti la tradizione del volley femminile a Bergamo. E uno dopo l’altro, non senza l’aiuto dietro le quinte del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, hanno raccolto i soci e dunque le quote necessarie per arrivare e superare ­ la quota di 150 mila euro necessaria per la costituzione del capitale sociale iniziale della nuova realtà societaria.

Capitale cui andrà aggiunta la quota di settantamila euro necessari per la fidejussione a garanzia dell’iscrizione, che andrà formalizzata entro il prossimo 13 luglio. Dunque una sorta di corsa contro il tempo, che dopo l’ufficializzazione delle prossime ore prevederà l’atto notarile ­ probabilmente già in settimana ­ per la costituzione della nuova società.

Sull’organigramma societario pare certo il ruolo di amministratore unico affidato ad Andrea Veneziani, mentre lo “storico” direttore generale del Volley Bergamo, Giovanni Panzetti, potrebbe garantire una collaborazione nelle vesti di consulente sportivo, data la sua lunghissima esperienza.

Sul fronte sportivo a Bergamo sono rimaste le schiacciatrici Sara Loda, Khalia Lanier e Stephanie Enright, mentre appare già sicuro l’arrivo dell’alzatrice Isabella Di Iulio. Promossa titolare il libero Giorgia Faraone; in arrivo l’opposta brasiliana Ana Paula Borgo (dal Nilufer Bursa) e la centrale tedesca Marie Schölzel (da Schwerin).

Sostieni Volleyball.it