50 anni, Voto 10 a Righi-Pedrini, Starovic 20!

296

WALDO KANTOR voto 8: Il palleggiatore della Panini post Velasco ha trasferito il talento dalle mani alla panchina: in più ci ha aggiunto una dose di sana follia e di incapacità di accettare la sconfitta. Si spiega così la rimonta da 0-2 della sua Vibo contro Trento, si spiega così la risalita inesorabile dei calabresi dall’ultimo all’ottavo posto.

JACOPO MASSARI voto 8: Criticato (anche giustamente) per le sue prestazioni contro Lubiana e in campionato, quando chiamato a sostituire Ngapeth, risponde con carattere sciorinando numeri straordinari nella vittoria dell’Azimut a Sora: 55% in ricezione, 60% in attacco e soprattutto 5 ace. Bravo.

Starovic e Monti, Milano c’è

SASHA STAROVIC voto 20: Che bello rivedere il serbo costante sul ventello. Un giocatore che si perde e si ritrova (e si riperde) con eccessiva frequenza, ma che quando sta bene ci fa spellare le mani.

UROS KOVACEVIC voto 10: Top scorer indiscusso ed mvp per acclamazione olimpica anche di Calzedonia-Top Volley, si ferma sulla linea del traguardo, prende per mano Mitar Djuric negli scambi finali e gli dice: “Vai Mitar, figlio mio: un punto in più per te e il premio individuale”. La magnanimità degli dei.

LA COPPIA PEDRINI-RIGHI voto 10: Giuro, li ho visti abbracciarsi alla festa dei 50 anni di storia del Gs Panini a Modena. Pare addirittura che la presidentessa gialloblù abbia sussurrato nell’orecchio del Massimo nazionale che “oh, mica male sta SuperLega!”. Poi però è rinsavita e ha pubblicamente dichiarato: “Bisogna farla a otto squadre. Punto e basta. In ogni caso, qualsiasi sia l’argomento, io voto no!”. Però vuoi vedere che alla fine, dopo tanti litigi…

LA COPPIA QUIROGA-MAURICIO voto 10+: Non li abbiamo mai visti giocare insieme, questi due, anche se come età si sono sfiorati. Il tributo ricevuto da entrambi nel loro ritorno a Modena per la festa dei 50 anni, le loro lacrime di commozione di fronte alla standing ovation prolungata, i video delle loro imprese in Italia, beh, sono stati un tuffo al cuore. Per tutti e per un’epoca di gloria come forse non ce ne saranno più.

foto

ALEKSANDAR ATANASIJEVIC voto APPERÒ!: Per uno che fino a poche settimane fa camminava su una gamba sola, attaccare col 68% contro una delle grandi del torneo, beh, mica male eh?

BERTOLI, GIANI E LORENZETTI voto NO: Nel senso che alla suddetta festa non c’erano. Giani e Lorenzetti hanno portato la giustificazione: malati. Bertoli invece? Che peccato, che tre bandiere così, ma che dico bandiere, monumenti che hanno glorificato Modena nel mondo, non fossero presenti alla serata di celebrazione di 50 anni di successi.

LORENZO DALLARI voto 8: Conduttore spigliato e soprattutto edotto sulla materia di cui si parlava, abbiamo un solo appunto da muovere alla sua direzione della serata sui 50 anni Panini: bisognava lasciare il palco al prof. Paolino Guidetti (voto MILLE!) per almeno mezz’ora. Sarebbe stato un monologo leggendario.