Coppa Italia, finalmente ancora uno show! Ma chi siamo?

Chi siamo? I sold out di Casalecchio di Reno o i 900 di diverse sfide di Superlega senza big?
Chi siamo? I sold out di Casalecchio di Reno o i 900 di diverse sfide di Superlega senza big?

Dai poco più di 900 spettatori di Monza – Vibo Valentia di mercoledì, ai poco più di 900 spettatori di Sora – Siena di ieri sera (recupero “caldo”, una vera e propria sfida salvezza che molto probabilmente ha sancito la salvezza del club laziale a discapito dell’Emma Villas Siena di Marouf e Hernandez) alla Final Four di Del Monte Coppa Italia già formalmente sold out da più di una settimana, in un impianto con una configurazione da più di 10.000 posti…

Chi siamo? Quelli che questa settimana si contavano con il contagocce a Monza (contro Vibo) e Sora o quelli contati in un lampo sulle tribune di Vibo e Latina nel corso della stagione o siamo lo spettacolo che da oggi a Casalecchio di Reno attirerà le attenzioni di tutta la pallavolo mondiale?

Vorrei che fossimo quelli che da oggi potranno gridare “io c’ero” nella pallavolo spettacolo che ci regaleranno le quattro big della Superlega Perugia, Trento, Civitanova e Modena. E le altre? Troppa indulgenza nelle passate stagioni non ha portato al loro “taglio” dalla Superlega e ora il movimento le deve subire. 

Non interessa la pallavolo? Ma davvero a queste piazze interessa la Superlega? Si tratta di club che non partecipano ai play off, non giocano la Supercoppa e la Coppa Italia, con garantire solo un totale di 26 partite a stagione. 13 partite casalinghe da metà ottobre (14/10/2018) a fine marzo (24/3/2019), il tutto in 161 giorni poco più di 5 mesi. Appena 2,5 partite al mese e queste non raccolgono almeno 2000 appassionati bramanti, desiderosi di vedere in maniera febbrile partite di pallavolo del massimo campionato prima di un vuoto pneumatico di 7 mesi?

Colpa dei turni infrasettimanali? C’è anche chi sostiene che il turno infrasettimanale non aiuti queste sfide senza big. Se davvero il problema è il turno infrasettimanale la soluzione è di facile individuazione: Superlega a 10 squadre, 18 gare tra andata e ritorno, tutte di domenica e festivi e poi i play off con quarti di finale al meglio delle cinque gare, semifinali e finali al meglio delle 7.  Velasco – non io o il primo che passa – a più riprese ha peraltro ribadito che questo è “uno sport di play off”. Bene, allora perché tanta pena quando il planning internazionale non ci aiuta? Riduciamola questa regular season, aumentiamo i big match ed evitiamo le sfide dal 900 spettatori e grande freddo sulle tribune.

Un pugno nello stomaco vedere certe riprese televisive. Finalmente la Del Monte Coppa Italia, spero il viatico per un finale di stagione che speriamo regali dati in crescita e degni di quello che ovunque viene indicato come il campionato più bello del Mondo.

#IOCERO – T-shirt Final4 Coppa Italia – Bologna 2019

 

 

Offrici un caffè, sostieni Volleyball.it