Istruzioni per vincere: Cosa vuoi?

540
Giulia Momoli
Giulia Momoli

Immagino che nel tuo sport, nella tua occupazione, nel tuo lavoro, nelle aree a cui tieni particolarmente e che hanno una priorità nella tua vita ti sarà capitato di porti una meta, un obiettivo. E avrai anche capito quanto è importante avere degli obiettivi ambiziosi per svegliarsi ogni mattina con la giusta energia per affrontare la giornata e tutte le sfide che comporta.

Alcune volte si sottovaluta quanto sia utile avere le idee chiare su che cosa vuoi? dove vuoi andare?

Spesso le persone sanno perfettamente che cosa non vogliono, ma non sanno cosa vogliono

Invece la nostra mente ha bisogno di informazioni ben definite e specifiche per poter sfruttare tutte le sue risorse e per portarci all’obiettivo. Ha bisogno di dettagli. Come inserire l’indirizzo di destinazione nel tuo navigatore: di certo non scrivi dove non sei diretto, ma dove vuoi andare, e inserisci città, via e spesso anche numero civico per giungere nel luogo esatto.

Che tu sia atleta, allenatore, o dirigente, avrai certamente affrontato in diversi momenti della della stagione, il tema degli obiettivi. Gli obiettivi sono quei punti di riferimento che forniscono una direzione alla tua vita sportiva, personale, e professionale. Ti permettono di batterti per qualcosa, ti fanno sentire impegnato in un progetto importante, ti danno soddisfazione e riempiono di senso ciò che fai ogni giorno. Ti permettono di capire se sei nella strada giusta e quanto velocemente ti stai evolvendo.

Molto spesso però capita che non ci soffermiamo a pensare e a formulare i nostri obiettivi, così ci limitiamo a vivere gli obiettivi di qualcun altro o quelli che ci sono stati assegnati.

momoli-definizione-obiettivo-smart-roberto-muller

Ti ripeto questa mia ultima frase perché racchiude in sé una dinamica che per la mia esperienza in coaching, si verifica di frequente: “molto spesso però capita che non ci soffermiamo a pensare e a formulare i nostri obiettivi, così ci limitiamo a vivere gli obiettivi di qualcun altro o quelli che ci sono stati assegnati.”

Ci sono obiettivi personali e di squadra, ci sono obiettivi a breve, a medio e a lungo termine.

Ognuno di essi dovrebbe essere estremamente chiaro e dettagliato nella tua mente, per garantiti maggiori possibilità di successo.

Ti sei mai chiesto davvero cosa vuoi?

Nelle mie sessioni di coaching capita che le persone vengano da me e mi dicano:

“Giulia sono completamente demotivato, non capisco perché!”

Io chiedo loro: “Qual è il tuo obiettivo in questo momento?”

La risposta generalmente recita qualcosa tipo: “Non lo so!”

BINGO.

In questo caso lavoriamo insieme per trovare il giusto obiettivo, e quando la persona lo trova, le si illumina il volto! Sono certa che sai di che cosa parlo.

“Non esistono persone demotivate, ma solo obiettivi poco motivanti”.

Quando invece il mio coachee mi presenta già l’obiettivo o il sogno che desidera realizzare, allora verifichiamo insieme che il suo traguardo risponda ai giusti criteri. Certo, perché non basta formulare una frase magica, “Voglio giocare in nazionale” o “voglio vincere il campionato” o “Voglio essere il più forte” .

Per poter ottenere i risultati che abbiamo stabilito di voler raggiungere nella nostra vita sportiva, personale e professionale, è molto importante saper costruire degli obiettivi ben formati.

Un obiettivo strutturato correttamente, o ben formato, per essere definito tale prevede che risponda a determinate caratteristiche.

momoli - pos itTi esorto a procurarti carta e penna e seguire questo utilissimo esercizio insieme a me.

Scegli un obiettivo sportivo, per cominciare. Una volta compreso il meccanismo, potrai estenderlo anche alle altre aree della tua vita per arrivare ad avere 1 obiettivo sportivo, 1 obiettivo personale e 1 obiettivo professionale.

Un obiettivo ben formato deve essere: 

  • Specifico:  descrivilo nei dettagli, non in modo generico; Che cosa vuoi di preciso?
  • Espresso in positivo cioè non sarà espresso come “non fumare più”, “non distrarmi mentre gioco…”, ma “voglio migliorare la mia percentuale di ricezione perfette da x a y”, “Voglio pesare 63 kg”, “voglio portare la mia concentrazione, in una scala da 1 a 10, da 6 a 8”
  • Sotto la tua responsabilità : E’ sotto la tua piena responsabilità? È in tuo controllo o esistono elementi fuori dal tuo controllo? Come puoi fare per mantenere il raggiungimento dell’obiettivo sotto il tuo controllo? “Voglio vincere il campionato” non è sotto la tua responsabilità, ma lo puoi influenzare, quindi vincere il campionato può essere il riferimento, l’ obiettivo guida, la stella polare, chiamalo come più ti piace. Chiediti per portarlo sotto la tua responsabilità: che atleta devo essere per poter vincere il campionato? Che caratteristiche devo avere?
  • Basato su evidenza sensoriale: cioè deve essere misurabile con i 5 sensi; Come fai a sapere di aver raggiunto il tuo obiettivo? Cosa vedrai? Cosa ascolterai? Che sensazioni proverai? Ad esempio: mi vedrò con la medaglia al collo, vedrò la percentuale nel foglio degli scout, sentirò la mia voce che si complimenta per il bel lavoro, ascolterò quella particolare musica, sentirò il pubblico che festeggia, proverò una grande sensazione di orgoglio, vedrò i kg segnati nella bilancia, ecc…
  • Ecologico: cioè che rispetta la persona, il suo sistema famigliare, i suoi valori; Come vengono influenzate le sfere della mia vita se raggiungo questo obiettivo? Qual è il prezzo da pagare per raggiungere il mio obiettivo? E’ una cosa buona per me e per le persone importanti della mia vita che io faccia questo?
  • Deve avere una data di scadenza: sii specifico, scrivi la data! Entro quando lo vuoi raggiungere?
  • Fattibile e Motivante: Il mio obiettivo è il giusto mix tra fattibile (realizzabile) e motivante (mi deve sfidare e non essere facile)?

Bravo! Hai fatto un ottimo lavoro. Dopo aver fatto il check di questi criteri, riscrivi il tuo obiettivo in maniera corretta, tienilo ben visibile (magari su dei post it) per poterlo consultare ogni volta che vuoi e condizionare la tua mente a sapere che vuoi andare lì!, che voi proprio quello! e inizia fin da subito ad applicarti in modo focalizzato per raggiungerlo. 

Nel prossimo articolo parleremo di piano d’azione, cioè andremo a stabilire una strategia che ti permetta di raggiungere gli obiettivi che hai stabilito.

Se vuoi un feedback su come hai costruito il tuo obiettivo ben formato, o se vuoi sapere come poter integrare anche a livello inconscio i tuoi obiettivi attraverso la visualizzazione, scrivimi a g.momoli@ekis.it

Un abbraccio,

Giulia

Gli ostacoli non mi fermano. Ogni ostacolo si sottomette alla rigida determinazione. Chi guarda fisso verso le stelle non cambia idea.”

 Leonardo da Vinci