Pallavoto: Bilanciere di Ngapeth, voto Rado! Cisterna, voto sfiga; Grozer voto Marylin Monroe

1942

IL PALLONETTO IN BILANCIERE voto RADO: Earvinone, al secolo Ngapeth, non vedeva l’ora di potersi esibire nei suoi numeri da circo contro la sua nemesi, Radostin Stoytchev. Domenica per tutta la partita ha inventato colpi e giocoleria spesso anche inutile, per esibire il suo ghigno beffardo in faccia al tecnico bulgaro. L’apoteosi al minuto 62 di partita, quando un suo pallonetto lungo in bilanciere è caduto a terra, tra il visibilio del PalaPanini e le vene del collo di Rado che sono aumentate fino a 10 cm di diametro.

TOP VOLLEY CISTERNA voto SFIGA: A Soli prima mancavano i pezzi, nel mentre che gli arrivano si spacca Swarcz, fuori a fine stagione, e il compagno Xi Jinping richiama Lanza in anticipo per il campionato cinese. Pare che a Cisterna presto si aprirà una voragine nel suolo che inghiottirà solo i liberi, mentre Rinaldi e Maar rimarranno imbottigliati nel traffico tra Cinecittà e San Giovanni e non arriveranno mai più ad allenamento.

GEORG GROZER voto MARYLIN MONROE: Vibo le sta suonando a Monza, poi lui esce dalla torta di compleanno, dà un bacio a Callipo scambiandolo per Kennedy, e si auto-regala il 3-2 finale.

WILFREDO LEON voto FORZA 7: Ci hanno provato i produttori di forza 4, a mettere in difficoltà il cubano dicendogli che nella nuova versione polacca del gioco bisognava arrivare a sette pedine in fila, che ci provasse contro Trento! Niente, ci è riuscito lo stesso.

MARKO VUKASINOVIC voto 7: Noi lo avevamo già detto in tempi non sospetti che Ravenna aveva comunque pescato uno buono, nel parco mercato estivo. 26 punti contro Milano non sono bruscolini.

LAPI ZALAU voto EROI: La formazione rumena che si frappone tra Modena e gli ottavi di finale ha un che di leggendario. Intanto emerge subito che i ragazzi allenati da quel lazzarone di Lazar in Italia faticherebbero a salvarsi in serie B, nonostante siano pieni di stranieri (un colombiano, un brasiliano, un montenegrino, un polacco). In più come sono arrivati e come tornano a casa? IN PULLMAN. Sissignore. MILLETRECENTO chilometri tutti in pullman, prima al lunedì e poi al mercoledì notte-giovedì. Eroi senza se e senza ma.

THIBAULT ROSSARD voto 8: La riscossa di Piacenza passa anche e soprattutto dal braccio mancino del francese (NO! Non è Kovacevic, ok? Ci assomiglia, è bravino, ma NON È Kovacevic, chiaro?). Partita mostruosa contro Taranto.