Pallavoto: Civitanova voto 10; De Giorgi 8, Sirci voto “Panda” (la Fiat). Mercato&Blog: voto “No”. Padova da 8. Kovacevic…

LUBE CIVITANOVA voto 10: Che è la somma delle 7 finali perse consecutivamente e dei 3 trofei sollevati (su 5 disponibili) nel giro di 7 mesi nel 2019. Considerando en passant che in 4 di questi 7 mesi non si è giocato. La Lube è oggi campione nazionale, europea e mondiale. Se domani la Fivb la invita a un torneo su Giove, vince pure quello. Confermarsi non sarà semplice, ma la fame e l’abnegazione, espresse in maniere molto diverse ma convergenti, di Bruno e Juantorena dovrebbe essere da esempio sempre, per chi aspira ad essere Campione ma ancora non lo è.

FEFÈ DE GIORGI voto 8: Ohibò, nessuno se lo cagava il ragazzo, fino al 16 dicembre dello scorso anno. Poi prende il posto di Medei, capro espiatorio di un momento infelice, e fa in maniera divina quello che gli è richiesto di fare in un gruppo infarcito di fuoriclasse e primedonne: gestisce. Umilmente, lo segnaliamo al Presidente Mattarella: è vero, tra Palazzo Madama e Montecitorio mancano i fuoriclasse e le primedonne, ma se facciamo gestire tutto a De Giorgi secondo me, male non va. E anche in Europa, comincerebbero a guardarci con occhi diversi. Per non parlare del Brasile.

GINO SIRCI voto PANDA: Come lo straordinario spot della Fiat anni Ottanta, «se non ci fosse bisognerebbe inventarlo». Anche solo per deliziarci con inni all’amore, voli trans-continentali tra Lisbona e Vladivostok, giacche color catrame e concerti inattesi che scombinano i programmi al PalaBarton. Gino, ti amiamo.

IL MERCATO voto NO: Ormai i tabloid inglesi, i siti ufficiali e i blog sono pieni di Mercato. In tutte le stagioni, dicembre, gennaio, aprile, settembre, e per tutti i gusti, chi ama la nocciola, chi gli opposti della Lube, a chi piace la stracciatella, chi i polacchi e così via. Noi su questa rubrica, fors’anche contro il nostro editore, diciamo la nostra: questo mercà c’ha rotto er cà

IL VALZER DEI PALLEGGIATORI voto WIENER PHILARMONIKER: A proposito di mercato. La composizione, una delle migliori di Johann Strauss, verrà eseguita al Concerto di Capodanno e poi ripresa da tutti i siti, blog eccetera a breve. No, nessuno ci aveva ancora pensato? Allora ve lo diciamo noi: Bruno, Christenson, De Cecco sono tutti in scadenza, Giannelli e Toniutti hanno appena rinnovato ma solo per tutelare le loro società di origine. Pronti a chi la spara più grossa? Rivenditori di pop corn in delirio!

IL CALENDARIO DELLA FIVB voto VULVIA: «Planner della Fivb. Sono protagonisti di alcune cagate pazzesche, tornei e impegni gli uni sugli altri che anno dopo anno si ripetono sempre uguali! Ma perché lo fanno? Chi li spinge? Forse c’è qualcuno dietro? Spingitori di planner Fivb! Scopriteli su Volleyball.it!». (e magari, eliminateli!)

REGOLA DEGLI ITALIANI voto CANNABIS: In questo caso ci uniamo a Marco Pannella e alle lotte libertine. «Liberalizziamola!».

CHICCO BLENGINI voto 5: Cerchi. Anche alla testa eh, perché l’Europeo gli ha fatto venire un’emicrania che non vi dico. Però la Nazionale aveva un obiettivo imprescindibile, andare a Tokyo. Ce l’ha fatta. E adesso il Chiccone nazionale, che lascerà con ogni probabilità dopo l’avventura in Giappone, ha una sola partita in testa. Il quarto di finale, ad agosto.

MODENA e TRENTO voto SIGH: Trento ha in tasca Mondiale per Club 2018 e Coppa Cev, Modena la Supercoppa dello scorso anno e imiterà probabilmente Trento in Europa. Ma inseguire le due indemoniate là davanti è tremendamente difficile. Se poi perdi sempre con Padova…

KIOENE PADOVA voto 8: Pochi soldi, tanta voglia. Così come Ravenna (7,5). Le realtà che piacciono a noi.

UROS KOVACEVIC voto 10: Cos’è, ve lo dobbiamo anche spiegare? A tutti buona fine, buon principio ma soprattutto buon Kovacevic. Sempre. Ricordando che anche i suoi 33 si avvicinano.