Pallavoto: Juantorena gara4 da 9, Trento stagione da 8, “Bernardi influencer” voto goliardia!

LA GARA 4 DI JUANTORENA voto 9: Diciamocelo in tutta franchezza: se Osmany avesse giocato tutta la serie come gara 4, Trento sarebbe uscita prima. Qui però risiede la classe cristallina del campione: acciaccato e balbettante per tutta la semifinale, l’italocubano tira fuori dal cilindro un 15 su 20 in attacco come neanche quando era ragazzino. E la Lube si prende l’ennesima finale.

LA STAGIONE DI TRENTO voto 8: Non è arrivata la ciliegina sulla torta, ma la reazione di gara 3 dopo la sconfitta pesante di gara 2 e l’occasione gettata al vento in gara 1 è da corazza notevole. Si porta a casa una Coppa Cev e un Mondiale per Club, in Italia non trova trofei ma gareggia alla pari con le due superpotenze. Chapeau.

GLI STRISCIONI DI MODENA voto OK, CI SIAMO: Ci sarà anche del dubbio gusto e della plateale offesa, in alcune frange isolate di tifo. Ma l’estemporaneo striscione esposto a metà match al PalaPanini con la scritta “Bernardi influencer” a richiamo delle ‘denunce’ social di mister Secolo valeva da solo il prezzo del biglietto. È la goliardia che ci piace, e se qualcuno non apprezza, noi si fa spallucce passeggiando sul Tevere e fischiettando “sticazzi”.

KEVIN TILLIE voto DETERSIVO: Se chiedete a Velasco vi risponderà con estrema sincerità: “L’ho trovato nel Dixan”. Una bella fortuna, dato che al posto dell’ammorbidente Urnaut l’antiruggine Tillie ribalta come un calzino gli equilibri tra Perugia e Modena e rimanda il verdetto a gara 5.

WILFREDO LEON voto SERGIO: «Per un milione di dollari» era il nome del quarto capitolo di quella che dalla “Trilogia del dollaro” sarebbe diventata la “Quadrilogia di Cuba”. Il regista di cui stiamo parlando, ovviamente, è Sergio Leon: che però si è rifiutato di dar vita all’ultimo episodio. Lui il quarto film e la quarta gara non li gira e non li gioca. Chiaro?!

CALCUTTA voto 10: Il cantautore pontino, tifoso di Tubertini, riadatta la sua “Oroscopo” a questi play off: «Non mi ricordo se Perugia è sbagliona / Ma ha una cassa che suona, un ampli che brucia /
Tutt’i’playoffe tutt’i’playoffeeee / Ma io mi ricordo Potke e il suo muro / Un rullo, un tamburo, gara 5 sicuro / Tutt’i’playoffe tutt’i’playoffeeeeeeee». Disco d’oro.

UROS KOVACEVIC voto 10: Per voi un indovinello sul finale di stagione della Luce che illumina il Mondo e move tutte le Stelle. Quanti erano gli Apostoli? E secondo voi con quale saldo vinte/perse ha chiuso gara 4 Uros? Traete le vostre conclusioni, ma sappiate che gli eretici saranno arsi vivi.