Pallavoto: Kaziyski voto “Jump”. Michieletto voto “Trivial Pursuit”; Sold out voto “Tenco”

2746

MATEY KAZIYSKI voto JUMP: Forse non tutti sapete che l’mvp della Supercoppa Italiana è nato nel 1984, e forse non tutti sapete che 1984 è l’album più fico dei Van Halen e forse non tutti sapete che il primo singolo dell’album fu dedicato da Eddie Van Halen al nascituro Matey. Cosa c’entra tutto ciò con le prestazioni strabilianti del bulgaro lo scorso weekend? Non lo sappiamo, ma era una bella storia.

ALESSANDRO MICHIELETTO voto OMNIA VINCIT ALEX: Michieletto vince su tutto, anche sull’invidia e sull’odio. Se Righi organizza un torneo di Trivial Pursuit entro il 2021, Michieletto gli vince anche quello.

ANGELO LORENZETTI voto SALVAITALIA: Ormai è un Maestro e l’impressione cementata negli anni è che più la sfida è difficile più l’allenatore di Fano dà il meglio di sé. Quindi noi lo proponiamo come Presidente del Consiglio e Commissario della Pandemia, Draghi scansate!

GEORG GROZER voto SFORNATUTTO DELONGHI: “Pizzette? Come queste? È per tutta la famiglia, non cucini più e col timer si spegne da solo! E poi pulisco io? Nooo, pulisce Grozeeer, fa tutto lui!”  

IL SOLDOUT voto LUIGI TENCO: “E lontano, lontano nel tempo, qualche cosa nei teatri di un altro, mi farà ricordare i tuoi spalti, i tuoi spalti che erano sempre pieni. E ad un tratto, chissà come e perché, la mia gente in tribuna non c’è”… ha ragione Righi: il maltrattamento legislativo unito alla paura sarà un bel problema per i botteghini della SuperLega.

SIR SAFETY PERUGIA voto 5: La solita vecchia storia della Perugia post triplete: troppe opzioni, troppo Leon, troppo poco opposto. Nikola Grbic è la cura giusta, ma ci vorranno tempo e pazienza e la capacità di isolarsi da tutto e da tutti, anche dalle tentazioni.

LE TENTAZIONI voto 10: Che poi ci si deve isolare Grbic, mica noi!

IVAN ZAYTSEV voto FAUSTO LEALI: “Mi manchi…  nei tuoi sguardi e in quel sorriso un po’ incosciente nelle scuse di quei tuoi probabilmente, sei quel nodo in gola che non scende giù e tu, e tu…  Mi manchi…mi manchi… posso far finta di schiacciar bene, ma mi manchi, ora capisco che vuol dire averti accanto prima di giocare una Supercoppa”.

UROS KOVACEVIC voto 10: “L’ultima luna la vide solo un bimbo appena nato,
Aveva occhi tondi e neri e fondi e non piangeva. Con grandi ali prese la luna tra le mani, tra le mani. E volò via e volò via era l’Uros di domani”.

* rubrica satirica