PallaVoto: Leal voto 10; Russell voto Pasqua; Stern voto 8; Lorenzetti… “Time out incazzatura…”

4177

QUANDO LEAL S’INCAZZA voto 10: Che tu lo vedi, sta lì che si prende tre ace consecutivi da Porro, sembra un pugile suonato, vivacchia come può per circa un’ora e mezza di partita, poi decide che deve andare a cena, c’è Lucarelli in tribuna, e allora si trasforma in Mazinga Zeta nel tie-break e distrugge quasi da solo le resistenze dell’Allianz. Un dominio che nessun altro giocatore può imporre nel nostro campionato, seppur effimero, fugace, forse passeggero. Perugia, per non sbagliarsi, sta iniziando a prendere dei calmanti.

FUSARO-LUCARELLI voto GIANNI MINÀ: Il dialogo serrato sugli spalti dell’Allianz Cloud profuma di Blitz. L’avanzata delle truppe di Fusaro verso le Marche sembra non trovare ostacoli, ma c’è ancora da oltrepassare il Rubicone. Il dado sarà tratto o sarà un nuovo contratto?

AARON JESUS CHRIST voto PASQUA: Si avvicina il momento della Resurrezione e Russell dice 33, maramaldeggiando sopra una Trento che dopo circa quattro ore di volley celestiale tra Champions League e primi due set di gara 2 spegne la luce. L’accende l’americano, per la prima volta veramente decisivo in stagione.

TOMCEK STERN voto 8: Avere un opposto di riserva, cosa che non ha quasi nessuno proprio, che entra e spacca palloni meglio dell’opposto titolare non guasta. Strepitoso nella remuntada piacentina, mo’ ci sarà da divertirsi.

I TIME OUT DI LORENZETTI voto CHE INCAZZATURA: Diciamo che nel tie-break di gara 2 Angelo non era molto angelico ecco.

VLAD DAVYSKIBA voto CORSA: Un cavallo di razza il giovane martello di Monza, che dopo una stagione buona ma di assestamento ha cambiato marcia nella fase finale di Coppa Cev e anche nei play off contro la Lube è stato la spina nel fianco degli avversari per tutto il match.

CUCINE LUBE CIVITANOVA voto ULTIMO CONGRESSO DEL PCI?: Juantorena e soci sono già lì con le braccia incrociate, senza Champions e senza pensieri, che aspettano Trento o Piacenza e che, parole di Zaytsev, se lo sono promessi: «Un patto per arrivare fino in fondo». Sarà l’ennesimo scudetto dell’era Lube, prima di una impronosticabile rifondazione?

KAMIL RYCHLICKI voto 9: Ne ha fatta di strada Camillo, dai tempi dello Strassen, quando ancora quindicenne eliminava Modena in Challenge Cup in una squadra di impiegati di banca e coltivatori diretti. Ora avrà di nuovo Modena di fronte, e vuole eliminarla ancora, proprio gli piace.

UROS KOVACEVIC voto 10: S’avvicina la Pasqua, la speranza è di vederlo risorgere dal Gerflor di un qualsiasi palasport italiano, la realtà è che per ora la sua crocifissione è stata vana, il futuro ci dirà se la nostra Fede sarà premiata. Sia sempre lodato.