Pallavoto: Letterine al Papa, a Babbo Natale, a Gesù, all’Avvocato e a Greta Thunberg. Stoytchev voto “Revengers”

SAITTA CHE SCRIVE AL PAPA voto RIPOSO DELLA DOMENICA: Allora. A parte il fatto che nelle Scritture c’è scritto che si riposa la domenica, non il giorno di Natale. E che comunque anche tutta quella roba che Dio fece il mondo in sette giorni poi è stata confutata da questi esaltati che dicono come in realtà ci sia stata una sorta di esplosione e che da lì sia poi nato il mondo, quindi sempre secondo questi esaltati Dio si è riposato sette giorni su sette. Tutto ciò premesso. Siamo d’accordo che il giorno di Natale sarebbe bello lasciarlo stare, e sarebbe bellissimo che i giocatori lo passassero in famiglia, e auspichiamo che la Lega Pallavolo accolga le richieste dei giocatori. Ma è anche vero che parliamo di volley e non di catene di montaggio. E che comunque, proprio grazie a Dio, esiste ancora il libero arbitrio: se uno a Natale non vuole giocare, sant’Iddio, non gioca! Le rivoluzioni si fanno così!

BLENGINI CHE SCRIVE A BABBO NATALE voto 7: Chiarissima la lettera del ct della Nazionale al profeta di Rovaniemi: «Caro Babbo Natale, sotto l’albero mi piacerebbe trovare uno schiacciatore italiano fortissimo, chessò un ragazzo che si chiama Vilfredo Leoni, Michele Cobiacco, Matteo Andersonio, Giovanni Leali. Se riesci, solo questo. Ah, se darmelo per lungo tempo ti crea problemi, tranquillo: il 10 agosto te lo restituisco!”.

UROS KOVACEVIC CHE SCRIVE A GESÙ CRISTO voto 10: “Caro Gesù, perché in questo periodo non stai giocando a pallavolo come sai? Eppure la tua mano mancina ha sempre addotto infiniti lutti agli Achei e agli avversari. Potresti tornare a essere l’Uro… ehm, il Gesù che sei sempre stato, moltiplicare i punti e pesci e far vincere Trento nei secoli dei secoli Amen? Grazie”.

EARVIN NGAPETH CHE SCRIVE ALL’AVVOCATO voto VABBÈ: E no, niente, questo capita spesso. Ahilui.

DONALD TRUMP CHE SCRIVE A GRETA THUNBERG voto TWEET: “Lo sai che il mondo era molto migliore quando la svedese famosa si chiamava Victoria Silvstedt?”.

STEPHEN BOYER voto 9: Torniamo alla pallavolo giocata. Signori miei benedetti, ma che partita ha fatto il francese in quel di Modena? E che cocones ha tirato fuori, provocando a gratis il pubblico del palaPanini, andando a servire sommerso dai fischi e infilando ace e attacchi vincenti in tutti i momenti decisivi del match?

RADOSTIN STOYTCHEV voto REVENGERS: Dai su, via il politically correct. La Calzedonia è stata inguardabile fino a domenica. Poi Renato Pozzetto avrebbe detto “taaaaac” e voilà, la partita perfetta. Guarda un po’ proprio contro Modena. A Modena.

GIULIO SABBI voto 10: Il suo record di 42 punti in singola gara di A1 è salvo per un pelo e soprattutto grazie a Piacenza che ha scelto di non andare al tie-break proprio per conservare il primato del suo ex opposto.

NIMIR ABDEL AZIZ voto 9: Di cosa parliamo, esattamente? Di un giocatore che sta viaggiando a 24 punti di media a partita, che è in una condizione di forma straordinaria, che sta tenendo su da solo Milano nonostante assenze e giravolte obbligate in sestetto? L’olandese di questo scorcio di stagione è inenarrabile.

DANIELE LAVIA voto 8: Un paio di partite che il figliol prodigo sfodera prestazioni prodigiose. Vuoi vedere che Blengini quella lettera a Babbo Natale non ha bisogno di spedirla?

LUBE CIVITANOVA voto E POI?: No dico, vogliamo vincere qualcos’altro? Il Torneo di Racchettoni? I Mondiali di Calcio? Le Olimpiadi di fioretto a squadre? Tutti a dire (oh, io compreso sia chiaro) dove vuoi che vadano questi senza Sokolov, e niente: clean sheet in campionato, Mondiale per Club in saccoccia e tanti saluti a tutti.

BRUNO REZENDE voto PIENO: Che volete, alla bacheca di questo immenso campione non manca più nulla. Oddio, volendo essere pignoli: non ha mai vinto la Coppa Italia di serie A2, né la Challenge Cup, gravemente non ha mai conquistato l’oro in una Coppa Regionale di serie C e, soprattutto, non ha mai vinto le Universiadi né il Campionato del Liceo. Vergogna!