Pallavoto: Opposti Lube, voto Upload. Leal voto 9, Clevenot: voto Pirandello, Randazzo voto 8, Bossi… infinito

OPPOSTI DELLA LUBE voto UPLOAD: Il capitolo opposti di Civitanova, seguendo i rumors di mercato rivelati dalla società stessa, scovati dai media di informazione o costruiti ad arte, sono come un’applicazione: ogni tanto vanno aggiornati. Quindi noi, da umili cronisti, ricapitoliamo: via Sokolov, arriva Zaytsev. No Zaytsev no, farabutto, aveva già firmato ma con la biro cancellabile. Ok niente Zaytsev, prendiamo Kurek. Come, Kurek non vuole essere la ruota di scorta? Che se ne vada a Monza allora, marrano! Dentro Rychlicki e Ghafour, presto! Dopo la Supercoppa ci siamo già scocciati di Rychlicki, ma sereni, Verona ci dà Boyer! Boyer non viene? Boia dè! Vernon! Ver no! Sentite, ma perché non facciamo che gioca direttamente Cormio?

YOANDY LEAL voto 9: Che poi, la Lube davvero ha bisogno di un opposto pesante, con lui qua che fa 800 punti a partita? Siamo sicuri?

TREVOR CLEVENOT voto PIRANDELLO: Il francese è uno, nessuno e centomila. Tutti incensano Nimir e perbacco, l’olandese fa sempre più di 20. Ma quello che sta combinando il ragazzo che non treva, è spettacolare. Nello schema schizofrenico cui è costretto Piazza, Clevenot fa il libero, l’attaccante di palla alta e il centrale tutto insieme. E lo fa benissimo. Chapeau.

LUIGI RANDAZZO voto 8: Non sarà forse un match da tramandare ai nipoti, ma dopo l’infortunio della scorsa stagione rivederlo titolare per tutto il match fa un immenso piacere. Dai Gigi, che a fine stagione puoi conquistarti sia Tokyo che La Cremeria!

CALZEDONIA VERONA voto ASPARHITA: Where is Verona? Potremmo riassumere questa parte di stagione della formazione di Stoytchev citando ovviamente Guglielmo Shakespeare: “Oh Boyer, Boyer, perché sei tu a sbaglier? Rinnega il fischione, e rifiuta il murone! O, se non lo vuoi, tieni pure il murone, ma giura almeno di non chiamare più palla!”.

SANTI ORDUNA voto 6: Come i mesi di gravidanza di Lucila! Congratulazioni ragazzi!

ALBERTO SJOERD voto MARCHESE DEL GRILLO: Prendendo spunto dall’attore cui deve il nome, l’opposto olandese della Sir Safety si presenta così al cospetto di Ravenna: «Mi dispiace, ma io so’ io, e voi non siete un cazzo!». 3-0 ed mvp. Saluti.

ELIA BOSSI voto INFINITO: Due indizi fanno una prova, si diceva. Ma qua gli indizi cominciano a essere parecchi: entra a Milano e mangia in testa alla Power Volley, entra con Trento e ribalta il match come un calzino. Quando ha vinto l’ultimo scudetto Modena? Ah sì, quando lui era titolare fisso per tutti i play off. Andiamo avanti?

UROS KOVACEVIC voto 10: Il Redentore dell’umanità tutta nelle ultime partite ha voluto farsi ancora più Umile tra gli umili e si è totalmente immedesimato in Lazzaro, tanto che gioca praticamente da seduto, da sdraiato, senza forza. Però gioca, eroicamente. E a breve chiamerà Gesù, ovvero se stesso, per auto-resuscitarsi. E quando quel giorno verrà, tutti saremo inondati di nuovo dalla Luce.