PallaVoto: Quarantena a Tokyo, voto NO; F4 a Bologna, voto Tortellini; Trento, voto Remuntada. Monza… “Si può fare!”

2169
Jensen, i mercatini di Trento, tortellini alla F4, l’autore Trebbi, missing Chiara Mazzoni, Uros Kovacevic e David Letterman; Monza Frankestin, la campagna vaccinale

LA CAMPAGNA VACCINALE voto 3: Allora è ufficiale. Prima i medici e gli infermieri, poi quelli che non sanno ricevere, poi ancora gli over 80 (Osmany dove cacchio vai?!), poi maestre e insegnanti (Velasco, dove cacchio vai?!), infine quelli che murano bene (Vetto?! Dai eh), da ultimi i palasport, forse, nel 2025, deserti, fatiscenti, vuoti, che tristezza.

LA QUARANTENA PER TOKYO voto NO: Quindi la soluzione per il contenimento del virus durante i Giochi sarebbe ammassare tutti gli atleti al Villaggio Olimpico quattordici giorni prima. Non magari vaccinarli o controllarli tutti i giorni. No. Quattordici giorni tutti insieme chiusi nel Villaggio. Ok.

IL CAMBIO FORMAT voto LATE NIGHT SHOW: Detto che le motivazioni addotte, per l’abolizione delle retrocessioni così come l’allargamento dei play off, sono tutte plausibili, la domanda sorge spontanea, dato che non c’è niente di imprevisto. Non ci si poteva pensare prima? A David Letterman l’ardua sentenza.

FINAL FOUR A BOLOGNA voto TORTELLINI: Gli spalti saranno vuoti. La tristezza infinita, ancor più in un impianto enorme che di fatto ha ospitato, lo scorso febbraio, l’ultimo evento a porte aperte davvero del nostro sport. Come alleviare la sofferenza? Facile: offrendo tortellini in brodo caldi a tutta la tribuna stampa. Ringraziamo in anticipo Massimo Righi.

CHIARA MAZZONI voto 10: In tutto questo andirivieni di chiusure e riaperture, di tamponi e spostamenti, chi manca più di tutti è lei! Chiara, torna!

ITAS TRENTINO voto BARCELLONA: La remuntada è servita, in un mese di dicembre che si è rivelato straordinario per Giannelli e compagni. Sotto ve ne sveliamo i motivi.

MERCATINI CHIUSI voto 10: Senza i classici mercatini di Natale in piazza e il loro proverbiale vin brulé, i giocatori di Trento sono rimasti sobri come un prete la domenica. E così il mese storicamente più difficile per gli adigini si è rivelato inaspettatamente prodigo di successi. Sia benedetto il lockdown.

VERO VOLLEY MONZA voto FRANKESTIN: Si può fare! Stare fermi un mese, o anche due, o anche tutta la vita o solo per un’ora e vincere! Daje regà!

MADDÈCHE JENSEN voto BOYER VACHE: Nonostante il nome romanesco, Mads è danese. Nessuno sapeva chi fosse prima di qualche settimana fa, nemmeno sua madre. Poi si è presentato a Verona con queste testuali parole: «Sono venuto al posto di Boyer, anche se so che qui in Veneto “di Boyer” è una locuzione molto usata, forse con una vocale in più». Ventelli a più non posso, equilibrio ritrovato e Verona torna a volare.

UROS KOVACEVIC voto 10: Nell’anno da tregenda 2020, la culla nella mangiatoia, la notte di Natale, era vuota. Gli Urosisti narrano di un figlio di Dio errabondO tra la muraglia cinese e il mausoleo di Mao Tse Tung, in preda a visioni infernali e convulsioni. Tornerà a illuminare il nostro cammino?