Spiccheremo il volo, come l’Aquila e la Fenice

foto

Buon anno amici della sabbia!

Mi presento: sono Giulia Decordi.

Qualcuno di voi forse mi avrà già incontrata sui campi da pallavolo ma, per quanto riguarda il beach volley, sono decisamente una New Entry.

Dopo aver appeso le scarpe al chiodo per un paio di stagioni, ho colto al balzo l’occasione di mettermi nuovamente in gioco in questa nuova disciplina. Quando Greta mi ha contattata due mesi fa, proponendomi un allenamento, mai mi sarei aspettata di ritrovarmi qui oggi a raccontarvi di me.

Non avevo mai preso in considerazione l’idea di giocare a beach volley ed in più, ero decisamente fuori allenamento. Eppure Greta ha scelto proprio me per condividere questa incredibile avventura.

Ha fatto una scommessa azzardata? Forse sì ma come si suole dire: “chi non risica, non rosica”.

Nel frattempo, senza quasi rendermene conto, son già passata dal “VIA”!

Il weekend scorso c’è stato il mio esordio nel campionato italiano indoor a Mussolentre, credo non ci sia bisogno di descrivervi l’emozione e la tensione provata ad infilare i piedi nella sabbia aspettando il mio primo fischio d’inizio. Avevo il cuore a mille e tanta voglia di sentire ancora l’adrenalina scorrere nelle vene.

Ahimè, per problemi di punti nel ranking, non ho potuto giocare al fianco di Greta ma, assieme alla giovane e talentuosa Elisa Fragonas, abbiamo conquistato un buon nono posto.

Come avevo già anticipato, sono una neofita di questo sport. Fino a pochi giorni fa la mia testa era sommersa dai libri per potermi laureare. Eh si, avete capito bene, il 19 dicembre mi sono laureata, in Tecnologie Alimentari con indirizzo enologico Con grandissima soddisfazione ho raggiunto questo traguardo ed ora, ho finalmente la testa sgombra per potermi concentrare sugli allenamenti.

Non vedo l’ora di attivare il turbo per potermi migliorare giorno per giorno mangiando quotidianamente pane e palla.

Potevo chiedere maestri migliori? Tra l’esperienza di Andrea Raffaelli, l’indiscutibile carisma di Greta e sotto la supervisione di Alessandro Contadin per la preparazione atletica, posso dire di avere tutto ciò che serve per poter spiccare il volo…

Come l’Aquila e la Fenice

Giulia