VNL, la FIVB dimentica il gioco troppo concentrata sul business

3005
Ary Graça firma contratti… ma il volley?

In casa FIVB pare essere sulla via dell’oblio (da tempo) il senso del gioco della pallavolo a favore del business.
Pare oramai che si pensi più ai diritti sportivi, allo “show”, alla spettacolarizzazione del “prodotto” piuttosto che rispettare una radice e una valorialità storica e tecnica di uno sport che ha fatto da base a questa nobile disciplina centenaria diffusasi a livello mondiale per le sue caratteristiche in tutto il mondo.
Si è perso a Losanna (ma anche in Cev non si scherza) – mi pare – l’abc dello sport.

Tralasciando la gestione del covid nella pool maschile delle Filippine, oggi stride come non mai – ad esempio – vedere come sia stata architettata la Final Eight e gli abbinamenti per i Quarti di finale. La squadra di casa testa di serie numero 1  a dispetto della posizione raggiunta se qualificata nei primi 8 posti è una sciocchezza che di fatto svilisce il lavoro delle altre nazionali.

Ad Ankara la nazionale del nostro amico Giovanni Guidetti sarà testa di serie numero 1 perché paese organizzatore e sfiderà la Thailandia per un posto in semifinale, ma nella classifica reale del torneo la Turchia – forse perché meno sul pezzo nella fase preliminare perché già certa della qualificazione – si è però classificata al 7° posto. Insomma in semifinale andrà la vincente di un abbinamento tra 7ª e 8ª squadra classificata.
E’ troppo sostenere che questa modalità è errata?

Caro Ary Graça, dove sta andando la sua FIVB? Chi comanda a Losanna? La pallavolo o il businnes dei fondi e di Volleyball World?