Bm B: La Canottieri Ongina è pronta a un’altra battaglia: arriva Montecchio

Nella foto di Annarita Zilli, un momento del match d’andata tra Sol Lucernari Montecchio e Canottieri Ongina con Maikel Cardona in attacco

MONTICELLI – Un grande classico della serie cadetta, nonché uno scontro diretto nella trafficata zona play off, senza perdere di vista – all’interno del contesto – l’ambito primo posto, che garantisce un cammino più agevole negli spareggi per l’A2. Ancora una volta, Canottieri Ongina e Sol Lucernari Montecchio promettono scintille nel loro decimo scontro storico (veneti avanti 5-4 nei precedenti), in programma sabato alle 21 al palazzetto di Monticelli e valido come terza giornata di ritorno del girone B di serie B maschile.

QUI CANOTTIERI ONGINA – La squadra di Massimo Botti è reduce dalla rocambolesca sconfitta di Brugherio (28-26 al tie break), la prima in questo campionato fin qui impeccabile dove i gialloneri hanno comunque difeso la vetta, venendo però agganciati da Cisano e Montichiari a quota 39 punti. Dopo l’eliminazione in Coppa Italia contro Saronno, i monticellesi hanno mostrato una reazione caratteriale, riuscendo a lottare contro i Diavoli Rosa, senza tuttavia trovare la forza per piazzare il colpo del ko, in primis nel terzo parziale e poi, dopo una disperata rimonta (da 14-10 sotto al tie break), nel set corto, dove non sono state concretizzate ben dieci, distinte palle match.

“Ci attende –spiega coach Botti – un’altra battaglia in uno scontro importante per la classifica; per Montecchio è una gara da dentro o fuori per rimanere attaccati alle primissime posizioni, mentre noi dobbiamo essere pronti a duellare e tenere intatto il fattore casalingo, ricordando che ci aspetta un avversario difficile da affrontare. Il Sol Lucernari ha avuto un momento di difficoltà nel girone d’andata, più psicologico che tecnico, mentre per quanto ci riguarda a Brugherio è mancata la palla del ko. Abbiamo finalmente avuto la conferma che possiamo perdere anche giocando bene. E’ vero che siamo una squadra forte, ma non siamo imbattibili, lo sapevamo, e non dipende sempre e solo tutto da noi, anche se giochiamo una buona gara. Stiamo duellando in un campionato duro, più difficile dell’anno scorso, contro formazioni più forti e attrezzate”.

L’AVVERSARIO –  Il Sol Lucernari Montecchio è allenato da Michele Marconi e nella scorsa stagione ha vissuto la sua prima esperienza della storia nel campionato di A2 maschile, non riuscendo però a evitare il ritorno in serie B. Diversi protagonisti dell’avventura, però, sono rimasti, ricomponendo buona parte di un gruppo storico che contempla tra i vari il regista Sartori, l’opposto e la banda Michele e Matteo Pranovi, l’altra banda Bertelle, il centrale Frizzarin e il libero Lollato. In classifica, Montecchio è leggermente attardata rispetto alle altre “big” del girone con il quinto posto con 34 punti, a -5 dal trio di testa.

“Siamo partiti – osserva coach Marconi – con qualche infortunio, ora siamo al completo. Quest’anno abbiamo perso tutti gli scontri diretti, pur dimostrando di potercela giocare. Abbiamo inserito diversi ragazzi giovani in rosa, tra cui uno stabilmente in campo (la banda Mancin) e nel complesso il livello di allenamento è giocoforza un po’ sceso. Crediamo ancora nel primo posto? Siamo lì, ma bisogna far punti negli scontri diretti, anche se penso che Canottieri Ongina e Cisano abbiano qualcosina in più. Noi per rimanere a quei livelli dobbiamo esprimere interamente il nostro potenziale, sapendo che dipendiamo molto dall’opposto (Michele Pranovi) e che in difesa facciamo più fatica. Come sempre, in sfide del genere ritengo il primo tocco (battuta e ricezione) come ago della bilancia della partita”.

Sostieni Volleyball.it