Bm B: La Canottieri Ongina spegne il Veneto Gas&Power Milano (3-0)

Nella foto, il palleggiatore Emilio Pazzoni (Canottieri Ongina)

MONTICELLI – Che potesse essere un match insidioso lo suggeriva il tabellino dell’andata (2-3). Che poi, in realtà, sia stata una serata tranquilla, lo ha ugualmente messo in mostra il tabellone luminoso, ma con tanti meriti dei padroni di casa. A Monticelli la Canottieri Ongina dimostra che il numero diciassette non porta sfortuna, con la squadra di Massimo Botti che festeggia la diciassettesima vittoria (su 18 partite) grazie al 3-0 interno contro il Veneto Gas&Power Milano, seconda formazione del Consorzio Vero Volley dietro al club di SuperLega. Contro i ragazzi di Liano Petrelli, i gialloneri piacentini hanno dominato la scena, risultando saldamente padroni dell’incontro con due set a senso unico e riuscendo a rispondere presente al ritorno di fiamma brianzolo nella terza frazione.

Nell’occasione, la Canottieri Ongina ha saputo essere più forte anche dei guai fisici: assente il regista Parisi (problema alla schiena), ben sostituito da Pazzoni in palleggio, i monticellesi hanno dovuto rinunciare strada facendo a Maikel Cardona, vittima di un risentimento muscolare al polpaccio dopo un avvio scintillante e comunque ben avvicendato da Miranda. Una miglior qualità nel primo tocco (tra ricezione e battuta, con 9 ace) e un attacco di maggior spessore hanno scavato il solco a favore dei ragazzi di Botti in un successo dal sapore speciale per lo schiacciatore Sandro Caci, che alla mezzanotte ha potuto festeggiare al meglio il proprio compleanno.

Per la squadra del presidente Fausto Colombi, tre punti d’oro che permettono di arrivare in vetta alla classifica allo scontro diretto di sabato a Cisano Bergamasco contro la Tipiesse Mokamore Cisano, a sua volta potenzialmente appaiata in vetta a patto di far bottino pieno oggi (domenica) a Cornedo. Nel frattempo, invece, la Lorini Montichiari (terza) è scivolata a -2 dai monticellesi avendo vinto solo al tie break a Concorezzo contro il Granaio.

LA PARTITA – La Canottieri Ongina scende in campo con Pazzoni in palleggio, Cardona opposto, Caci e Nasari in banda, Bonola e De Biasi al centro e Cerbo libero. Il Veneto Gas&Power Milano risponde con Giussani (ex Cisano) in palleggio, Meneghello opposto, Falgari e Galliani in banda, Arasomwan e Mazza centrali e Taramelli libero. I monticellesi partono forte al servizio, con Cardona che sigla un punto… e mezzo per il 5-2 locale, imitato poi da Caci con la battuta chiusa da Caci. Falgari va giù per il -2 (7-5), ma i piacentini rilanciano subito con Cardona e con l’errore di Arasomwan (9-5). Il gigante nigeriano si fa perdonare con il muro del 10-8, ma la Canottieri Ongina sfrutta l’ottimo operato di Bonola (attacco e due ace), volando sul 15-9 dopo il muro di De Biasi sullo stesso Arasomwan. Coach Petrelli ferma il gioco, ma non la verve dei padroni di casa, avanti 17-10 (ace di Cardona) e 20-13 (muro di Pazzoni). Nuova sosta chiesta dalla panchina brianzola, poi cartellino giallo a sorpresa per Cardona dopo civili proteste (21-15), ma non ci sono altri colpi di scena: 25-17.

Dopo il cambio di campo, la squadra di Botti riparte forte (5-2 con Cardona), poi sale in cattedra De Biasi: tocco sottorete a chiudere la battuta dell’opposto caraibico, poi muro per il 7-2. Due attacchi out della Veneto Gas&Power Milano (ora con Arasomwan da opposto e con Meneghello dirottato in posto quattro) regalano un maggiore scarto ai padroni di casa (11-3, time out Petrelli). Nasari timbra il cartellino a muro (13-4), poi sul 15-6 Miranda avvicenda Cardona, costretto al forfait. Ancora Nasari, poi il nuovo entrato fanno la differenza in battuta, con il martello piemontese che sigilla il secondo set: 25-11 e 2-0.

Copione diverso, infine, nel terzo set: l’ace di Giampietri (promosso titolare al centro) vale il primo break monzese (0-2), che diventa di tre lunghezze con un altro ace, questa volta di Mazza (3-6) che pizzica Nasari in ricezione. Andrea si riscatta poco dopo in attacco (6-7 e 7-8), poi Bonola annulla il gap con l’ace del 9-9. Il muro di Caci vale il sorpasso immediato, poi Miranda fa (ace del 12-10) e disfa (attacco out per la parità a quota dodici). L’equilibrio si spezza sul 17-17: il neoentrato Fall va a segno in attacco, poi sulla battuta di Bonola due contrattacchi di Caci scavano il solco (20-17). Time out di Petrelli, ma l’ace di Miranda taglia le gambe a Monza (22-18), poi costretta alla resa: 25-20 e 3-0.

 

CANOTTIERI ONGINA-VENETO GAS&POWER MILANO 3-0

(25-17, 25-11, 25-20)

CANOTTIERI ONGINA: Nasari 10, Bonola 6, Cardona 9, Caci 12, De Biasi 9, Pazzoni 3, Cerbo (L), Fall 1, Miranda 10, Binaghi. N.e.: Filipponi, Parisi. All.: Botti

VENETO GAS&POWER MILANO: Giussani 1, Galliani 7, Arasomwan 7, Meneghello 4, Falgari 2, Mazza 5, Taramelli (L), Giampietri 6, Ceccato, Molli, Focosi. N.e.: Lucherini. All.: Petrelli

ARBITRI: Giulia Barducci e Alessandra Monti

NOTE: Durata set 22’, 22’ e 24’ per un totale di 1 ora e 8 minuti di gioco

Canottieri Ongina: battute sbagliate 11, ace 9, ricezione positiva 68% (perfetta 57%), attacco 69%, muri 7, errori 16

Veneto Gas&Power Milano: battute sbagliate 4, ace 2, ricezione positiva 39% (perfetta 28%), attacco 45%, muri 3, errori 16.

 

Sostieni Volleyball.it