Brasile: La Supercoppa è sempre del Sada Cruzeiro. Funvic ko 3-1

Anche senza William (ora in regia c'è Uriarte) i campioni del Mondo non si lasciano sfuggire la Supercoppa. In evidenza Leal, Evandro e Simon

394
Terza Supercoppa su 3 edizioni per il Sada Cruzeiro

Supercoppa (a Fortaleza) (12 ottobre)
Sada Cruzeiro – Funvic Taubaté 3-1 (25-27, 25-22, 25-20, 25-22)
Sada Cruzeiro: Uriarte 2 (2m), Leal 18 (16a+2b), Isac Santos 11 (10a+1b), Evandro Guerra 17 (15a+1m+1b), Filipe Ferraz 10 (8a+2b), Simon 10 (8a+2b), Sergio Nogueira (L). Non entrati: Rodrigo Leao “Rodriguinho”, Robert Araujo, Rodrigo Telles “Alemao”, Fernando Kreling “Cachopa”, Eder Levi Kock, Pablo Ventura, Lucas Batista Silva (L). All: Marcelo Mendez.
Funvic Taubaté: Raphael Vieira de Oliveira 1 (1m), Lucarelli 15 (12a+1m+2b), Solé 12 (11a+1m), Wallace Souza 20 (19a+1b), Dante Amaral 3 (2a+1m), Otavio Pinto 8 (5a+2m+1b), Thales Hoss (L); Rodrigo Ruiz 0, Renan dos Santos 0, Rafael Martins 1 (1a). Non entrati: Matheus Oliveira (L), Ivovic, Paulo Renan Bertassoni, Lucas Madaloz. All: Daniel Castellani.
Note: Funvic Taubaté 32 errori punto (di cui 19 battute e 8 attacchi), Sada Cruzeiro 31 errori punto (di cui 20 battute e 5 attacchi).

FORTALEZA – Come le due precedenti anche la terza edizione della Supercoppa del Brasile finisce al Sada Cruzeiro che così prosegue la sua incredibile striscia di successi.

E’ il 28° titolo (3 Mondiali per Club, 4 Campionati Sudamericani per Club, 5 Superliga, 2 Copa Brazil, 3 Supercoppe brasiliane, 8 Campionati Mineiri, 3 Tornei di Irvine) su 32 finali giocate e 35 tornei disputati dal 2010 ad oggi a cui bisogna aggiungere anche il Campionato Mineiro vinto nel 2008.

I SESTETTI – Nessuna sorpresa nel Sada Cruzeiro con Marcelo Mendez può contare sul sestetto titolare e dunque schiera la novità Uriarte in regia, l’opposto Evandro, gli schiacciatori Leal e Filipe ed i centrali Simon ed Isac oltre al libero Sergio. Nel Funvic Castellani deve ancora fare a meno di Ivovic (solo in panchina) e schiera al suo posto Dante Amaral (vinto il ballottaggio con Rodrigo Ruiz) in diagonale col nazionale Lucarelli. Per il resto sestetto tipo con Raphael in regia, Wallace opposto, Thales Hoss libero, Otavio e l’ex-Trentino Solé al centro.

PIU’ E MENO – Nel Sada Cruzeiro spiccano le prove del solito Leal, top scorer dei suoi con 18 punti, di Evandro (17 punti) e di Simon (10 punti) decisivo al servizio. Segno meno per i soli 3 muri vincenti di squadra e per i 10 errori punto (8 in battuta) del 1° set. Nel Funvic buon bottino per Wallace (top scorer del match con 20 punti) ed ottime percentuali dal centro sia con Solè che con Otavio, ma sono troppo pochi i 4 ace a fronte degli 8 avversari. Da dimenticare il 3° set con 11 errori punto (5 in attacco). Solo 3 punti per Dante Amaral, ma non viene servito quasi mai da Raphael.
Segno meno per la deludente cornice di pubblico ed anche per l’arbitraggio che senza videocheck, dopo un buon inizio, si perde in qualche svarione di troppo.
sada_cruzeiro_supercopa3
LA PARTITA
1° set: Parziale tiratissimo punto a punto (i 2 allenatori non chiamano nemmeno un time-out!) in cui si arriva al 20-20 con soli 2 break-point per parte e con un solo doppio vantaggio sul 6-8 subito annullato sul 8-8. L’errore in attacco di Isac vale il 20-21 e così dopo altri 6 “cambipalla” il Funvic arriva per primo al set-point con Otavio (23-24). Uriarte salva il primo murando il contrattacco di Dante (24-24) che sciupa al servizio il secondo (25-25), ma sul terzo Raphael (terzo di rete) trova il muro vincente sull’attacco scontato da posto 2 di Leal: 25-27.

2° set: Sale il rendimento al servizio del Sada Cruzeiro che riduce gli errori (5 nel 2° set dopo gli 8 del 1°) e la squadra di Mendez prende subito un vantaggio interessante: muro di Evandro su Lucarelli (5-3), contrattacco di Leal (8-5) e contrattacco di Simon (9-5). Leal concede un errore in attacco (10-8), Uriarte uno in palleggio (12-11), ma l’ace di Evandro ristabilisce le distanze: 15-12. Un’invasione di Dante (18-14) ed un errore in ricezione di Lucarelli punito da Isac portano il Sada Cruzeiro al +5: 20-15. Il Funvic si riavvicina pericolosamente con un muro di Otavio su Isac (20-17), un ace di Wallace (20-18) ed un muro di Lucarelli su Evandro dopo scambio spettacolare (21-20), ma non riesce a trovare l’aggancio. Evandro fa il 24-22 ed Uriarte chiude a muro su Wallace in posto 4: 25-22.
22382340_1495835220499300_4306145821466708289_o
3° set: Il Sada Cruzeiro prova la fuga con gli ace di Filipe (1-0) e Leal (6-4 e 7-4), ma il Funvic ricuce con una palla out di Filipe (7-6) ed un grossolano errore arbitrale che vede incredibilmente fuori il muro largamente in campo sul contrattacco di Wallace (7-7). Gli arbitri compensano in maniera ridicola poco dopo fischiando una doppia inesistente a Raphael su alzata perfetta per Solé (11-9). Wallace sfrutta il servizio di Lucarelli per mettere a segno l’11-11, ma il team di Castellani si disunisce sul turno di battuta di Simon regalando prima gli errori in attacco di Dante (13-11) e Wallace (14-11) e poi subendo le bombe in battuta del cubano che fa 3 “mezzi punti” chiusi da Evandro, Leal ed Isac: 17-11. Lucarelli concede l’errore del 19-12, il neoentrato (per Dante) Rodrigo Ruiz quello del 20-12 e così anche se il Sada Cruzeiro concede qualcosa nel finale il set termina 25-20 sull’errore in battuta di Lucarelli.

4° set: Torna Dante. Il primo break-point è un ace di Otavio (1-2), ma il Sada Cruzeiro risponde subito e allunga: contrattacco di Leal (3-2), errore di Solé che si fa buggerare dalla finta di Leal su alzata fuori misura di Uriarte (4-2) e palla out di Wallace (5-2). Sul 8-6 cambio inspiegabile con Rafael Martins al posto del positivo Otavio. Distanze immutate sino all’ace di Simon (11-7) e alla palla chiamata out a Wallace (12-7) che invece aveva trovato la riga in diagonale. Il Funvic comunque ci prova ancora e torna sotto: contrattacco di Wallace (14-11), muro di Solé su Evandro (14-12) ed ace di Lucarelli (14-13). Al +3 di Isac (16-13) risponde il muro di Dante su Filipe (16-15), ma pesa la doppia in palleggio (stavolta è corretta la chiamata arbitrale) di Raphael dopo una difesa pulita su Evandro: 18-16. Simon si esalta ancora al servizio e piazza l’ace del 20-17. Il set resta in bilico per l’errore in attacco di Leal (22-21), ma dopo il primo tempo di Isac (23-21) il cubano rimedia subito dai 9 metri col “mezzo punto” chiuso da Filipe (24-21). Al secondo match-point la chiude Filipe su palla scontata non facile da gestire: 25-22.