Brasile: Polemiche per Tifanny. Si propone un “campionato alternativo”

(ANSA) ROMA – Di nuovo polemiche nel mondo del volley femminile per la presenza in campo di Tifanny, transessuale nella A/2 italiana con la Golem Palmi e ora grande protagonista in patria nel Bauru.
Come già successe in Italia ai tempi della sua militanza in Calabria, ora anche in Brasile le sue performance provocano polemiche e discussioni infinite sul fatto che una giocatrice transessuale possa disputare un campionato di serie A.

Qualche tecnico ritiene anche che la sua presenza falsi i risultati. Ecco allora che l’allenatore del Brasilia, Sergio Negrao, si è fatto portavoce dell’idea d’istituire un campionato ‘alternativo’ riservato ai transessuali.

Immediata la replica di Bruna Benavides, segretaria dell’associazione nazionale Travestiti e Transessuali, che si è detta contraria alla creazione del nuovo campionato, “che sarebbe qualcosa d’inedito nel mondo dello sport di alto livello”.

Intanto però l’idea di un torneo per transessuali guadagna consensi.

Sostieni Volleyball.it