di Svilena Panova

VARNA (Bulgaria) – Si sono giocati i quarti di finale della Coppa di Bulgaria. L’unica sorpresa di giornata viene dai padroni di casa del Cherno More, che battono in un’avvincente match il Levski degli ex Corigliano Aleksiev (si spegne alla distanza) e dell’ex Montichiari Ananiev (impalpabile), mentre il keniano Maiyo e gli errori nei momenti decisivi del Pirin salvano i neo campioni del CSKA apparsi forse un pochino appagati del titolo conquistato la settimana scorsa.

Senza storia le altre due partite, dove Marek e Lukoil hanno avuto vita facile contro le prime due classificate della serie A2.

Oggi semifinali: CSKA – Marek e Cherno More – Lukoil.

Marek Union Dupnitza – Kaliakra Kavarna 3-0
(25:11, 25:13, 25:17)
Migliori realizzatori: Sokolov 15, Shulga 12, Mladenov 9, V. Vassilev 7, G. Tzetkov 5, Nenchev 5

Lukoil Neftohimik Burgas – Arda Kardjali 3-0
(26-24, 25:15, 25-16)
Migliori realizzatori: Hristov 15, A. Nikolov 14, N. Nikolov 11, Donikian 11, Kolev 8, Kavaldjev 4

Cherno More BASK Varna – Levski Siconco Sofia 3-2
(25:17, 22:25, 25:18, 21:25, 19:17)
Migliori realizzatori: Gradinarov 24, Aleksandrov 20, Yosifov 15, Aleksiev 19, Lazarov 14, B.Bratoev e Bogdanov 10

CSKA Sofia – Pirin Balkanstroy Razlog 3-1
(29:27, 25:15, 23:25, 25:22)
Migliori realizzatori: Maiyo 26, I. Kolev 15, Bonev 11, S. Petkov 14, Gadjanov 12, Dimov 9

A fine partita Martin Stoev, allenatore del Levski Soconco, nonché della nazionale, ha dichiarato ai microfoni di  Sportal.bg, che nessun giocatore del Levski giocherà in nazionale. Queste le sue parole: “Nessun
pallavolista del Levski giocherà in nazionale! Lo dico seriamente e con
piena responsabiltà. 5 di questi giocatori erano fra i prescelti per la
World League, le Qualificazioni Europee e per  l’Olimpiade di Pechino,
ma Todor Aleksiev, Metodi Ananiev, Todor Bogdanov, Nikolay Najdenov e
Vladislav Ivanov hanno chiaramente  dimostrato che non vogliono e non
hanno le capacità per la nazionale. Nessuno di loro ha mostrato nemmeno
un pizzico di volontà e di motivazione di voler vincere. Perché li devo
chiamare in nazionale? Non dico che non hanno le capacità. Ma nessuno
di loro ha mostrato di voler “morire” in campo soltanto per la maglia
del Levski. Adesso salgono sul treno e tornano a Sofia. E staranno lì.
Io sicuramente non ho bisogno di giocatori come loro. Se il presidente
della Federazione Dancho Lazarov decide che loro sono necessari alla
squadra e vuole li può far tornare. Ma io non penso di usarli per le
partite della nazionale. Ho abbastanza giocatori a disposizione che
hanno voglia di mostrarsi e di confermarsi nella nazionale bulgara”.


Stoev ha anche aggiunto che la prossima stagione nessuno dei suoi giocatori andrà all’estero. “Prima
mostrerano che possono giocare per il Levski e dopo vediamo. Non sono
io che deciderò per le multe dopo questa stagione fallimentare. Abbiamo
il presidente, lui deve decidere”
.