CANTU‘ – La Libertas Cassa Rurale Cantù si sta preparando al secondo impegno interno consecutivo che la vedrà affrontare al Parini domenica 15 dicembre la B-Chem Potenza Picena, nella gara valida per la nona giornata del campionato di serie A2.

I canturini sono reduci da tre sconfitte consecutive ma nell’ultimo turno di campionato hanno dato del filo da torcere a una squadra di alta classifica come Matera, giocando una partita bellissima, decisa dai dettagli: “La partita contro Matera è stata molto combattuta. C’è il rammarico di non aver raccolto nulla. E’ stata una di quelle partite in cui la differenza la fanno gli episodi e in alcune fasi purtroppo ci è andata male. Abbiamo fatto vedere comunque dei segnali di ripresa soprattutto dal putno di vista della condizione atletica. C’è stata una notevole crescita rispetto alle ultime due partite”, spiega l’allenatore della Cassa Rurale Massimo Della Rosa dopo settimane in cui ha dovuto fare i conti con una serie di infortuni e malanni “Il peggio pare essere passato anche se ci saranno sicuramente i malanni di stagione. I giorni di stop purtroppo si fanno sentire”.

Incoraggiato però dalla prova nell’ultimo turno di campionato, il coach guarda avanti e punta l’obbiettivo sulla B-Chem, che proprio come la Cassa Rurale, ha scelto di allestire una rosa costituita interamente da giocatori italiani: “Ciò non vuol dire che non sia una buona squadra. Potenza Picena è una delle sorprese del campionato che ha iniziato molto bene la propria stagione battendo Sora. L’opposto Moretti è il loro faro e sta trovando una grande continuità di rendimento. La B-Chem è una squadra a mio avviso molto ben costruita e sarà un banco di prova molto interessante per testare i nostri progressi”, spiega Della Rosa. 

Cantù, vista l’esclusione di Avellino è già salva e disputerà i playoff: “Gli obbiettivi delle squadre ora si spostano più in la e le gare da qui al termine della regular season serviranno per stabilire la griglia dei playoff. Playoff che saranno senza ombra di dubbio combattutissimi perché anche le squadre che ora si trovano nella parte bassa della classifica si rinforzeranno. Credo che ci sarà un ulteriore livellamento ed equilibrio. Ci sono squadre come Padova, Monza, Matera e Sora che si contenderanno il primo posto ma al momento nessuna di queste squadre si è dimostrata in grado di uccidere il campionato”.