Caserta: Anche qui interviene Turco. “Piccinini ha fatto una cretinata”

MODENA – Anche sul ritorno di Francesca Piccinini arriva una nota ufficiale del club Volalto 2.0 Caserta, con le dichiarazioni di Nicola Turco che – in sostanza- si fa le domande e si dà le risposte. Non se ne sentiva la mancanza, ma per dovere di cronaca ve lo riportiamo.

In attesa di sapere se entro i termini previsti dai regolamenti le atlete avranno segnalato o meno i ritardi sugli stipendi al 31/12, qui l’intervento dove dichiara: “Piccinini ha fatto una cretinata” 

TUTTO QUELLO CHE SEGUE E’ IL COMUNICATO DI TURCO…..

Al presidente della Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta, Nicola Turco, non è piaciuto il ritorno della Piccinini. Chiediamo chiarimenti al diretto interessato. “Spero che questa volta – dichiara Turco – non mischino la mia scelta di cambiare mezza squadra con questo che dirò, altrimenti siamo di fronte a pura ignoranza”.

Chiarissimo, Presidente! Ci spieghi il suo concetto sulla Piccinini.
“E’ stato un errore far ritornare Francesca Piccinini, dopo tutto quello che ha vinto e dopo il saluto alla Pallavolo. Bisognava trovarle una soluzione adeguata, per farla rimanere comunque nel mondo del Volley. Questa soluzione non è stata trovata ed il suo ritorno è negativo per le atlete e per la Pallavolo.
Yuba si è giocata l’operazione ed è stata intelligente, la Piccinini ha fatto una cretinata a ritornare ma non credo debba essere condannata perché non le hanno proposto alternative. Ad un’atleta come la Piccinini gli addetti ai lavori avrebbero dovuto proporre una seria alternativa. Invece, niente. E lei si è vista costretta a tornare sul Taraflex. Un segnale negativo per tutto il futuro delle atlete del Volley. Alla fine di un percorso tutte queste atlete si troveranno senza arte e né parte. Si troveranno, alla soglia dei 40 anni, senza un futuro, senza una famiglia, senza niente. Dov’è la credibilità e la garanzia nei confronti di queste atlete e di questo sport!”.

Presidente Turco, lei ha preso una posizione forte.
“Io sono rimasto nel settore del Volley per loro. Sono fumantino, ma non ho mai lasciato a piedi nessuno. Potevo agire diversamente ma non è da me e non lo sarà mai! Questa è la mia posizione fin dal primo giorno che sono entrato in questo mondo. Riconosco però che vi è la necessità di introdurre ed applicare sanzioni più severe per le atlete, qualora non si dovessero comportare bene nei confronti dei Club di appartenenza, e, al tempo stesso, garantire loro anche il futuro. Altrimenti ci troveremmo tutte fine carriera senza arte e né parte e senza soldi. Qui, gli ingaggi, sono identici a quelli che si fanno in un’azienda, che parte dal direttore generale per arrivare al dipendente semplice. Con una differenza: a fine carriera, chi ha lavorato in azienda, avrà buonuscita e pensione e si troverà a vivere una vecchiaia dignitosa. Invece, chi proviene dalla pallavolo e si trova a fine carriera andrà via con `una mano avanti e una indietro´, senza arte e senza parte e dovrà trovarsi necessariamente un nuovo lavoro. Una nuova vita che devono reinventarsi ad appena 40 anni!”.

Presidente, come si può applicare ciò che lei sostiene?
“Ci vuole volontà. Ci vogliono fatti. Ci vogliono leggi. Ci vogliono garanzie per queste atlete che, fino all’età di 30 anni, non pensano al loro futuro, ma quando poi arrivano alla soglia dei 40 ed aprono gli occhi si troveranno sole, senza futuro e, unicamente, con ricordi di gloria”.

L’alternativa?
“Se non si risolve questo problema, – conclude il presidente Turco – le atlete, a 30 anni, dovranno smettere di giocare e cercarsi un futuro. Solo così potranno programmare famiglie e lavoro, altrimenti, a 40 anni, il dado sarà oramai tratto e diventerà tutto più difficile, non solo per loro ma anche per tutti quelli che le vogliono bene. Alla fine loro si troveranno che lavorano fino a 30 anni e guadagnano, programmandosi il futuro!”

Questo è il vero Presidente Nicola Turco!!!   

Sostieni Volleyball.it