Caso Antropova: Dalla Russia parla la mamma di Ekaterina. In estate è stata “corteggiata” da Busato

1777
Mamma Olga con Ekaterina Antropova

MODENA – L’affare Antropova rimbalza fino alla Russia, dove su Sport Business Gazeta si confermano le anticipazioni: il CT della Russia Sergio Busato ha  corteggiato la giocatrice in estate.
“La Federazione Italiana tiene sotto controllo Kate. Quest’anno anche la Federazione Russa si è fatta sentire – ha detto Olga Antropova, mamma della giocatrice, al portale russo. – Ho ricevuto una telefonata dal direttore generale della nazionale e dall’allenatore della squadra, Sergio Busato. È stato bello: ho parlato due volte in italiano con l’allenatore della nazionale russa per 50 minuti. In primavera c’è stato anche un invito per il ritiro a Novogorsk, ma in Italia la stagione del club era ancora in corso e non abbiamo avuto l’opportunità di venire. A proposito, nessuno ha invitato Kate per il Campionato Mondiale giovanile. Per me è un mistero “. 

Ekaterina Antropova è nata in Islanda. Suo padre, il giocatore di basket Mikhail Antropov, giocava lì. Successivamente la famiglia tornò a San Pietroburgo, dove la ragazza fu inviata alla sezione di ginnastica. Ma quando i geni di suo padre iniziarono ad apparire (212 cm), divenne chiaro che Kate aveva bisogno di uno sport diverso. A proposito, anche sua madre Olga è un’atleta, una maestra di sport nella pallamano.
“Ho scelto la pallavolo per mia figlia, basata sull’antropometria. Era chiaro che sarebbe stata alta e snella. Inoltre, questo sport è più sicuro, meno contatti come il basket o la pallamano. La cosa più importante, ovviamente, è che le piacesse la pallavolo”, ha detto Olga.

LA SCELTA ITALIANA – “C’è una struttura formativa ben costruita, allenatori competenti lavorano. Allo stesso tempo, gli psicologi affermano che in età scolare è meglio non disturbare i bambini con lo spostamento. Prima siamo andati per un mese, poi tre. A Kate è piaciuto tutto e abbiamo deciso di occuparci dei documenti. Questo processo è durato un anno e mezzo, perché non è facile per un adolescente trasferirsi in un altro paese”, ha detto la madre della giocatrice di Scandicci.

L’AIUTO DI KIRILLOVA E CAPRARA – Il portale russo racconta che inizialmente “gli Antropov hanno cercato di entrare nell'”accademia di pallavolo romana”, il portale racconta che “lì hanno avuto paura delle scartoffie con un atleta di un altro paese. Questo ha spaventato anche molte altre scuole italiane”. Si legge poi che la famiglia si è rivolta a Irina Kirillova e a Giovanni Caprara,  ex allenatore della nazionale russa. Caprara ha consigliato Ekaterina Antropova al presidente dell’Accademia di Sassuolo Carmelo Borruto, quest’ultimo dirigente che ha lavorato anche in Russia una volta e ha fatto parte dello staff di Caprara durante il Mondiale 2006, vinto proprio dalla formazione russa.

A SASSUOLO – “Ho incontrato la mamma e il patrigno di Kate nel 2017, si sono fidati di me e ci siamo messi subito al lavoro. Lo studio legale ci ha aiutato con le pratiche burocratiche, che hanno richiesto un anno e mezzo per essere completate”, ha detto Borruto. “Avendo ricevuto il passaporto sportivo italiano, Kate, secondo le regole federali, ha dovuto giocare due anni nei campionati regionali”.
La stessa Ekaterina racconta che i primi tre mesi sono stati per lei molto difficili a causa della sua scarsa conoscenza della lingua. Quando la barriera linguistica è stata superata, è diventato molto più facile allenarsi e imparare. Ora Antropova parla un italiano fluente. Come sua madre, che ha lasciato il lavoro in Russia ed è diventata amministratrice dell’Accademia di Sassuolo.
“Ho lavorato come capo del reparto vendite in un’azienda situata nel centro di St.Pietroburgo – racconta Olga- , ma sono finita in una scuola di pallavolo italiana. È stata un’idea del direttore del club (Borruto, ndr). Volevo un secondo figlio, ma ho avuto 15 bambini italiani con i loro genitori”.

SCUOLA DELLO SPORT RUSSA – La contesa sul suo primo tesseramento nasce dalla presentazione della lista delle giocatrici che giocheranno le coppe europee con la maglia dello Savino Del Bene Scandicci. Nel momento dell’inserimento dati in Cev è apparso che l’atleta era già nel database della confederazione europea perché inserita in una lista allargata della nazionale russa Under16 che avrebbe poi giocato il primo europeo giovanile di quella categoria. A fianco il suo nome ci sarebbe quello della società SDUSHOR, scuola dello sport che appare nel curriculum di moltissime giovani giocatrici russe nel giro della nazionale.

 

Sostieni Volleyball.it