Cev Cup: Busto Arsizio apre con un netto successo. 3-0 all’Olomuc

188

16. DI FINALE – ANDATA
Unet e-work BUSTO ARSIZIO – VK UP OLOMOUC 3-0 (25-18, 25-11, 25-20)
Unet e-work BUSTO ARSIZIO: Washington 10, Herbots 17, Orro 3, Villani 16, Lowe 3, Berti 4, Leonardi (L), Wang, Bici 3, Cumino 1. Non entrate: Bonifacio, Gennari, Malual, Bonifacio, Campagnolo, Cucco (L), Bulovic, Bartolucci. All. Lavarini.
VK UP OLOMOUC: Michalikova 2, Trnkova 4, Handley 1, Bezhandolska 2, Hodanova 10, Orvosova 12, Kulova (L), Stavinohova (L), Burbelyuk 2, Kazachenka, Dudova. Non entrate: Ambrozova, Struskova. All. Zapletal.
ARBITRI: Kolehmainen, Enkerli.
NOTE – Durata set: 23′, 18′, 24′; Tot: 65′.

Tutte le news di Cev Cup

BUSTO ARSIZIO – Non ha deluso le attese la Unet e-work Busto Arsizio che stasera al Palayamamay ha sconfitto la squadra ceca del VK UP Olomouc per 3 set a 0 nell’andata dei 16esimi di finale della Cev Cup 2020.

Le farfalle, detentrici del titolo, hanno dominato l’incontro mettendo così una seria ipoteca sul passaggio del turno che, in ogni caso, sarà determinato dalla gara di ritorno in programma giovedì 19 alle 18.

Per la UYBA, che ha giocato con Villani in posto 4 per Gennari e con Berti al centro per Bonifacio, nel terzo set c’è stato spazio anche per Cumino e Bici, stabilmente in campo per Orro e Lowe.

Tra le farfalle ottima prova collettiva e brillanti Herbots (17 punti) e Villani (16); bene anche Washington con 10 e il 75% offensivo. Per le ospiti Orvosova la migliore con 12.

SESTETTI – Starting six: Lavarini parte con Orro – Lowe, Berti – Washington, Herbots – Villani, Leonardi libero, Zapletal risponde con Handley – Orvosova, Bezhandoloska – Trnkova, Michalikova – Hodanova, libero Kulova.

LA GARA –   Nel primo set i turni di battuta di Orro ed Herbots fanno subito volare le farfalle sul 6-1 (doppietta di Lowe che fa chiamare time-out a Zapletal; Michalikova trova l’attacco vincente del 7-3, ma la gara è subito a senso unico. Washington e Orro allungano (9-3), Villani realizza l’ace dell’11-4, Herbots mura il 12-4. Orvosova passa due volte e mura il 15-9, ma la superiorità bustocca è netta: Washington s’intende a meraviglia con Orro (18-11), che intanto lascia il campo con Lowe per dare spazio a Bici e Cumino. Hodanova prova il recupero e mura il 18-14 che fa interrompere il gioco a Lavarini, poi Villani trova cambiopalla (19-14) e firma l’ace del 20-14 (tempo Olomouc). Herbots di forza chiude il 22-16 e combatte a muro per il 23-16, firma il 24-18. L’ultimo punto è di Berti (25-18).

Le farfalle partono ancora forte con Herbots ed Orro (ace del 3-0), mentre Berti si esalta con il muro del 5-1. Villani sfonda il muro per il 6-2, Herbots piazza da posto 6 il dolce 7-2, Berti fa interrompere il gioco a Zapletal con l’ace dell’8-2. La UYBA continua il suo dominio con Herbots (pipe del 9-2) e grazie a qualche errore ospite (12-2). Washington continua a brillare (14-5), Herbots trova 4 volte il il +10 (15-5, 16-6, 17-7, 18-8 ancora dentro Cumino e Bici per Lowe e Orro). Villani affonda il 20-10 e il 22-10 (tempo Olomouc), Washington fa 23-10, ancora Villani chiude con una doppietta (25-11).

Lavarini lascia in campo Cumino e Bici; le ceche ci provano in avvio (2-4), ma la UYBA perviene presto al pareggio grazie al muro di Washington (5-5); Herbots, con altri due muri, supera due volte (7-6), Bici non sbaglia da posto 2 e da posto 4 (11-10), ma Orvosova ricuce sempre lo svantaggio (11-11). Washington con un contrasto a rete trova il primo break (14-12), Zapletal ferma il gioco sul 15-12, ma al rientro in campo l’ace di Villani lancia la UYBA (16-12). Washington passa ancora con la sua fast (17-14), Bici chiude il lungo scambio che porta al 20-16 ed Herbots con l’ace del 21-16 fa interrompere ancora il gioco al tecnico ceco. Nel finale la UYBA amministra il vantaggio e chiude con Washington 25-20.

HANNO DETTO

Cumino: “Ottimo esordio, era importante centrare il risultato e i tre punti. Siamo detentrici del titolo ed effettivamente la differenza tecnica si è vista, nonostante nel terzo set loro abbiano alzato il livello di gioco”.

Lavarini: “Siamo stati attenti e lucidi; abbiamo cominciato con un po’ troppi errori nel primo set, abbiamo poi disputato un ottimo secondo parziale; nel terzo abbiamo abbassato un po’ la concentrazione, ma ne siamo venuti fuori bene. Attenzione alla gara di ritorno: negli ultimi scambi le ceche ci hanno fatto vedere cosa ci aspetta il 19 dicembre. Ho dato spazio da subito a Villani e Berti per dare un po’ di riposo a Gennari e Bonifacio che stanno bene, ma è giusto che rifiatino un attimo, così come trovo giusto far giocare il più possibile tutti gli elementi della rosa”.

 

Sostieni Volleyball.it