Cev Cup: Trento vince in Finlandia. 3-0 al Loimaa

Trento in campo in Cev

HURRIKAANI LOIMAA – DIATEC TRENTINO 0-3 (16-25, 21-25, 20-25)
HURRIKAANI: Koppanen 6, Oivanen Mi. 12, Mutka 6, Oivane Ma. 5, Peacock 1, Smith 6, Mantyla (L); Kouki, Laine. N.e. Haltia, Kartano, Kutinlathi. All. Lauri Rantanen.
DIATEC TRENTINO: Van de Voorde 4, Giannelli 4, Urnaut 6, Solé 13, Stokr 12, Lanza 13, Colaci (L); Antonov 4, Chiappa, Mazzone T.. N.e. Burgsthaler e Blasi. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Niklova di Vienna (Austria) e Janik di Varsavia (Polonia).
DURATA SET: 24’, 26’, 24’; tot  1h e 14’.
NOTE: 1.062 spettatori. Hurrikaani: 8 muri, 2 ace, 13 errori in battuta, 2 errore azione, 37% in attacco, 52% (23%) in ricezione. Diatec Trentino: 9 muri, 3 ace, 12 errori in battuta, 6 errore azione, 56% in attacco, 56% (20%) in ricezione.

LOIMAA – Inizia col piede giusto l’avventura della Diatec Trentino nella Cev Cup 2017. Al debutto stagionale nella competizione europea la squadra gialloblù si è infatti assicurata la gara d’andata dei sedicesimi di finale, vincendo in Finlandia per 3-0.
Lanza e compagni hanno sbancato con autorità la Loimaan Liikuntahalli, imponendo lo stop ai padroni di casa dell’Hurrikaani Loimaa al termine di una partita sempre tenuta saldamente sotto controllo. Il risultato, di fatto, fa un compiere un bel balzo in avanti verso il prossimo turno; per completare l’operazione qualificazione, alla Trentino Volley basterà vincere due set nel match casalingo di ritorno programmato fra tredici giorni al PalaTrento.

Nel suo primo match di sempre in territorio finlandese, la squadra gialloblù ha offerto una prova di sostanza, priva di particolari sbavature. Con muro e servizio subito efficaci, per gli avversari è diventato immediatamente impossibile reggere il ritmo dei vice-campioni d’Europa, che hanno concesso qualcosa solo nella parte finale del secondo set (vinto comunque in assoluto controllo). Prima e dopo quel parziale, è stato un assoluto monologo della Diatec Trentino, in cui si sono messi in luce Lanza e Solé (best scorer del match con 13 punti e percentuali importanti in attacco) e anche il solito Stokr, autore di 12 palloni vincenti con 3 muri ed il 56%. Nel finale di gara spazio in campo anche a Chiappa e Tiziano Mazzone, mentre dal secondo set si è rivisto in formazione titolare pure Antonov, con Lorenzetti che ha concesso un po’ di riposo ad Urnaut.

IN CAMPO  – Senza Nelli e Daniele Mazzone (rimasti a Trento per curare i rispettivi problemi fisici), Angelo Lorenzetti conferma lo starting six schierato in campo nelle ultime due gare: Giannelli in regia, Stokr opposto, Lanza e Urnaut in banda, Solé e Van e Voorde al centro, Colaci libero. Lauri Rantanen, tecnico dell’Hurrikaani presenta Peacock al palleggio, Mikko Oivanen opposto, Smith e Kouki schiacciatori, Matti Oivanen e Koppanen centrali, Mantyla libero.

LA PARTITA – L’inizio della Diatec Trentino è molto efficace al centro della rete, con Solé subito a segno due volte per il 3-1 che spezza subito l’equilibrio; i padroni di casa replicano con Mikko Oivanen (4-4), ma ci pensa Stokr a scavare nuovamente la differenza (7-5). Dopo il primo time out tecnico la nuova accelerazione porta la firma di Urnaut (slash) e di un errore di Mutka che consente agli ospiti di arrivare al +4 (12-8). L’Hurrikaani interrompe il gioco, ma la rotazione con Giannelli al servizio prosegue sino al 16-8 grazie anche ad un paio di muri vincenti (di Stokr e Van de Voorde). Il finale di parziale è assolutamente controllato (20-11 e poi il 25-16), mettendo in bella mostra anche Lanza.

Nel secondo set la musica non cambia, con la Diatec Trentino che diventa subito padrona del campo (5-1 e 8-3) mettendo in mostra un cambiopalla fluente ed uno Stokr ancora in stato di grazia. Il muro gialloblù mette il bavaglio a tutti gli attaccanti avversari (12-5); in finlandesi non demordono e con una maggiore incisività al servizio e a rete si rifanno sotto (15-10, 18-14) sino ad arrivare al meno due (21-19). Il time out di Lorenzetti è provvidenziale, perché poi Lanza e compagni con Solé riguadagnano un paio di break point di vantaggio (24-20) e si portano sul 2-0 (25-21) con Lanza.
Nel terzo set c’è ancora spazio per Antonov in campo, che con un ace riesce a creare il primo gap (8-6); il margine aumenta con un contrattacco di Lanza e un altro ace, stavolta di Van de Voorde (11-7). L’Hurrikaani stavolta non riesce a replicare (15-8), lasciando in fretta spazio agli avversari, che viaggiano veloci verso il 3-0 che arriva sul 25-20, solo dopo che Lorenzetti ha offerto spazio in posto 4 anche a Chiappa e nel ruolo di opposto a Tiziano Mazzone, consentendo ai padroni di casa di recuperare qualche lunghezza di svantaggio.

Sostieni Volleyball.it