Challenge Cup: Quarti di andata, Ravenna sfida i portoghesi di Lisbona

181

Challenge Cup – Andata 4i di Finale
Mercoledì 14 febbraio 2018, ore 19.00
Bunge Ravenna – Sport Lisboa e Benfica
Arbitri: Firincioglu-Dotan

RAVENNA – Con il vento in poppa per i quattro successi consecutivi in Superlega che l’hanno rilanciata nella lotta per i playoff, la Bunge si rituffa in Europa.
Domani sera (mercoledì), nell’insolito orario delle 19, i ravennati al Pala De André (arbitrano il turco Cihat Firincioglu e la israeliana Yael Dotan) affrontano il Sport Lisboa e Benfica nell’andata dei quarti di finale di Challenge Cup.

Nei turni precedenti Orduna e compagni hanno eliminato con due vittorie sia i danesi del Gentofte (3-0 in trasferta e 3-2 in casa), sia i cechi del Volejbal Brno (doppio 3-03-0), mentre i portoghesi hanno superato gli ostacoli rappresentati dai romeni dello Zalau (turno preliminare), dagli austriaci dell’Holding Graz (sedicesimi), società dove è cresciuto Buchegger, e dai romeni dello Steaua Bucarest (ottavi). La gara di ritorno è in programma in Portogallo mercoledì 28 febbraio (ore 20.30 locali), con la vincitrice del doppio confronto che in semifinale se la vedrà con i bulgari del Montana Volley o i turchi del Maliye Piyango SK Ankara.

“Non mi stancherò mai di dire – spiega il tecnico Fabio Soliche per noi la Challenge Cup non sarà mai un peso, ma anzi un impegno molto importante. Giocare in casa la prima partita non è un vantaggio e dovremo mettere bene in chiaro che il nostro obiettivo è superare il turno, quindi scenderà in campo la formazione migliore per cercare di vincere”.

La partita di domani è anche una sorta di rivincita della sfida di tre anni fa nella semifinale della Challenge Cup, che fece esultare i portoghesi, vincitori di entrambi i match (il ritorno fu disputato a Forlì). “Anche se in quella occasione non c’era nessuno di noi, questa cosa ci dà ovviamente uno stimolo in più. In realtà non ce ne sarebbe nemmeno bisogno, in quanto partecipare a questa competizione per noi è un onore: ci siamo guadagnati sul campo il palcoscenico europeo e vogliamo andare più avanti possibile”.

A differenza dell’allora Cmc Ravenna, il Benfica Lisbona nello staff tecnico e nell’organico ha molti elementi che disputarono quella doppia sfida, a partire dal coach José Antonio Pereira Ardim. Di quella squadra, che in regia contava sul brasiliano Perini (nella stagione successiva trasferitosi proprio in Romagna), sono infatti rimasti in rosa gli esperti Reis Lopes (schiacciatore), Casas (libero) e Lucas Gaspar (opposto ed ex Sisley Treviso), tutti e tre portoghesi, e i centrali Honoré (di Trinidad & Tobago) e Soares (brasiliano). Attorno a questo zoccolo duro si sono aggiunti gli altri brasiliani Margarido (palleggiatore), De Souza (posto 4) e Gentil (libero), gli attaccanti serbi Mrdak (ex Atripalda e Tuscania in A2) e Stojsavljevic e il martello bulgaro Gradinarov. Completano l’organico i portoghesi Sinfronio, Cveticanin e Da Silva.

“Affrontiamo un avversario più che degno, interessante, che ha i mezzi per metterci in difficoltà. Può contare su un buon palleggiatore, che spinge molto sui centrali, ma anche stranieri di livello provenienti da Brasile, Serbia e Bulgaria. Se interpretata nel modo giusto, questa gara può rappresentare un’altra opportunità per continuare nel nostro processo di crescita. In questo periodo i risultati ci stanno sorridendo – termina Soli – e non vogliamo fermarci”.