Champions League: Alekno e Barbolini, i due Re di Coppa di Berlino

Alekno e Barbolini, 8 Champions in due
Alekno e Barbolini, 8 Champions in due

2019 CEV Champions League – Super Finals
Max-Schmeling-Halle, Berlin (GER)
Sabato 18 maggio 2019, ore 16.00
Igor Gorgonzola Novara (ITA) – Imoco Volley Conegliano (ITA)
Diretta streaming DAZN – Commento di Andrea Zorzi e Maurizia Cacciatori
Bordo campo: Marcello Piazzano
Collegamenti ed interviste dal salottino DAZN: Roberto Marchesi

Sabato 18 maggio 2019, ore 19.00
Zenit Kazan (RUS) – Cucine Lube Civitanova (ITA)
Diretta streaming DAZN – Commento di Andrea Zorzi e Samuele Papi
Bordo campo: Marcello Piazzano
Collegamenti ed interviste dal salottino DAZN: Roberto Marchesi

Con DAZN segui la CHAMPIONS LEAGUE IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND.
Attiva subito il tuo mese gratis clicca qui

BERLINO – Due i Re di Coppa nelle panchine delle 4 finaliste di Champions League.

Su quella del Kazan spicca il massiccio, ex centrale, Vladimir Alekno. Il russo ha all’attivo tra una infinità di trofei nazionali e internazionali, cinque Champions League, tutte vinte con la corazzata russa negli anni 2011/12 (a Lodz, in finale contro il locale Belchatow), poi negli ultimi 4 anni, quelli dell’era Leon, 2014/15  (a Berlino, in finale contro i polacchi del Resovia), nel 2015/16 (a Cracovia, un 3-2 tirato contro la Trentino Volley), 2016/17 (a Roma, 3-0 alla Sir Safety Perugia) e lo scorso anno in casa, a Kazan, nella finale contro la Lube, vinta 3-2, 17-15 al tie break. 

Sulla panchina dell’Igor Gorgonzola Novara c’è Massimo Barbolini, modenese, tecnico che ha mosso i primi passi al fianco di Julio Velasco, capace di vincere da primo allenatore,  in Italia e all’estero nel club e anche in azzurro come Ct della Nazionale. Al suo attivo nel torneo continentale per club vanta 3 Champions League.
La prima vittoria quando si trattava ancora di Coppa Campioni con la Parmalat Matera nel 1996. Il tecnico ha saputo vincere in ere diverse e in squadre diverse, dando dimostrazione di sapersi aggiornare e costruire momenti vincenti in piazze diverse. 

Nel 1995/96 con Matera ha vinto a Vienna, dove in finale superò la corazzata Uraločka di Nikolay Karpol con parziali 4-15 15-1 13-15 15-9 15-9, in era di cambiopalla. Dieci anni dopo il secondo successo, 2005/06, in Francia, sul campo del RC Cannes, Massimo guidò al successo la sua Sirio Perugia vincendo in finale proprio con le padrone di casa di Viktoria Ravva per 3-1. Ultimo successo nel 2015/16 a Montichiari con i colori della Pomì Casalmaggiore in finale contro il Vakifbank Istanbul del concittadino Giovanni Guidetti per 3-0.

Sostieni Volleyball.it