Champions League F.: Busto Arsizio si arrende ad un Vakifbank dominante

2210
Giovanni Guidetti dopo la vittoria sull'Unet e-work Busto Arsizio che qualifica il VakifBank Istanbul alla finale di Champions League

SEMIFINALE DI RITORNO
Unet e-work BUSTO ARSIZIO – VakifBank ISTANBUL 0-3 (13-25, 15-25, 15-25)
Unet e-work BUSTO ARSIZIO: Poulter, Olivotto 1, Gennari 2, Gray 5, Mingardi 16, Stevanovic 3, Leonardi (L), Escamilla 3, Herrera Blanco 1. Non entrate: Bonelli, Piccinini, Cucco (L), Bulovic. All. Musso.
VakifBank ISTANBUL: Braga Guimaraes 10, Haak 26, Bartsch-Hackley 15, Rasic 4, Ognjenovic 1, Gunes 5, Aykac (L). Non entrate: Orge (L), Ozbay, Senoglu, Akman, Gurkaynak, Ismailoglu, Yilmaz. All. Guidetti.
ARBITRI: Wolf, Goncalves.
NOTE – Durata set: 21′, 27′, 23′; Tot: 71′

BUSTO ARSIZIO – Le “Farfalle” chiudono qui il loro volo europeo. Nella semifinale di ritorno il Vakifbank Istanbul di coach Giovanni Guidetti ha nettamente vinto 3-0 ribaltando il risultato dell’andata (2-3) e conquistando così l’accesso alla Superfinals del 1° maggio dove si giocherà il trofeo continentale contro l’Imoco Conegliano. La finale più pronosticata sin dall’inizio della manifestazione. Busto chiude qui una stagione europea comunque più che positiva, culminata nella prova di forza della Pool di Schwerin, nella doppietta con l’Eczacibasi nei Quarti e il successo nella gara di andata in casa della corazzata Vakifbank nella semifinale.

L’ANALISI – Nel primo set il team turco parte super aggressivo con il servizio di Braga Guimaraes che realizza un incredibile parziale di 0-9. La Unet e-work fatica con la ricezione e non riesce a organizzare il suo miglior gioco. Il Vakif domina il set (13-25), con un’ottima Haak (10 punti nel parziale). Nel secondo set la UYBA cerca di reagire e l’inizio è più equilibrato; Bartsch e Haak (8 punti nel game) accelerano, Musso prova Herrera Blanco al centro, ma Vakif vince facilmente 15-25. Nel terzo set coach Musso prova la spagnola Escamilla per Gray, ma resta netta la supremazia tecnica della squadra di Guidetti. Bartsch è super (6 punti) e Vakif vince 15-25.

HANNO DETTO
Haak
(Vakifbank Istanbul): “Sono molto contenta per questa vittoria contro una squadra molto forte. Rispetto alla prima partita abbiamo giocato in modo più aggressivo, abbiamo servito bene e difeso tanti palloni. Ci siamo allenate per una settimana per migliorarci e abbiamo studiato bene a video il nostro avversario”.
Musso, coach Unet e-work: “Mi dispiace non aver potuto portare la squadra in finale, ma stasera i valori tecnici dei giocatori sono giustamente usciti. Dobbiamo però sottolineare il percorso che il nostro team ha fatto ed essere felice di essere arrivati fin qui. Non dobbiamo resettare nulla, ma continuare nel nostro cammino con lo stesso spirito che ci ha animati fin qui anche nei playoff”.

SESTETTI – Musso parte con Poulter – Mingardi, Olivotto – Stevanovic, Gray – Escamilla, Leonardi libero, Guidetti risponde con Ognjenovic – Haak, Gunes – Rasic, Braga Guimaraes – Bartsch – Aykac libero.

LA PARTITA – Nel primo set il Vakifbank parte fortissimo grazie ai servizi di Braga Guimaraes (due ace consecutivi per lo 0-5, time-out Musso). Bartsch e Haak martellano (0-7), la UYBA chiama ancora tempo dopo il muro dello 0-9. Mingardi trova il primo punto bustocco (1-9), ma le turche continuano ad essere padrone del campo (2-12, 3-13 sempre Haak), mentre  Ognjenovic si diverte con Gabi (6-18). Nel finale Olivotto e Mingardi provano a limitare i danni (12-21), ma un ace di Bartsch chiude presto i conti (13-25).

L’avvio è più equilibrato (4-5), ma Guimaraes attacca sulla riga il 4-7 che lancia ancora il Vakif. Haak allunga (4-8), Gabi col mani-out fa chiamare tempo a Musso (4-9). Mingardi trova due cambiopalla importanti (6-10), poi l’errore di Gray regala il +6 alle ospiti (6-12). Bartsch (doppietta) induce ancora la UYBA al time-out (7-14), Gunes firma l’ace del 7-15, Olivotto attacca out il 7-16. Mingardi affonda l’8-16, Herrera Blanco (appena entrata su Olivotto), mura il 10-17 ed affonda l’11-18, ancora Mingardi mura il 13-18 ed attacca il 14-19. Gennari risponde al missile di Gunes (15-20), ma nel finale le ospiti dilagano ancora con Haak (15-23), Gunes (muro del 15-24) e Bartsch (15-25).

Mingardi attacca e fa ace (3-1), ma il muro di Bartsch rimette subito in pari lo score (3-3); Haak fa ace ed attacca da posto 1 il 3-6, Bartsch attacca sulla riga il 4-8. Gray e l’errore di Gabi rimettono in corsa le farfalle (6-8), ma Rasic mette a segno l’ace del 6-10 (dentro Escamilla per Gray). La spagnola difende ed attacca l’8-12, ma non c’è davvero storia. Bartsch continua a stupire, Rasic mura il 9-17, Gabi a tutto braccio fa 13-21, Haak chiude 15-25.

 

Sostieni Volleyball.it