Champions League F.: Novara senza problemi. Con il Liberec (3-0) è poker di vittorie

452

4ª giornata – Pool C
Igor Gorgonzola NOVARA – VK Dukla LIBEREC 3-0
(25-12, 25-23, 25-13)
Igor Gorgonzola NOVARA: Herbots 8, Bosetti 5, Chirichella 9, Hancock 2, Washington 10, Karakurt 13, Imperiali (L), Costantini 1, Montibeller 11, Battistoni. Non entrate: Fersino (L), Bonifacio. All. Lavarini.
VK Dukla LIBEREC: Sotkovska, Kohoutova 4, Kvapilova 14, Blazkova 3, Skrypak 3, Kojdova 1, Kolarova (L), Necasova 1, Nova, Sulcova 3. Non entrate: Bartosova, Dostalova (L), Dubianska. All. Galik.
ARBITRI: Markelj, Collados.
NOTE – Durata set: 20′, 30′, 21′; Tot: 71′.

NOVARA – L’Igor Gorgonzola vince la quarta sfida della Pool C di Champions League femminile. Lavarini fa staffette: Karakurt e Montibeller in due fanno 24 punti (13+11), capitan Chirichella (MVP dell’incontro). Le piemontesi si portano così a quota 12 in classifica, 5 di vantaggio sulla Dinamo Mosca, a due giornate dal termine.

SESTETTI – Senza Daalderop e D’Odorico, nemmeno a referto, e con Fersino fermata da un affaticamento alla schiena la Igor scende in campo con Karakurt opposta a Hancock, Chirichella e Washington centrali, Herbots e Bosetti schiacciatrici e Imperiali (al suo debutto assoluto, sia in maglia Igor sia in Champions League) libero; Liberec con Skrypak in regia e Kvapilova in diagonale, Blazkova e Kohoutova al centro, Sotkovska e Kojdova in banda e Kolarova libero.

LA PARTITA – Si parte subito con un forfait tra le ospiti: sulla parallela vincente di Karakurt (3-2), Sotkovska ricade male e si infortuna alla caviglia, venendo sostituita da Sulcova; Novara alza subito il ritmo con Bosetti (8-5) e Washington (10-5) mentre le ospiti fermano il gioco; Novara non rallenta con Hancock a segno a muro e Karakurt in parallela (15-6) mentre Imperiali si mette in evidenza a muro. Tra le ospiti Kvapilova è l’ultima ad arrendersi (15-8, muro), ma Bosetti e Herbots firmano l’allungo che vale il set ball sul 24-11: chiude 25-12 Karakurt in diagonale.

Chirichella prova subito l’allungo in primo tempo (2-0) e Karakurt fa 7-2 sfruttando il muro avversario, mentre le ceche si affidano al servizio di Blazkova per rientrare 9-7, prima che Kvapilova firmi il nuovo break che riporta Liberec sul -1 con l’ace dell’11-10. Lavarini cambia diagonale, Montibeller fa il break (15-12) ma Liberec rimane in scia (17-16) e innesca un bel testa a testa, rotto in un primo momento dall’ace di Washington (20-17) ma riaperto da un paio di errori azzurri (21-20). Finisce 25-23 con due punti in tre scambi messi a segno da Washington.

Novara riparte con Battistoni e Montibeller in sestetto ed è la brasiliana a firmare la fuga (5-1) prima dell’ace di Chirichella (7-1) che ipoteca subito il parziale. Dentro Karakurt nell’insolito ruolo di schiacciatrice ricevitrice e Costantini al centro e Novara mantiene la leadership (13-6) con la centrale veneta che firma il suo primo punto da “pro” con il muro del 16-8. Il resto lo fa un buon turno in battuta di Herbots (due ace, 23-12) e un attacco vincente di Karakurt a concretizzare una bella difesa di Imperiali, per il 25-13.

HANNO DETTO
Stefano Lavarini
(allenatore Igor Gorgonzola Novara): “Per noi è un risultato importante, perché siamo inseriti in un girone molto “tosto” e aver ottenuto la quarta vittoria per 3-0 è il miglior viatico in vista del gran finale con la trasferta di Istanbul e poi la sfida interna alla Dinamo Mosca. Abbiamo fatto bene nel primo e nel terzo set, meno nel secondo, ma tutto sommato possiamo essere soddisfatti”.
Lucia Imperiali (libero Igor Gorgonzola Novara): “Per me è stato emozionante esordire in Champions League e sono davvero felice che questo sia avvenuto in una serata positiva per la squadra. Abbiamo fatto quello che dovevamo, vincendo per 3-0 e facendo a tratti anche molto bene. Personalmente mi porterò dietro questa serata e tutte le emozioni che mi ha fatto provare: lavoro ogni giorno proprio con l’obiettivo di farmi trovare pronta quando può servire il mio apporto”.
Veronica Costantini (centrale Igor Gorgonzola Novara): “Dopo l’esordio di Liberec, stasera sono felice per due motivi: per aver esordito nel nostro palazzetto, davanti al pubblico novarese, e per aver siglato il mio primo punto. Ovviamente sono contenta del risultato della squadra e sono grata anche alle compagne per il supporto che mi hanno dimostrato. Erano tutte felici per me e questo dimostra lo splendido spirito di questo gruppo, in cui non esiste alcun “io” ma solo un “noi” che va al di là di tutto”.

Sostieni Volleyball.it