Champions League F.: Una Monza coraggiosa non basta nella bolgia di Istanbul. Vince il Vakif di Guidetti

1104

POOL B – 1. GIORNATA
VAKIFBANK ISTANBUL – VERO VOLLEY MONZA 3-1 (23-25, 25-23, 25-16, 25-21)
VakifBank ISTANBUL: Ozbay 2, Akman 1, Ogbogu 11, Braga Guimaraes 15, Haak 35, Bartsch-hackley 14, Aykac (L), Gulubay, Senoglu 1, Boz, Gunes, Gurkaynak. Non entrate: Acar (L), Cebecioglu. All. Guidetti.
Vero Volley MONZA: Lazovic 12, Van Hecke 7, Orro 1, Danesi 8, Davyskiba 16, Candi 6, Mihajlovic (L), Parrocchiale (L), Boldini, Negretti, Stysiak 7, Zakchaiou 2. Non entrate: Gennari, Moretto. All. Gaspari.
ARBITRI: Nastase, Sikanjic.
NOTE – Durata set: 33′, 31′, 24′, 29′; Tot: 117′.

ISTANBUL – Nonostante qualche assenza importante nell’economia della squadra di Marco Gaspari (oltre all’ormai consolidata mancanza di Mihajlovic è out anche Gennari) il suo Vero Volley Monza – sconfitto 3-1 in casa della corazzata Vakifbank Istanbul – archivia lo storico debutto in Champions League con la consapevolezza di aver giocato alla pari con uno dei club più quotati del mondo per almeno 3 set, con la possibilità – vanificata – di trascinare la sfida al tie break. Solo la prova di forza di Gabi e Haak nel 4° set  (da 9-16 a 25-21) ha permesso di chiudere prima la sfida.
Monza riesce stare al passo dell’avversario quando forza al servizio, ma quando ha calato l’intensità dai nove metri ha immediatamente permesso al Vakif di tornare in linea di galleggiamento e mettere in campo l’esperienza e la forza generata da un ambiente vincente.

Gaspari si affida nuovamente a Davyskiba e Lazovic, confermando Van Hecke come opposto. Le monzesi difendono tanto ed impattano bene il confronto, costruendosi proprio con i turni in battuta di Davyskiba, le difese di Parrocchiale, le accelerazioni di Van Hecke e Lazovic e la precisa regia di Orro, una bella fuga nella parte centrale del primo set, vinto poi con determinazione 25-23 grazie alle fiammate della neo entrata Stysiak.
Dal secondo gioco in poi, però, il VakifBank alza il ritmo e l’intensità, schiacciando forte con Haak e Bartsch-Hackley e sprintando nel finale di parziale verso il 25-23.
Spento l’entusiasmo delle italiane, Istanbul approccia fortissimo il terzo, comandato fin dall’inizio con una super Gabi e vinto 25-16, e rientra prepotentemente nel quarto con un break di importante dopo essere stata sotto 16-11 e 19-15.
Haak, MVP del match (35 punti per lei) chiude i giochi e interrompe la possibilità di risalità di una Vero Volley generosa ma non abbastanza da approfittare delle occasioni capitategli e del vantaggio avuto per lunghi tratti della sfida per allungare la sfida.
Per Monza, domani subito in Italia per preparare la trasferta del weekend a Cuneo, il battesimo europeo è stato comunque positivo e ricco di spunti di riflessione in vista del match casalingo dell’8 dicembre contro le francesi di Mulhouse, vincenti ieri sulle finlandesi di Salo 3-1.
HANNO DETTO
Katarina Lazovic (Vero Volley Monza):
Sono molto orgogliosa della mia squadra, brava a giocare alla pari contro una formazione ostica come il VakifBank. Sappiamo che loro sono uno dei club più forti d’Europa ma noi abbiamo dimostrato di saper giocare a questo altissimo livello. E’ chiaro che dispiace per quel quarto set, in cui potevamo spingere meglio e aggiudicarcelo. Questo è stato l’esordio in CEV Champions League per noi: siamo un team giovane e abbiamo espresso comunque una ottima pallavolo.Ogni gara dovremo dare il 100% perchè questa è la competizione dove tutti vogliono dare il massimo”.

Sostieni Volleyball.it