Champions League: La Lube chiude terza. 3-1 al Berlino di Serniotti

975

Finale 3°-4° posto
Cucine Lube CIVITANOVA – BERLIN Recycling Volleys 3-1 (29-27, 22-25, 25-21, 25-21) – il tabellino

ROMA – La Lube bissa il terzo posto della passata edizione superando 3-1 Berlino nella finalina.

SESTETTI – Nonostante i prossimi impegni di finale scudetto le 2 squadre quasi confermano le formazioni delle semifinali. Fanno eccezione Kuhner per Zhukouski da una parte; Cebulj per Kovar e Cester per Candellaro dall’altra.

PIU’ E MENO – Juantorena riscatta l’opaca prova di ieri risultando il migliore in campo con 21 punti, il 67% in att. e ben 5 ace. Bene anche Sokolov con 23 punti e il 61% in attacco. Berlino si aggrappa ai 25 punti di Carroll con un bel 63% in attacco, ma l’australiano cala nel finale e alla formazione di Serniotti manca un secondo attaccante su alte percentuali. Non sfrutta l’occasione concessagli da Blengini lo sloveno Cebulj: solo 30% in att. (10% di eff.) e 5 errori in battuta.

COSA VI SIETE PERSI – La serie finale al servizio di Juantorena nel quarto set: da 18-21 a 25-21 con 3 ace.

LA PARTITA
Nel primo set Berlino transita a +2 al primo time-out tecnico, scivola a -4 (17-13), ma poi riaggancia i marchigiani (18-18) e sorpassa con un muro di Kromm su Juantorena (20-21) ed un contrattacco di Carroll (20-22). Una pipe di Juantorena riagguanta Berlino in extremis annullando il secondo set-point (24-24). La Lube salva altri 3 set-point, sorpassa con l’ace di Christenson (28-27) e chiude con un contrattacco di Sokolov (29-27).

L’equilibrio permane anche nel secondo set con Berlino avanti di uno sia al primo che al secondo time-out tecnico. La Lube passa avanti con un ace di Juantorena (18-19), ma Carroll ribalta il punteggio (18-19) e Cebulj si fa murare (18-20). La Lube pareggia con un murone di Cester, ma Carroll la rispedisce a -2: 20-22. Kaliberda sostituisce Cebulj, ma un errore di Juantorena in attacco (21-24) e del rientrante Cebulj in battuta chiudono il set 22-25.

La Lube prova a partire meglio nel terzo set e sull’errore di Okolic si porta 6-3. Vantaggio che resta stabile al primo time-out tecnico (8-5) e cresce al secondo (16-12) anche se Cebulj continua a non brillare. Sul 18-15 entra Marshall per Kromm, ma la Lube allunga ancora con Juantorena in evidenza in attacco (6 punti col 75%) e in battuta (7 effettuate nel set) sino al 24-19. Al terzo set point chiude proprio una pipe dell’italocubano (25-21).

Nel quarto set la Lube allunga con un contrattacco di Juantorena (4-2) ed un muro di Cester su Schott (8-5). Berlino pareggia con 2 contrattacchi di Carroll che si conferma in gran giornata (9-9) e poi sorpassa con 2 muri di Okolic su Stankovic (10-12). Lo stesso Okolic regala il 12-12. Un errore in ricezione di Pesaresi sul servizio di Schott costa il 16-18, una murata su Sokolov vale il 18-21. Con i servizi di Juantorena la Lube però rimonta e chiude il conto: ace (20-21), palla out di Carroll contro muro piazzato (21-21), doppio muro di Cebulj su Carroll (23-21) e ancora doppio ace (25-21).

Sostieni Volleyball.it