Champions League: Montagne russe… Modena vince al tie break

Vittoria sofferta per l'Azimut Modena in casa del Resovia. Giovedì prossimo la gara di ritorno al PalaPanini

1703

ASSECO RESOVIA – AZIMUT MODENA 2-3 (25-23 19-25 27-25 19-25 12-15) – il tabellino

RESOVIA – Una Modena coriacea e che sopravvive alle topiche arbitrali del terzo set riesce a portare a casa un’importante successo in quel di Resovia, in una gara di andata giocata sulle montagne russe ma che garantirà all’Azimut, in caso di successo al ritorno con qualunque punteggio, il passaggio del turno senza golden set. Decisivo l’ingresso di Orduna per Travica da metà secondo parziale.

I PIÙ E I MENO – I 16 muri di Modena sono quasi un unicum in stagione, mentre i 10 ace di Resovia hanno messo in ambasce la ricezione di Rossini, Petric e Ngapeth. Ngapeth chiude col 50% in attacco su 44 colpi, Piano col 75%, mentre dall’altra parte della rete il migliore è Ivovic con 22 punti. Tra i migliori Holt, peggiore in campo l’opposto del Resovia Schops.

COSA VI SIETE PERSI  – Il catino di Resovia con 5000 spettatori e un tifo meraviglioso, la voglia di vincere di Ngapeth, due arbitri francamente non all’altezza del livello del match.

SESTETTI – Le Roux ha un problema a un ginocchio così Tubertini sceglie Piano al centro assieme ad Holt, con Orduna e Vettori sulla diagonale principale, Ngapeth e Petric alle ali, Rossini libero. Kowal gioca con Drzyzga e Schops (preferito a Jaeschke mentre Schmitt è sempre ai box) in diagonale, Perrin e Ivovic alle ali, Mozdzonek e Dryja al centro, Maslowski (al posto dell’indisponibile Wojtaszek) libero.

LA PARTITA – Il primo break è casalingo, ma Resovia sbaglia tantissimo prima di tornare avanti col servizio: ace di Ivovic, due mezzi ace di Dryja poi altro ace del subentrato Rossard: 21-17. L’Azimut prova a rientrare con Ngapeth ma i padroni di casa resistono e chiudono con Perrin 25-23.

Nel secondo set entra Orduna sul 14-12 Asseco e cambia la partita. Dal 18 pari Modena imprime un’accelerazione spaventosa al set: il primo tempo e il muro di Piano valgono il 21-18, Ngapeth rigioca il 22-18, Petric fa l’ace del 23-18, Vettori la parallela del 24-18, prima che chiuda l’errore di Rossard 25-19.

Nel terzo riparte Orduna. Modena va a +3, si fa agganciare due volte ma l’ace di Vettori sigla il 22-20. Mozdzonek mura Ngapeth per il 23 pari, Holt prova a chiudere a filo rete sul 24-23 ma gli arbitri fischiano fallo tra le veementi proteste gialloblù che si scompongono. Set point per Resovia sul 25-24 con l’attacco out di Vettori, chiude poi Nowakowski (entrato al posto di Dryja) su Holt 27-25.

Nel quarto Modena scappa subito 3-0, ha la rigiocata del +4 ma si fa fermare e mantiene solo un break di distanza dagli avversari. Il turno in battuta di Rossard (subentrato a Perrin) è terribile, Resovia è ancora pari, ma Ngapeth mura Schops a uno poi Rossard spara out, 15-12. Ngapeth scappa con l’ace e la pipe del 20-15. Il quinto muro di Holt vale il 23-17, chiude 25-19 l’errore di Schops.

Nel tie-break un doppio Ngapeth, il muro di Vettori su Ivovic e l’ace di Orduna segnano il vantaggio 5-1 per l’Azimut, che cambia campo con Vettori sull’8-3. Resovia reagisce e aggancia con due ace non consecutivi di Rossard (12-12). Modena però ha il guizzo giusto e chiude con Vettori 15-12.

Sostieni Volleyball.it