Champions League: Novara vince a Stoccarda, la società annuncia: “Nuovo biennale a Barbolini”

L'Igor a Stoccarda cede il primo set nel torneo continentale ma mette una seria ipoteca al passaggio del turno. Egonu ne mette a segno 33! La società annuncia il rinnovo di Barbolini

Quarti di finale: Andata
Allianz MTV Stuttgart  – Igor Gorgonzola Novara 1-3
(19-25 24-26 25-19 20-25) – il tabellino

STOCCARDA – Novara vince 3-1 nella gara di andata dei quarti di finale di Champions League femminile e a fine gara la società, sul campo tedesco, in diretta facebook annuncia il rinnovo di altri due anni con il tecnico Massimo Barbolini e tutto il suo staff, ancora azzurro fino al 2022.

SESTETTI –  Stoccarda parte con Kaestner in regia e Rivers in diagonale, Mc Cage e Tapp centrali, Wilhite e Schaeffer schiacciatrici e Koskelo libero; Igor in campo con Egonu opposta a Carlini, Chirichella e Veljkovic al centro, Bartsch-Hackley e Piccinini in banda e Sansonna libero.

LA PARTITA – Novara avanti subito con Chirichella (6-9) a segno in maniout, Egonu prolunga il break fino al 6-11 mentre Rivers riporta le padrone di casa sotto 10-13 e un fallo di Bartsch-Hackley vale il 14-15. L’americana si riscatta con la parallela del 17-21 e Novara non si ferma più, chiudendo 19-25 con un muro di Egonu su Schaefer.

Novara riparte forte (0-2, ace di Bartsch-Hackley), Wilhite ribalta (5-4) ma Novara torna avanti dopo un testa a testa serrato con Piccinini che prima difende e poi va a segno in maniout (12-14). Stoccarda ferma il gioco, sul turno in battuta di Rivers si porta 17-14 ma Novara rientra ancora con Egonu (37 punti nel match per lei) che fa 19-19 in diagonale e Nizetich, appena entrata, concretizza una gran difesa di Zannoni (19-20). Nel punto a punto finale, Piccinini conquista il set ball con un diagonale pazzesco (23-24) e ai vantaggi è un ace di Egonu (24-26) a fare 0-2.

Stoccarda reagisce (7-3) con un muro di Mc Cage, Barbolini ferma il gioco e le azzurre rientrano con due muri di Chirichella e una fast della centrale (8-8) e poco dopo Bartsch-Hackley propizia il break del 9-12. Novara rimane avanti fino al 15-17, Bugg cambia l’inerzia a muro (18-17) e il sestetto tedesco, rivoluzionato, trova un break importante e chiude 25-19, infliggendo la prima sconfitta in un parziale alla Igor nell’attuale Champions League.

Novara riprende il filo e scappa subito sul turno in battuta di Veljkovic, che da 5-7 lancia le azzurre 5-11 con un muro di Piccinini. Il tecnico tedesco cambia ancora, Novara non allenta il ritmo e alza il ritmo in battuta con Egonu (6-13, ace) e Chirichella (9-17) ma Van Daelen (11-17) e Schaefer (14-19) non si arrendono, con Stoccarda che torna sotto fino al 17-20; Egonu (diagonale, 17-21) e due muri (Chirichella e Carlini) valgono il 18-23 e poco dopo Bartsch-Hackley chiude i conti in diagonale, sul 20-25.

HANNO DETTO

Stefania Sansonna (libero Igor Gorgonzola Novara): “Siamo felicissime, è un successo importante e arriva al termine di una partita in cui le nostre avversarie non ci hanno concesso nulla. Hanno tenuto un ritmo altissimo, hanno combattuto su ogni pallone e alla fine abbiamo dovuto fare il nostro meglio per ottenere il successo. Ora guardiamo alla gara di ritorno in casa ma prima c’è un match per noi importantissimo, contro Busto Arsizio”.

Massimo Barbolini (allenatore Igor Gorgonzola Novara): “Sono orgoglioso di legare il mio futuro alla Igor Volley, ringrazio il club per la fiducia e sono convinto che ci siano basi ottime per lavorare e programmare il futuro. Intanto, però, rimaniamo concentrati sulla stagione in corso: abbiamo dei traguardi da inseguire, dei trofei da vincere. Oggi abbiamo fatto un primo passo nei quarti di finale di Champions League”.

Sostieni Volleyball.it