Villa Cortese si Quarti di finale – foto Cev
DINAMO MOSCA – MC-CARNAGHI VILLA CORTESE 0-3 (15-25; 22-25; 23-25) – il tabellino

MOSCA – Il punto più alto della storia europea della MC-Carnaghi Villa Cortese è stato raggiunto. Non c’è stato bisogno di alcun Golden Set, Berg e compagne si sono andate a prendere la qualificazione giocando una partita quasi perfetta e battendo a domicilio la Dinamo Mosca 3-0.

CHE SFIDA – Nel return match degli ottavi di finale di Champions League la MC-Carnaghi Villa Cortese ha cercato sin dai primi scambi di togliere il fiato alle padrone di casa della Dinamo Mosca.  Primo set che la formazione cortesina vince grande alla grande organizzazione muro difesa in netta crescita nelle ultime partite. Marcello Abbondanza ritrova il proprio capitano e palleggiatrice Lindsey Berg, confermando per cinque sesti la squadra che ha vinto al tie break la partita di andata al PalaBorsani. Confermata come Ramona Puerari come unico libero. 

DIFESA VINCENTE – La MC-Carnaghi Villa Cortese ha voglia di andare a prendersi la qualificazione ai quarti di finale e sembra stringere il campo. In difesa le biancoblu sono ovunque, giocando con generosità i fondamentali di seconda linea. I palloni raccolti in difesa sono un’infinità che Berg amministra con grande acume. Mosca non legge le intenzioni della palleggiatrice statunitense ed il temibile muro rosso raccoglie un solo punto diretto contro i tre cortesini. Villa Cortese archivia il primo set 25-15 senza grandi difficoltà.

SI LOTTA – Le prime complicazioni arrivano nella seconda frazione di gioco, quando Villa Cortese si lascia rosicchiare quattro punti di vantaggio e Marcello Abbondanza chiama il primo time out della partita sul 16-18. Mosca trova la parità del 18-18, ma Wilson desta tutte e firma il diciannovesimo punto. Punto a punto tra le due formazioni fino al muro di Guiggi che vale il doppio vantaggio (21-23).  Proprio la centrale pisana vola su due fast indirizzate da Berg conquistando set point e chiudendo il parziale.  La partita non è finita. Mosca prova a riaprire la partita così come aveva fatto a Castellanza e firma un buon avvio  (5-2). Due muri su Morozova di Lucia Bosetti fanno intuire che per Mosca non c’è scampo. Villa Cortese si ricompatta, gioca con lucidità una partita a scacchi. Non si danna l’anima quando si vede superata di due lunghezze da Ortiz (17-15) e con i muri di Wilson e Pavan si prende nuovamente parità e vantaggio (17-18.). Le due nordamericane firmano il finale del set. Sarah Pavan è una furia in attacco, mentre Wilson firma l’ace che fa presagire che Villa Cortese questa sera compirà l’impresa (20-23).  Mosca ha l’ultima fiammata (23-24) ma Guiggi in fast (eccellente il suo 81% in attacco complessivo) la spegne e fa partire la festa delle cortesine.