Champions League: ZAKSA – Kemerovo 1-3. Poletaev guida i russi in semifinale

331

Champions League: Quarti di finale: Ritorno (11 marzo)
ZAKSA KĘDZIERZYN-KOŹLE – Kuzbass KEMEROVO 1-3 (25-21, 23-25, 18-25, 20-25) – il tabellino (andata: 3-2)

KĘDZIERZYN-KOŹLE – La prima sconfitta stagionale in Champions League è subito fatale allo ZAKSA Kedzierzyn-Kozle di coach Grbic e Parodi (entrato solo nel 2° e nel 3° set). Trascinato dai 24 punti di Poletaev (53% di vinc. e 35% di eff. in att., 2 muri e 1 ace) il Kuzbass Kemerovo vince 3-1 ribaltando il 2-3 casalingo ed è la seconda semifinalista della Champions League dopo la Cucine Lube Civitanova. Nel prossimo turno (coronavirus permettendo) se la vedrà contro la vincente dell’incrocio tra Perugia e Fakel.
Come noto il match odierno si è giocato a porte chiuse.

LA PARTITA
1° set: Numerosi i break point (4-4) nella prima parte del primo set, ma le due squadre restano a contatto: 9-9. Poletaev concede l’11-9, ma sfruttando le battute di Sivozhelez (un ace) Kemerovo ribalta la situazione: 11-13. Poletaev firma il massimo vantaggio ospite (12-15), ma lo ZAKSA ricuce sul turno di battuta di Baroti (il secondo ace personale vale il 15-15) e scappa via su quello di Semeniuk che piazza gli ace del 17-16 e del 20-16. E’ il break decisivo: Smith mette a terra il 25-21. I 4 ace dello ZAKSA fanno la differenza, non bastano i 7 punti di Poletaev.

2° set: Parziale punto a punto sino all’8-8, poi il Kuzbass allunga e tocca il +3 con l’ace di Sivozhelez: 8-11. Un’invasione su Poletaev costa il 10-14. L’opposto mancino sbaglia (12-14), ma Karpukhov riporta i suoi a +4 con un ace: 12-16. Lo ZAKSA reagisce prima con un contrattacco di Sliwka (15-17) e poi sfruttando la P1 ospite con un muro di Baroti su Poletaev (17-18), l’errore di Sivozhelez (18-18) ed il contrattacco di Sliwka (19-18). Sivozhelez fa uscire i suoi dalla P1 (19-19) e poi è lo ZAKSA a piantarsi nella famigerata rotazione concedendo 2 contrattacchi a Poletaev: 19-21. Entra Parodi per Baroti in posto 4, ma è murato Sliwka (19-22). Parodi va a segno (20-22) e Wisniewski prova a riaprire il set con l’ace del 22-23. L’errore in battuta di Wisniewski (22-24) e l’attacco di Poletaev (23-25) danno il pari ai russi. Crolla al 30% (contro il 48%) l’attacco dello ZAKSA, Poletaev ancora top scorer con 7 punti.

3° set: Dopo l’iniziale 2-0 lo ZAKSA prende subito 4 punti consecutivi: 2-4. Dentro Parodi per Semeniuk. Sliwka pareggia con un ace (7-7), ma è Kemerovo a scappare: muro su Parodi (8-10)  e contrattacchi di Karpukhov (8-11) e Poletaev (8-12) che sfruttano le difese su Parodi. Non passano nemmeno Smith (9-14) e Baroti che attacca out (9-15). Grbic prova Stepien in regia per Toniutti, poi entrano anche Grygiel e Lukasik, ma il distacco non si riduce e Poletaev (ancora top scorer del set con altri 6 punti) firma il 18-25. Polacchi al 37% in att., russi al 65%.

4° set: Lo ZAKSA ripropone la formazione iniziale ed approccia bene il set: 8-6. Tre punti consecutivi di Karpukhov portano però avanti gli ospiti: 8-9. Wisniewski concede il 12-14 con un attacco out e Poletaev avvicina i suoi al successo con un altro contrattacco: 13-16. Il fallo in palleggio di Toniutti (14-18) suona come una resa ed i polacchi infatti non riescono ad accorciare le distanze: 19-23. Sivozhelez trova un gran punto dopo una bella difesa dei compagni (19-24) e Pashytskyy firma il punto decisivo: 20-25. Non basta l’86% in att. nel set di Baroti (6 su 7) per compensare lo 0/4 di Semeniuk e l’1 su 4 di Wisniewski mentre i russi attaccano al 60% di squadra.

Sostieni Volleyball.it